Passa ai contenuti principali

It's comfort food time. Crema speziata di zucca, mela Annurca campana e lenticchie decorticate, con apple chips e speck croccante

In collaborazione con GreenGate
Con queste ricette autunnali mi sono davvero messa d'impegno, cercando di stare al passo per quanto mi è possibile, compatibilmente con gli impegni di lavoro e di vita privata.
E con questi primi rigori, è confortante il pensiero di tornare a casa e preparare qualcosa che riscaldi lo stomaco e il cuore, concludendo magari la serata in bellezza: avviluppata tra le coperte, illuminata da una luce soft, leggendo un buon libro.
L'idea di questa crema ruota attorno alla mela, in una sua particolare varietà tipica della regione Campania. Un frutto delizioso, piccolo, croccante e con una spiccata acidità. La vediamo indiscussa protagonista delle preparazioni dolci come lo strudel e l'apple pie; la si vede anche spesso nelle preparazioni salate, nei risotti e nella paste, associata a salumi e formaggi con una certo grado di sapidità. Però in una una preparazione di questo tipo, francamente non l'avevo vista mai.
Una crema dal gusto davvero particolare ma indiscutibilmente molto buona per gli amanti del genere: con la dolcezza della zucca, la punta d'acidità della mela, il corpo delle lenticchie decorticate. Ingredienti che si sposano a meraviglia con il mix di spezie che ho scelto: un curry abbastanza morbido (che arriva direttamente dallo Sri Lanka), il ginger ed il peperoncino verde piccante. Infine, arriva lo speck croccante e fortemente sapido, a chiudere la perfezione di questo cerchio giottesco.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!


La lista degli Ingredienti
per 3 persone

Per la crema di zucca
500gr di zucca mantovana bio
100gr di lenticchie decorticate
mela Annurca, 2
3 cipollotti freschi
peperoncino verde piccante (fresco), q.b.
zenzero, 1 pollice
curry (mild), 1 cucchiaino e 1/2
1 spicchio d'aglio
brodo vegetale, q.b.
fleur de sel, q.b
olio EVO, q.b.

Per le apple chips
1 mela Annurca

Per la guarnizione
50gr di speck in una sola fetta

Come procedere

Preparate il brodo vegetale con una costa di sedano, una carota, una cipolla e qualche foglia di alloro. Tenete in caldo.
Preparate le apple chips. Lavate e tagliate la mela Annurca a fette molto sottili. Ponete le fettine di mela distanziate su una leccarda rivestita di carta forno. Cuocetele in forno ventilato, a 100° per 90' minuti. Lasciatele riposare nel forno spento ma ancora caldo, in modo che non venga interrotto il processo di essiccazione delle chips di mela.
Preparate la zucca tagliandola a tocchetti e cuocetela separatamente in una padella antiaderente con uno spicchio d'aglio in camicia ed un filo d'olio, finché sarà ben morbida. Aromatizzatela con dell'alloro, aggiustate di sale e pepe e portate a cottura. Tenete da parte.
A questo punto avviate la preparazione della crema di zucca. Sbucciate lo zenzero, riducete la polpa in purea e con l'aiuto di un colino a maglie fitte ricavatene il succo.
Affettate al velo tre cipollotti freschi e fateli soffriggere in una pentola piuttosto capiente con olio EVO, un cucchiaino e mezzo di curry di media potenza e del peperoncino verde piccante (fresco). Aggiungete le mele lavate, sbucciate e tagliate a cubetti. Rosolatele, sfumatele con il succo dello zenzero e proseguite la cottura finché saranno ben morbide. A questo punto, aggiungete le lenticchie decorticate, la zucca già cotta ed il brodo. Da questo momento, le verdure saranno pronte nel giro di un quarto d'ora. Riducete le verdure e le mele in una sorta di vellutata aiutandovi con un frullatore ad immersione. Se necessario e se ritenete che la crema si troppo densa, aggiungete del brodo caldo.
Mentre preparate la crema di zucca, mele e lenticchie, non dimenticate la guarnizione: tagliate lo speck a fiammifero e rendetelo croccante in padella, senza grassi aggiunti. Scolate su carta assorbente e tenete da parte fino al momento di servire.

I miei Suggerimenti

Impiattate e servite caldo. Completate con un giro d'olio e decorate con apple chips e speck croccante, secondo vostro gusto.
Accompagnate il piatto con una fresca ginger beer o - se non la doveste trovare - una rader.
In questo contesto, le chips di mela sono state preparate ad hoc per accompagnare una preparazione salata. Potete però tranquillamente considerarle come uno snack appetitoso e sano ed aromatizzarle in cottura con dello zenzero, della scorzetta di limone, della cannella: quel che più gradisce il vostro esigente palato.

Con questa ricetta partecipo al contest "Ricette d'Autunno".

Con questa ricetta partecipo al "Frutta Contest"di The Kitchen Nook.

Commenti

  1. Troppo troppo troppo buona!!!!!
    Adoro la zucca e allo stesso modo lo speck croccante, ma anche le lenticchie...insomma tutto :))
    Un bacio

    RispondiElimina
  2. Brava, brava, brava! Uno spettacolo di piatto!!

    RispondiElimina
  3. molto particolare questa vellutata loredana...come del resto tutti i tuoi piatti! Parlano sempre di te! un bacione

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!