Passa ai contenuti principali

Fettuccine al pesto genovese senz' aglio, mini San Marzano e mazzancolle tropicali

Ciò che vi propongo oggi è uno dei miei cavalli di battaglia, un primo piatto che ripropongo molto spesso e che ogni volta mi lascia piacevolmente soddisfatta.
Mi piace che le cose siano genuine, caserecce e possibilmente fatte di fresco; mi piace il profumo inconfondibile del basilico, che si sprigiona intenso ogniqualvolta preparo il pesto, nella sua più classica delle versioni. E il pesto mi piace accostarlo ad altri ingredienti, diversi, sempre nuovi, creando delle sfiziose combinazioni.
Nasce così questa proposta, un piatto che vede un pesto classico alla genovese (ma senza aglio, per non andare a coprire il gusto delicato degli altri ingredienti), in accostamento ai sapori e ai profumi del mare e della terra: le mazzancolle tropicali e i pomodorini San Marzano.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete i vostri ospiti!
 
PS: non ho ben capito che cosa sia successo o cosa stia per accadere. Forse si avvicina il Giorno del Giudizio, l'Armageddon, l'Apocalisse. Visto l'allarmismo di questi ultimi giorni e dal momento che prevenire è meglio che curare, da oggi mi trovate anche su Bloglovin'.

La lista degli Ingredienti
per 2 persone
 
Per la pasta
160gr di pasta formato fettuccine
200gr di mazzancolle tropicali
pomodori tipo mini San Marzano, una decina
pesto, 3 cucchiai
olio EVO, q.b.
sale, q.b.
 
Per il pesto al basilico
30 foglie di basilico
60gr di grana padano
pinoli, 2/3 cucchiai
olio EVO, circa 1/2 bicchiere
sale grosso, q.b.
 
Per la guarnizione
basilico, qualche fogliolina
 
Come procedere

Procedete con la preparazione del pesto, seguendo passo-passo la ricetta e i suggerimenti che trovate qui.
In una pentola portate a bollore l'acqua per cuocere la pasta e aggiustate di sale.
Nel frattempo, occupatevi della pulizia delle mazzancolle rimuovendo la testa e il carapace e incidendo il dorso per levare il budello (tenetene da parte qualcuno con testa e coda per la decorazione del piatto).
Lavate e tagliate i pomodorini San Marzano a metà e teneteli da parte.
In una padella piuttosto capiente, cuocete con un filo d'olio i pomodorini (non vogliamo che si sfaldino ma che si mantengano compatti e sodi); aggiungete le mazzancolle, aggiustate di sale, saltatele e lasciatele insaporire per pochi minuti. A fuoco spento, aggiungete 3 cucchiai rasi di pesto e qualche cucchiaio d'acqua di cottura della pasta.
Cuocete le fettuccine per il tempo indicato sulla confezione, scolate al dente e fate insaporire in padella con il condimento preparato.

I miei Suggerimenti

Impiattate le fettuccine aiutandovi con un mestolo e un forchettone (oppure una pinza), per presentarle a nido. Decorate con le mazzancolle e qualche fogliolina di basilico fresco.
Con questa ricetta partecipo al "Pesto di Basilico Contest" del blog "The Kitchen Nook".

Commenti

  1. hahaha mi viene in mente Ste che dice "basta gamberi che costano ;-)))"
    Comunque direi che per questop iattino vale anche spendere una manciata di euro in più ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fra, fa l'esperto di economia domestica certo... Ma solo dopo essersi lautamente rimpinzato! ;-)

      Elimina
  2. un piatto da re! Buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con un leggero ritardo ma eccomi qui... Grazie per il tuo commento, Licia! E' sempre un piacere! :-D

      Elimina
  3. Ma che buone! Pesto e crostacei insieme secondo me è la morte sua, per dirla in latino.. un bacione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Leti, sono un po' latitante... Chiedo venia per questo imperdonabile ritardo, ma sono un po' presa in questo periodo... Arriveranno bene queste tanto agognate ferie! Non vedo l'ora di riposarmi un po' e dedicarmi un pochino di più al blog! Brava la mia latinista, grazie infinite! Un bacione a te e Ginevra! :-D

      Elimina
  4. Che abbinamento meraviglioso... Buonissime! Lo proverò sicuramente, bravissima! A presto, Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michela! Sei molto gentile e i tuoi complimenti mi fanno gran piacere! Se le provi, fammi sapere se il risultato è stato gradito al tuo palato! Un bacione e a prestissimo! :-)

      Elimina
  5. ciao ^_^ da buona genovese mi sono fiondata subito su questa ricetta. Io il pesto lo faccio sempre senza aglio, non riesco proprio a mangiarlo quindi questa ricetta fa proprio per me! hai un blog veramente bello! sei anche bravissima nell'impiattamento ^__^
    mi unisco anche io ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi riempie d'orgoglio il fatto che una genovese DOC si interessi alle ricette tradizionali proposte da una "massaia" brianzola! Grazie per ogni singola bella parola che hai speso per il mio blog! Ricambio volentierissimamente la visita! :-)

      Elimina
  6. Questo piatto è una vera delizia,mai avrei immaginato di mettere il pesto nei crostacei...
    Sei davvero bravissima,mi sono aggiunta con piacere ai tuoi lettori così ti rubo qualche bella ricetta!!!
    Un bacione,Mara

    RispondiElimina
  7. Questo piatto è una vera delizia,mai avrei immaginato di mettere il pesto nei crostacei...
    Sei davvero bravissima,mi sono aggiunta con piacere ai tuoi lettori così ti rubo qualche bella ricetta!!!
    Un bacione,Mara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mara, sono ben contenta di averti tra i miei lettori! :-D
      Sarà un reciproco scambio di belle idee, begli spunti e belle ricette!
      Resta sintonizzata per le prossime che pubblicherò a breve, che mi auguro saranno di tuo gradimento.
      Un abbraccio
      Lore

      Elimina
  8. Molto goloso, sia per il pesto che per i gamberozzi...un piatto per la domenica!!
    Un abbraccio!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…