Passa ai contenuti principali

Wellness cookies con farina integrale, mandorle, cacao e bacche di Goji

Era da settimane che mio marito mi tampinava perché arso dal desiderio di sentire la casa pervasa dal profumo di biscotti appena sfornati e io facevo orecchie da mercante, perchè tutta presa da altri progetti, culinari e non. Alla fine, ho ceduto e mi ci sono messa, anche se - a dirla tutta - lui sognava dei biscotti che trasudassero burro e colesterolo, non proprio il genere di biscotto per salutisti.
Ma io alla salute di entrambi qualche volta ci penso e, con questo chiodo fisso in testa, ho partorito questa ricetta sana ed equilibrata, con gusto ma senza troppi sensi di colpa. 
Fu così che nacquero questi cookies realizzati in collaborazione con bacche di Goji: le bacche del benessere, ricche di antiossidanti e vitamine.
Dedicato a chi a colazione ama indugiare e prendersi i propri tempi. Noi, con i nostri bioritmi lenti. Noi, che sbocconcelliamo due o tre biscotti e beviamo il tè a piccoli sorsi, degustando ogni boccone ed assaporando ogni istante. Senza frenesia, il modo giusto per salutare il nuovo giorno col sorriso.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!


La lista degli Ingredienti
per (indicativamente) 30 biscotti

bacche di Goji, 6 cucchiai
100gr di farina tipo integrale
100gr di farina tipo 00
40gr di farina di madorle
80gr d zucchero di canna integrale

120ml di latte di mandorla + q.b. per reidratare le bacche di Goji
cacao amaro, 2 cucchiai
lievito vanigliato per dolci, 2 cucchiaini
sale, un pizzico
20gr di burro di cacao

Come procedere

Prima di tutto, mettete le bacche di Goji a reidratarsi in una ciotolina con del latte di mandorle, per 10/15 minuti.
In una ciotola piuttosto ampia e dai bordi alti, cominciate col raccogliere gli ingredienti secchi: le farine, lo zucchero, il cacao, il lievito e una presa di sale.
A questo punto aggiungete le bacche e gli ingredienti liquidi e cominciate ad lavorare il composto fino fino ad avere un impasto compatto e sodo, simile ad una frolla.
Avvolgete l'impasto in un foglio di pellicola e lasciate roposare in frigorifero per una mezzora almeno. Trascorso il tempo di riposo, infarinate leggermente il piano e stendete la pasta con il mattarello. Ricavate i vostri biscotti, ritagliandoli con degli stampini a piacere.
Preriscaldate il forno a 180°, foderate una leccarda con della carta forno e disponete i biscotti che avrete ritagliato ben distanziati (ci vorranno almeno due infornate). Cuocete i vostri biscotti per 15', in forno statico.

I miei Suggerimenti

Sfornate i biscotti e lasciateli raffreddare su una gratella prima di procedere alla degustazione.
Serviteli per colazione, accompagnandoli ad una fumante tazza di tè bianco - noto per le proprietà antiossidanti - per una colazione del benessere. Completate con succo d'arancia rossa o di pompelmo.
Conservate il biscotti in una scatola di latta o in un barattolo a chiusura ermetica.

Commenti

  1. questa ricetta la promuoviamo a pieni voti!!! Ci piace tantissimo!!!!

    RispondiElimina
  2. Che delizia!! Da assaggiare e da provare!! ;)

    RispondiElimina
  3. Sembrano proprio buonissimi... e non trasudano di colesterolo, anzi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semplici, buoni e sani! Grazie per essere passato, Andrea!
      Un abbraccio
      Lore

      Elimina
  4. E tu la chiami cucina modesta? Certo.... continua pure a proporcela così, perché sei una grande fonte di idee.
    Grazie di avermi permesso di conoscerti. Divento tua follower in tutti i modi permessi: non mi perderò una sola puntata della tua meravigliosa avventura.
    Un abbraccio e complimenti per questi biscotti (ed evviva il marito che ha insistito per viverne il profumo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erica, sei troppo carina! La mia è una cucina modesta e il mio un blog di poche pretese, dove ho il piacere di prender nota delle mie ricette e poterle condividere co n una schiera di appassionate... Sono onesta in questo! :-D
      Ti ringrazio infinitamente per tutta questa fiducia e per tutto questo entusiasmo! Felice di seguire la tua avventura e di poter condividere un sacco di ricette e di tricks del non mestiere!
      Un bacione tesoro!
      Lore

      Elimina
    2. ^_^ Mi piaci già un sacchissimo. Ah, non si dice? Beh, troppo tardi ^_^

      Elimina
    3. Colpo di flmine, direi ^_^

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!