Passa ai contenuti principali

Tapenade alla provenzale

Complice la bellissima giornata di oggi, eccomi qua con una gran voglia di scuotermi dal torpore invernale in cui mi sono sopita; di vivacizzare i colori del guardaroba, accantonando la tavolozza dei neri, dei grigi e dei marroni; di abbandonare il comfort food - vellutate, zuppe & co. - per adottare una cucina più fresca e sfiziosa e vivere-vivere-vivere all'aria aperta: che bello è raccogliere i capelli alla maniera dei samurai, inforcare le scarpette da running, le cuffiette e correre su strada, con un cielo di lapis che si staglia all'orizzonte e il paesaggio variegato e di una bellezza impressionante, con il verde, l'aperta campagna e la difficoltà del sali-scendi.
Oggi voglio portare sulla mia e sulle vostre tavole un anticipo della primavera con questa meravigliosa tapenade provenzale, buona per condirci una pasta lunga - magari integrale o di farro - oppure in semplicità, al naturale, spalmata sopra ad un cracker o una fetta di pane tostato.
La tapenade io l'adoro: quella che è molto più di una semplice crema d'olive, un vero concentrato di sapore, che mi riporta alla bellezza della Francia del Sud, da cui l'abbiamo impunemente importata, copiata, rivisitata.
Olive denocciolate di Riviera (preferibilmente Taggiasche o Leccino), erbe aromatiche, aglio, acciughe, capperi, limone e un pizzico di senape forte di Dijon. E olio, di quello buono, di un verde lancinante, di corpo e struttura. Sapori bilanciati e dosati con sapienza, ma sfacciati e persistenti: per veri amanti del gusto intenso.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete i vostri ospiti!


La lista degli Ingredienti

100gr d olive nere denocciolate (preferibilmente Taggiasche o Leccino)
2 filetti di acciuga
30gr di capperi dissalati
1/2 cucchiaino di senape forte di Dijon
15ml di succo di limone
1/2 spicchio d'aglio
2 rametti di timo
pepe nero, a piacere
olio EVO, un cucchiaio e 1/2

Come procedere

Nel bicchiere di un mixer ad immersione, raccogliete tutti gli ingredienti: le olive denocciolate, l'aglio sbucciato e privato dell'anima, le acciughe sottolio, i capperi dissalati, il timo, la senape, l'olio e il succo di limone. Aggiustate di pepe e frullate il tutto molto bene, fino ad ottenere una crema spalmabile.

I miei Suggerimenti

La tapenade è perfetta con formati di pasta lunga ed è preferibile abbinarla alla ruvidezza di una pasta integrale o di farro. Si accompagna molto bene sia alla carne, che al pesce. Può essere servita come antipasto, con dei crostini di pane tostato.
Si conserva per qualche giorno in frigorifero.

Commenti

  1. Buonoooo,mi sembra ottimo con del pane casareccio. Proverò sicuramente. Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ci provi, fammi sapere se hai gradito... E' una cosa semplice ma spettacolare nel gusto! Ciao bellina
      A presto
      Lore

      Elimina
  2. Deliziosa preparazione, da rifare!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' ottima davvero... Se replichi, fammi sapere quel che ne pensi! :-)
      A presto
      Lore

      Elimina
  3. ne sento il profumo.. buonissima! ti immagino, a correre nella tua bella Brianza! un bacione grande ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci devi venire anche tu a correre in Brianza con me! Ti aspetto con cuffiette e scarpe ginniche la prossima volta che sarai in zona! Leti-fit! Ciao bellina, buona serata
      Mille baci

      Elimina
  4. ottimo suggerimento. Delle cose così buone e genuine si comprano sempre già pronte perdendone tutta la freschezza. Belle anche le foto.
    Se ti va di fare un giro ed unirti www.passionelight.it
    A presto
    Lorena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lorena, hai perfettamente ragione... Capita spesso anche a me di fermarmi al supermercato nel reparto in cui vendono tutte quelle salsine pronte ed invitanti... Ma non compro mai nulla perché, riflettendo, mi rendo conto che ci vuole davvero poco per produrre qualcosa di sfizioso, genuino e fatto in casa... Da oggi ti seguo volentieri! :-D
      Un bacione
      Lore

      Elimina
  5. non conoscevo questa preparazione! però mi piace vedendo gli ingredienti! ho voglia di primavera pure io! ma continua a piovere :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emanuela, tranquilla... E' stata solo un'illusione anche per me... Oggi acqua a catinelle! E' buona vera questa preparazione, provala e fammi sapere!
      Bacioni tesoro
      Lore

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…