Passa ai contenuti principali

Bicerin di mousse al fondente e cardamomo, con scaglie di mandorle e Chocaviar

Sono una di quelle persone che vivono serenamente senza il dolce, ma un pezzettino di cioccolato ogni tanto è un piacere a cui non so rinunciare. Del resto il cioccolato, si sa, alza il livello di serotonina, tiene allegri e di buon umore e dà l'energia per affrontare bene ogni cosa.
Oggi il cioccolato ve lo propongo in questa veste, perchè i dolci al cucchiaio restano i miei preferiti: piacevoli e freschi al palato, per i quali si riesce sempre a trovare un posticino nello stomaco, anche dopo un lauto pasto.
Irresistibili la consistenza cremosa e la scioglievolezza di questa mousse al cioccolato, aromatizzata al cardamomo e guarnita con mandorle a scaglie e microsfere di Chocaviar. Pura libidine, pura estasi: per gli amanti del fondente, come lo sono io.
A voi una nuova proposta realizzata in collaborazione con Venchi.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

La lista degli Ingredienti
per 8 pozioni
 
Per la mousse
250gr di Cuor di Cacao al 75% Venchi
250ml di crema di latte
2 uova bio
2 cucchiai di zucchero semolato extra-fine
4 bacche di cardamomo
 
Per la guarnizione
mandorle a scaglie, q.b.
Chocaviar Venchi, q.b.
 
Come procedere
 
Fate sciogliere il cioccolato fondente a bagnomaria. Aprite le bacche di cardamomo e ricavatene i semi, che pesterete al mortaio. Aggiungeteli al cioccolato fuso e lasciate intiepidire.
Rompete le uova, separando gli albumi dai tuorli. Con uno sbattitore elettrico, sbattete molto bene i due tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro. Separatamente montate gli albumi a neve ben ferma. Unite delicatamente gli albumi al composto ottonuto sbattendo i tuorli con lo zucchero e, a seguire, il cioccolato fuso, cercando di amalgamare bene il tutto.
Ora montate la panna a neve ben ferma (per ottenere un buon risultato, la crema di latte deve essere sufficientemente fredda) e incorporatela delicatamente al composto.
Con l'aiuto di una spatola, versate la mousse in una sac-à-poche munita di bocchetta a stella e lasciatela riposare in frigorifero fino al momento di servire, in questo modo non perderà di volume e ariosità.
 
I miei Suggerimenti
 
Procuratevi dei bicchierini in vetro da aperitivo nei quali presentare la vostra mousse. Guarnite con mandorle a scagliette e microsfere di chocaviar.

Commenti

  1. Risposte
    1. Ciao Memole, ogni tanto un dolcetto al cioccolato è quel che ci vuole... Ed è subito allegria! :-D

      Elimina
  2. ...che spettacolo, complimenti! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio tanto, Michela! A presto! Un bacione :-*

      Elimina
  3. Ghiotta questa prelibatezza !!! Mi sono unita con piacere alle tue lettrici !

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…