Passa ai contenuti principali

Maki in the making. Mini-Sacher torte maki

In collaborazione con GreenGate
Sono convinta che alcune ricette della tradizione nazionale ed internazionale esulino dalla spasmodica ricerca della leggerezza. Quanto proposto deve giocoforza essere l'originale e non un surrogato di.
E allora, per dare un taglio alle calorie, non resta che giocare sulle dimensioni, portando in tavola monoporzioni formato bonsai. A questo punto, la decisione si fa individuale: si può scegliere se, quando e quanto.
Questa idea un po' matta di una sorta di gemellaggio tra Austria e Giappone nasce in collaborazione con Silikomart, azienda leader nella produzione degli stampi in silicone, che propone ora sul mercato una nuova linea di stampi di ispirazione orientale: Sushi Maki, Roll, Gunkan  Nigiri. Come il Made in Itali si rifà al Sol Levante.
E così, abbandoniamo i terribili maki con nutella ed alga nori che, di tanto in tanto, fanno capolino al sushi bar, per trarre una soddisfazione immensa nel degustare con le bacchette un tipico dolce austriaco: la Sacher torte.
Questo buonissimo dolce mi costringe a fare un salto indietro di qualche anno, quando feci un tour toccando Praga, Vienna e l'Istria. Vienna è una città meravigliosa, a misura d'uomo, ricchissima d'arte e cultura. E indimenticabile è stata per me la Sacher torte di Demel, la pasticceria storica e più raffinata del centro, dove è possibile vedere all'opera i maître chocolatier ed i pasticceri nel proprio laboratorio creativo.
Dolce ma non stucchevole, con una farcitura a base di confettura d'albicocche - rigorosamente homemade - ed una golosa glassa al cioccolato: un morsetto di paradiso.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!


La lista degli Ingredienti
per 15 Mini-Sacher torte maki

Per i maki
65gr di cioccolato fondente (il mio Venchi)
70gr di farina tipo 00
70gr di burro di buona qualità
50gr di zucchero a velo vanigliato
3 uova bio
1/2 baccello di vaniglia Bourbon
1 pizzico di fleur de sel

Per la glassa
35gr di zucchero semolato extra-fine aromatizzato alla vaniglia
25gr di cioccolato fondente (il mio Venchi)
20ml di acqua

Per la farcitura e la guarnizione
confettura di albicocca, 2 cucchiai
albicocche secche, 15pz
fiori edibili di lavandula officinalis, q.b.
cioccolato fondente, q.b. (il mio Venchi)

Come procedere

Lavorate con la frusta elettrica il burro con lo zucchero a velo e il contenuto di una 1/2 bacca di vaniglia Bourbon, fino a raggiungere una consistenza cremosa.
Separate gli albumi dai tuorli ed aggiungete al composto di burro e zucchero questi ultimi, uno alla volta.
Tritate grossolanamente del cioccolato fondente e scioglietelo a bagnomaria (per velocizzare l'operazione, potete utilizzare delle gocce di cioccolato). Lasciate intiepidire ed unitelo al composto di burro, zucchero e tuorli.
Montate a neve gli albumi con un pizzico di fleur de sel ed aggiungeteli alla crema, mescolando delicatamente dal basso verso l'alto per non smontarli.
Setacciate la farina 00 con accuratezza, per due volte almeno, prima di unirla al composto ed amalgamare bene il tutto.
Versate l'impasto classico per la Sacher torte nello stampo Sushi Maki di Silikomart, colmandolo, per assicurarvi che, in cottura, i maki assumano la forma desiderata, con tanto di cavità superficiale una volta rovesciati. Cuocete in forno preriscaldato a 170° per 15'. Sformate i maki, lasciateli raffreddare su di una gratella e livellateli con un coltello perché l'impasto, lievitando in forno, assumerà la tipica forma convessa.
A questo punto, tagliate i maki in due parti e farciteli con della confettura di albicocche, leggermente riscaldata. Ricomponete le vostre mini-Sacher torte.
Preparate la glassa al cioccolato, scigliendo in una casseruola lo zucchero semolato alla vaniglia con acqua. Portate lo sciroppo ad ebollizione, levate dai fuochi e aggiungete il fondente, mescolando fino a completo scioglimento. Lasciate intiepidire la glassa e con essa riempite le cavità sovrastanti i vostri maki, aiutandovi con un cucchiaino da tè o una sac-à-poche.
Guarnite con del cioccolato fondente grattugiato.

I miei Suggerimenti

Trasferite i mini-Sacher torte maki su di un piatto da portata e completate la presentazione alternandoli con delle albicocche essiccate divise a metà e fiori edibili di lavandula officinalis. Degustateli obbligatoriamente con bacchette giapponesi.
E con la torta che avrete scartato durante l'operazione di livellamento i maki e l'avanzo della glassa, potrete realizzare degli strepitosi cake-pops.

Come foodblogger ufficiale per WoMomS, ho proposto una versione in qualche modo semplificata di questa ricetta che a casa mia ha fatto molti proseliti, per bontà ed impatto visivo, nell'una e nell'altra versione. Vi lascio il link così che anche le meno esperte si possano cimentare nella realizzazione di queste bontà che stanno nel palmo di una mano, con crema di nocciole e cocco rapé.

Commenti

  1. Tralasciando il fatto che la sacher e' una delle mie torte preferite... cosa sono queste meraviglie mignon? Una dietro l'altra sparirebbero alla velocita' della luce se avessi quel bel piattino qui ora!!! Complimenti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido in pieno!!! Più che dare un taglio alle calorie io le triplicherei!!! Sono invitantissime ed una tira l'altra!! Bella bella bella l'idea del gemellaggio con il Giappone...evviva la tradizione!

      Elimina
    2. Senza esagerare, ragazze! Sapete che sono fissata con la linea! :-D

      Elimina
  2. Mitica!!!!!! Bellissima presentazione!! Brava!!

    RispondiElimina
  3. Tu sei un genio Lore... la mia amata Sacher versione giapponese e mignon... sei bravissima veramente!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piacerebbe tanto essere l'Einstein dei fornelli ma mi rendo conto che ce n'è di strada ancora da percorrere! Grazie a te, che sai sempre come tenere alto il mio morale! Un bacio

      Elimina
  4. Ma che bellezza queste mini tortine loredana...bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite alla più bella e brava del web! Baci

      Elimina
  5. Presentazione originalissima! Complimenti ! Molto bello l'accostamento marrone/arancione! Che voglia di mangiare queste mini sacher!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente... Un bel gioco cromatico, ma vi garantisco una perfetta alchimia di sapori.
      Mille baci, giovani!

      Elimina
  6. Piacere di conoscerti, sono molto molto carini questi mini maki sacher, un'idea originale, esteticamente bella e molto gustosa, a presto!

    RispondiElimina
  7. Come presenti tu le cose non lo fa nessuno, sei veramente brava Loredana! Che bello seguirti anche da qui!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…