Passa ai contenuti principali

Violette candite

Violetta di Parma: un'essenza che ha segnato un'epoca.
Il profumo della reminiscenza. Un profumo un po' nostalgico, che riporta all'attualità quel tempo che oggi non è più.
E la Primavera si fa sentire, come un risveglio da un torpore letargico. Tanta la voglia di stare all'aperto, vivere alla luce del sole e rifugiarsi in quelle zone recondite e dimenticate, quelle che non conoscono smog ed inquinamento acustico: quegli angoli di mondo dominati dal verde e punteggiati di viola. Dove solo silenzio, introspezione e raccoglimento.
E, come ad ogni Primavera, quel profumo inconfondibile.
Come sempre, vorrei dirvi che non ho scoperto nulla di nuovo e non sono qui per insegnarvi alcunché. Vorrei solo trovare in voi qualche fida compagna per affrontare oggi questo viaggio a ritroso nel tempo.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

La lista degli Ingredienti

1 mazzetto di violette
1 albume freschissimo
zucchero semolato extra-fine aromatizzato alla vaniglia, q.b.

Come procedere

In una bacinella di acqua fredda, lasciate a bagno le violette per un paio di ore, cambiando l'acqua di frequente.
Passato il tempo necessario, tamponatele con un foglio di carta assorbente per asciugarle perfettamente e rimuovete con delicatezza il gambo.
Rompete un uovo bio freschissimo, del quale utilizzerete soltanto l'albume e sbattete leggermente il bianco d'uovo.
A questo punto, intingete la corolla nell'albume e ripassatela nello zucchero semolato, aromatizzato alla vaniglia. Deponetele su foglio di carta oleata o carta forno per un altro paio d'ore.

I miei Suggerimenti

Le violette saranno pronte una volta rigide al tatto e perfettamente cristallizzate.
Potete degustarle "al naturale", per assaporare questo sapore d'altri tempi, oppure utilizzarle per decorare in maniera molto scenografica le vostre torte e i vostri dolci al cucchiaio.

Commenti

  1. Le violetta di Parma...quanti ricordi! Io, circa un secolo fa, studiavo a Parma e alla stazione c'era un cartellone che pubblicizzava la colonia alla Violetta :)
    Quindi eccomi ad accompagnarti in questo viaggio a ritroso.
    Intanto mi guardo ancora queste violette candite...incantevoli.
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sono felice che sia proprio tu a fare questo viaggio con me.
      Una grandissima.
      Un bacio.

      Elimina
  2. Mi son sempre piaciute!! Bellissime!!
    Un bacio Lore!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me, da una vita.
      E finalmente riesco a produrle.
      Soddisfazione.
      :-D

      Elimina
  3. Ciao cara! Finalmente sono arrivata sul tuo blog e ad accogliermi trovo queste meraviglie. Che dire? Non vedo l'ora di fare un dolce che rispecchi questa bellissima stagione per poterle usare come decorazione. Sono certa che riscuoteranno tanto successo :)
    Un abbraccio,
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Saranno una splendida finitura per i tuoi dolci eseguiti magistralmente.
      Un abbraccio

      Elimina
  4. Questa sì che è una vera chicca, complimenti!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!