Passa ai contenuti principali

Polpettine VEG al profumo di menta, con mousse di burrata

Dopo una pessima giornata, sono tre le cose che più mi rilassano e rasserenano: la lettura di un buon libro, una corsetta fuori all'aria aperta e spadellare.
Dopo una giornata che dire snervante è dire poco, ho così deciso di buttarmi sulla cucina: tanto c'è sempre qualcuno a godere del prodotto della mia tensione nervosa accumulata!
Quello che propongo a voi oggi è il menù di questa mia serata dopo una giornata NO, per un téte-à-téte assolutamente distensivo: polpettine VEG di melanzana profumate alla menta e spaghetti in crema piccante di broccoletti, il tutto servito con una deliziosa mousse di burrata.
Ma cominciamo con le sfiziosità: polpettine di verdure, ideali per un buffet, un aperitivo o come antipasto. Le polpette VEG sono un'ottima alternativa alle più classiche, a base di carne e si prestano alle più disparate e originali varianti (ricordiamo che lo Chef Barbieri ha ampiamente trattato l'argomento in un libro dedicato).
Questa volta la mia proposta vede delle polpettine di melanzana, legate con uovo, parmigiano e pangrattato, profumate con qualche fogliolina di menta. Le ho farcite con il "guscio contenitore" della burrata, accompagnandole con una mousse ottenuta passando al mixer il cuore della burrata con del latte e un filo d'olio EVO.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

La Lista degli Ingredienti
 
Per le polpettine veg
300gr di melanzane
60gr di pangrattato
60gr di parmigiano reggiano
1 burrata (della quale preleverete la parte esterna, per la facitura)
1 cucchiaio di tahina
1 uovo di media grandezza (bio)
1 spicchio d'aglio
peperoncino, a piacere
menta, 5/6 foglioline
olio EVO, q.b.
sale, q.b.
 
Per la mousse
1 burrata (il contenuto)
latte intero, qualche cucchiaio
olio EVO, q.b.
sale, q.b.
pepe, q.b.
 
Per la guarnizione
menta, qualche fogliolina
 
Come procedere

Lavate e spellate le vostre melanzane, tagliatele a dadini e fatele dorare in una padella dove avrete precedentemente fatto soffriggere un poco d'olio EVO, uno spicchio d'aglio in camicia e del peperoncino.
Una volta che saranno cotte, passatele al mixer, aggiugendo le foglioline di menta e un cucchiaio di tahina.
Trasferite il composto ottenuto finora in una ciotola pittosto capiente, dove andrete ad incorporare i restanti ingredienti: il pangrattato, il parmigiano, l'uovo. Aggiustate di sale e pepe e mescolate bene il tutto fino a che gli ingredienti siano perfettamente amalgamati.
Avendo ottenuto un composto morbido ma lavorabile, potrete partire con la preparazione delle polpettine, delle dimensioni di una noce, e farcirle con la burrata ridotta a tocchetti (la parte esterna).
Preriscaldate il forno ventilato a 200° e cuocete le polpettine per 20' circa, in una pirofila unta con un filo d'olio. Poco prima di aver ultimato la cottura, passate alla funzione grill.
Sfruttate il tempo di cottura delle polpette per preparare la mousse di burrata. Passate al mixer il cuore della burrata con qualche cucchiaio di latte intero e un filo d'olio, aggiungete un pizzico di sale e pepe. Et voilà, avrete ottenuto un'ottima salsa d'accompagnamento per le vostre polpettine VEG.

I miei Suggerimenti
 
Impiattate singolarmente le polpettine creando una base con la mousse di burrata e decorando con qualche fogliolina di menta.
E' difficile stabilire con certezza quali siano le giuste proporzioni per ottenere un composto adatto a realizzare le vostre polpette. Se ritenete che sia troppo morbido e poco lavorabile, aggiungete del pangrattato fino a raggiungere la consistenza desiderata.

 

Commenti

  1. ciao e complimenti per la ricetta, spettacolare! mi hai fatto venire fame solo a vederla!

    volevamo avvisarvi che è partito il nuovo contest di ricette a base di latticini e formaggi L’ArTTE IN CUCINA organizzato da “A FUOCO LENTO – l’appetito vien mangiando!”
    CLICCA QUA PER PARTECIPARE

    perchè non partecipi anche tu, magari proprio con questa ricetta?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…