sabato 11 ottobre 2014

Dal Menù dello sportivo. Carpaccio di bresaola della Valtellina con tartare di finocchio, arancia, olive taggiasche e tobikko di melagrana

In collaborazione con GreenGate
Sorridere è sempre una bella cosa. E mi capita di sorridere spesso, bonariamente, quando qualcuno mi contatta in privato per domandarmi se davvero mangio tutto quel che cucino. 
La risposta è sempre la stessa: sì. Anche perché la gran parte dei piatti da me proposti, sono ipocalorici e con un occhio di riguardo al consumo di verdura - sia cruda che cotta - frutta, cereali integrali, legumi, pesce, poca carne, olio EVO. E c'è una grande ricerca negli ingredienti utilizzati, che sia chiara qual è l'origine del prodotto, privilegiando la provenienza da culture bio, preferibilmente a km zero.
Ma è scontato che l'alimentazione è cosa da affrontarsi con un po' di logica e buonsenso. Mangiare, nutrirsi, abbuffarsi come fosse sempre Domenica davvero non è consigliabile, soprattutto quando la vita non viene affrontata con una giusta punta di dinamismo, per scelta, o si è costretti in qualche modo a condurre una vita troppo sedentaria.
E' importante allora saper rendere speciale anche il pane quotidiano. E per il vostro quotidiano, vi propongo la semplicità di un carpaccio di bresaola - immancabile nel carrello di un amante del fitness - accompagnata da una delle mie famose macedonie di frutta e verdura: il classico abbinamento tra finocchio ed arancia, arricchito a mio gusto con olive taggiasche, chicchi di melagrana e aneto.
Tobikko di melagrana? Per chi non lo sapesse, si tratta delle uova di pesce volante, con cui vengono guarniti maki-sushi e uramaki. Per il colore vivo, quasi incandescente, e per la sua trasparenza, la melagrana in chicchi offre visivamente lo stesso effetto del tobikko.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!


La lista degli Ingredienti
per 2 persone

150gr di bresaola della Valtellina
1 finocchio
1 arancia bionda
1/2 melagrana
olive taggiasche, a piacere
aneto, q.b.
olio EVO, q.b.
pepe bianco, a piacere
fleur de sel, q.b.

Come procedere

Cominciate subito con la preparazione della tartare.
Lavate il finocchio e tagliatelo molto finemente con una mandolina o al coltello. Tenete da parte, al fresco, in una grande ciotola.
Pelate l'arancia e tagliatela in spicchi, a vivo. Aggiungetela alla vostra insalata di finocchio. 
Massaggiate la melagrana in modo che sia più semplice estrarne i chicchi una volta aperta e raccogliete la metà del suo contenuto nella ciotola di cui al punto precedente.
Scolate e sciacquate le olive taggiasche dalla propria salamoia e unitele all'insalata di finocchio, arancia e tobikko di melagrana.
Condite con un filo d'olio EVO, un pizzico di fleur de sel e pepe bianco, mescolate il tutto molto delicatamente e riponete in frigo fino al momento di servire.

I miei Suggerimenti

Disponete la bresaola a fette su di un piatto da portata e, aiutandovi con un ring diametro 6 cm, ponente la vostra tartare di frutta e verdura al centro del piatto. Decorate con aneto fresco e qualche chicco di melagrana.

Con questa ricetta partecipo al "Fruit Contest" di The Kitchen Nook.

5 commenti:

  1. Delizioso!! Brava Lore, questa la provo al più presto, noi mangiamo spesso la bresaola e gli abbinamenti di finocchio, arance e olive li uso spesso, la melagrana è quella chicca in più che non ho spesso in casa ma per l'occasione me la procurerò!! Ssalutare e davvero buonissimo!! Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente, bisogna salvaguardare la salute senza privarsi di qualcosa di gustoso e di bello da vedere nel proprio piatto... Per far sì che quel qualcosa di leggero e dietetico non venga associato ad una privazione! Un bacione, tesoro

      Elimina
  2. Questo piatto è splendido come te... gustoso e salutare... il top!

    RispondiElimina
  3. che bontà!! Deve essere delizioso questo piatto!
    www.alessandrastyle.com

    RispondiElimina