Passa ai contenuti principali

Muffin di castagne con pecorino toscano, pere caramellate al miele di castagno e noci

Non si dice gatto se non ce l'hai nel sacco. E, allo stesso modo, non si dice blogger se sono si fanno muffin.
Era da un bel pezzo che non ne sfornavo e così non ci ho pensato due volte a preparali alla prima occasione utile, ossia una di quelle in cui ci si ritrovi numerosi, tutti seduti allo stesso tavolo.
Abituata come sono a cucinare per due, tante volte è bello essere attorniati da amici e familiari, che in quel momento sono lì per te, con tutta la voglia di stare bene insieme e condividere quello che di bello o meno bello la vita ha offerto loro.
Volevo dar vita a qualcosa di unico, in linea con la stagione autunnale e ho subito pensato a come dare una nuova luce al binomio perfetto tra cacio e pere. Così, a completare il quadro, si sono aggiunti la farina di castagne, il miele di castagno e le noci.
Un'idea che ha suscitato grandi proseliti, dei bocconcini irresistibili per celebrare questo Autunno così proficuo e ricco di tante belle sorprese che saranno svelate, poco per volta.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete i vostri ospiti!


La lista degli Ingredienti
per 6 muffin per grandi appetiti e 7 mini-muffin per piccoli appetiti

100gr di farina di castagne
75gr di farina integrale
75gr di farina manitoba
200gr di pecorino toscano
50gr di noci
1 pera abate
1 cucchiaio di miele di castagno
2 uova bio di media grandezza
100ml di latte intero
100ml di olio d'oliva
1 noce di burro
12gr di lievito istantaneo
3gr di fleur de sel + un pizzico

Come procedere

Partite con la preparazione della pera caramellata che dovrà raffreddarsi prima di essere utilizzata. Lavate la pera, tagliatela a tocchetti. In una padella fate sciogliere una noce di burro a fuoco molto dolce, aggiungete la pera a cubetti e lasciatela cuocere fino a che sarà ben morbida. Aggiungete un cucchiaio di miele di castagno e lasciate cuocere ancora qualche istante. Aggiustate di sale e pepe e levate dai fuochi.
In una ciotola piuttosto capiente e dai bordi alti, raccogliete le farine, il lievito, il pepe, il pecorino toscano tagliato al coltello e la pera caramellata. In un'altra ciotola, lavorate gli ingredienti liquidi: sbattete le uova con il latte, l'olio EVO e aggiustate di sale.
A questo punto, unite gli ingredienti liquidi a quelli secchi, cercando di amalgamarli lavoradoli il meno possibile.
Io ho utilizzato degli stampi in silicone della Silikomart per muffin e mini-muffin, quindi non si è reso necessario utilizzare dei pirottini di carta. Riempite ogni cavità dello stampo per i 2/3, guarnite con un gheriglio di noce e qualche fettina di pera che avrete tenuto da parte.
Cuocete in forno preriscaldato, a 180° per 30' o fino a doratura.

I miei Suggerimenti

Servite questi sfiziosissimi muffin tiepidi o freddi. Potete anche pensare di servirli come antipasto, con una cremosissima fondue al pecorino.
La quantità degli ingredienti liquidi è sempre molto indicativa. Verificate il grado di assorbenza delle farine utilizzate e, se l'impasto vi sembra troppo compatto, aggiungete del latte a filo, fino a raggiungere la giusta consistenza.

Con questa ricetta partecipo al contest "Ricette d'Autunno".

Con questa ricetta partecipo al "Frutta Contest"di The Kitchen Nook.

Commenti

  1. devono essere "divini" da provare immediatamente. BRAVA!

    RispondiElimina
  2. Ma brava!! Io passo stavolta per il pecorino ma sono da proporre davvero ai miei ospiti!! Brava Lore , davvero un bijoux di muffins!! Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti precludere la possibilità di aprirti al mondo dei formaggi. Pensa che fino a un paio di anni fa non volevo neanche sentirne parlare... Ero schifata! Tutto è possibile, i gusti si affinano! ;-)

      Elimina
  3. Che delizia!! Mi sa che li provero' molto presto perche' hai abbinato ingredienti sublimi. E tra loro si completano perfettamente!! Sei sempre perfetta. Bacioni

    RispondiElimina
  4. Wow che delizia!!!! Non solo muffin, ma Signori Muffin!!!!! Sapori pazzeschi in bocconcini irresistibili. Bravissima tesoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti faccio un inchino e ti auguro una buona serata. Cia bellina e grazie per essere tornata da me! Mille baci

      Elimina
  5. Una vera delizia, sfiziosi e appetitosi :)
    Buona settimana

    RispondiElimina
  6. ..ho letto tutti questi ingredienti e sono dovuta correre a leggere.. sono abbinamenti che non ho mai provato e che mi incuriosiscono molto: il tutto ha un aspetto deliziosissimo!!! bravissima!!
    Un bacione!! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, tesoro! Tutto da testare, senza scetticismo e con curiosità! Un bacio

      Elimina
  7. ciao complimenti...sono nuova di questo mondo vorrei seguirti spero lo faccia anche tu!buon pomeriggio

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…