martedì 14 aprile 2015

Violette candite

Violetta di Parma: un'essenza che ha segnato un'epoca.
Il profumo della reminiscenza. Un profumo un po' nostalgico, che riporta all'attualità quel tempo che oggi non è più.
E la Primavera si fa sentire, come un risveglio da un torpore letargico. Tanta la voglia di stare all'aperto, vivere alla luce del sole e rifugiarsi in quelle zone recondite e dimenticate, quelle che non conoscono smog ed inquinamento acustico: quegli angoli di mondo dominati dal verde e punteggiati di viola. Dove solo silenzio, introspezione e raccoglimento.
E, come ad ogni Primavera, quel profumo inconfondibile.
Come sempre, vorrei dirvi che non ho scoperto nulla di nuovo e non sono qui per insegnarvi alcunché. Vorrei solo trovare in voi qualche fida compagna per affrontare oggi questo viaggio a ritroso nel tempo.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

La lista degli Ingredienti

1 mazzetto di violette
1 albume freschissimo
zucchero semolato extra-fine aromatizzato alla vaniglia, q.b.

Come procedere

In una bacinella di acqua fredda, lasciate a bagno le violette per un paio di ore, cambiando l'acqua di frequente.
Passato il tempo necessario, tamponatele con un foglio di carta assorbente per asciugarle perfettamente e rimuovete con delicatezza il gambo.
Rompete un uovo bio freschissimo, del quale utilizzerete soltanto l'albume e sbattete leggermente il bianco d'uovo.
A questo punto, intingete la corolla nell'albume e ripassatela nello zucchero semolato, aromatizzato alla vaniglia. Deponetele su foglio di carta oleata o carta forno per un altro paio d'ore.

I miei Suggerimenti

Le violette saranno pronte una volta rigide al tatto e perfettamente cristallizzate.
Potete degustarle "al naturale", per assaporare questo sapore d'altri tempi, oppure utilizzarle per decorare in maniera molto scenografica le vostre torte e i vostri dolci al cucchiaio.

10 commenti:

  1. Le violetta di Parma...quanti ricordi! Io, circa un secolo fa, studiavo a Parma e alla stazione c'era un cartellone che pubblicizzava la colonia alla Violetta :)
    Quindi eccomi ad accompagnarti in questo viaggio a ritroso.
    Intanto mi guardo ancora queste violette candite...incantevoli.
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sono felice che sia proprio tu a fare questo viaggio con me.
      Una grandissima.
      Un bacio.

      Elimina
  2. Mi son sempre piaciute!! Bellissime!!
    Un bacio Lore!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me, da una vita.
      E finalmente riesco a produrle.
      Soddisfazione.
      :-D

      Elimina
  3. Ciao cara! Finalmente sono arrivata sul tuo blog e ad accogliermi trovo queste meraviglie. Che dire? Non vedo l'ora di fare un dolce che rispecchi questa bellissima stagione per poterle usare come decorazione. Sono certa che riscuoteranno tanto successo :)
    Un abbraccio,
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Saranno una splendida finitura per i tuoi dolci eseguiti magistralmente.
      Un abbraccio

      Elimina
  4. Questa sì che è una vera chicca, complimenti!!!

    RispondiElimina