domenica 12 aprile 2015

Tiramisù salato con robiola, basilico e Pachino in tripla consistenza

In collaborazione con GreenGate
Umore seppia. Queste sono le tinte di una cyber-cuoca quando non tutto va come vorresti tu.
E allora ravviviamo queste tinte con una ricetta molto speciale, che tradizionalmente nasce come dolce ma che, con un pizzico di creatività, si presta tranquillamente a realizzare anche delle preparazioni salate.
Della serie "In verrina": leccornie racchiuse nello spazio di un vasetto. Potete rifarvi a questa graziosa idea, se volete portare in tavola qualcosa di diverso e sbalorditivo, magari come antipasto o per una cena a buffet, con tanti piccoli assaggi di tante golose ricette.
Qui di appetizing ne abbiamo da vendere, nonostante la semplicità del piatto ed un numero di ingredienti piuttosto limitato: corposa, piena e intensamente aromatica è la crema di robiola e basilico. Un profumo che potrete immaginare senza sforzarvi troppo.
E l'idea suscita curiosità immeditata, con questo Pachino in tripla consistenza: con i pomodorini arrostiti a guarnizione del tiramisù; i pomodorini a crudo appena conditi con un filo d'olio e fior di sale e infine, con un chiaro rimando al Mezzogiorno, i pomodorini "sfregati" sulle fette di pane bruscato, dove rilasciano morbidezza ed un velo di fresca saporosità.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

La lista degli Ingredienti
per 2 persone
 
Per il tiramisù
200gr di robiola
30gr di basilico
2 cucchiai di pinoli
4 fette di pane a cassetta integrale
una manciata di pomodorini Pachino
paprika dolce, a piacere
fleur de sel, q.b.
olio EVO, q.b.
 
Per la guarnizione
4 pomodorini Pachino
 
Come procedere
 
Lavate e asciugate 4 pomodorini Pachino. Foderate una leccarda con carta forno, adagiate i Pachino interi, conditi con un filo d'olio EVO e sale e fateli arrostire in forno preriscaldato a 230° per una quindicina di minuti, controllando a vista.
Lavate una manciata di Pachino, tagliateli in otto parti e raccoglieteli in una ciotola, dove li condirete con un filo d'olio EVO e fleur de sel.
Coppate il pane a cassetta integrale con un ring diametro 6cm e arrostitelo su una griglia o su una piastra rovente. Sfregate il pane bruscato con qualche pomodorino diviso a metà, in modo che resti intriso del sapore fresco del pomodoro.
Nel bicchiere di un mixer, raccogliete la robiola, il basilico e i pinoli, condite con abbondante paprika dolce, un filo d'olio e del fleur del sel. Avviate il mixer per ottenere una crema liscia ed omogenea, con cui andrete a riempire un sac-à-poche con bocchetta a stella.
A questo punto, avete a disposizione tutti gli ingredienti necessari per assemblare il vostro tiramisù: in una verrina cominciate a stratificare il pane bruscato, la crema alla robiola e basilico, i pomodorini a crudo e poi di nuovo il pane e la crema di robiola e basilico.
Completate con dei ciuffetti di crema realizzati con la bocchetta a stella della sac-à-poche e adagiate i pomodorini arrostiti preparati in precedenza.
 
I miei Suggerimenti
 
Conservate il tiramisù  in frigorifero fino al momento di servire.
Lasciate compattare in freezer la crema di robiola e basilico per una quindicina di minuti, prima di procedere alla stratificazione degli ingredienti.

12 commenti:

  1. Questa serie "in verrina" appaga la vista e anche il mio palato. Quasi quasi mi abbono!
    V.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io già felicemente abbonata. Join the club! :-*

      Elimina
  2. Il colore e il sapore dell'estate.
    Complimenti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che questa ricetta ti accompagni per tutta la bella stagione! :-D

      Elimina
  3. Fantastica questa versione salata, originale e tanto gustosa... prendo nota grazie!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava! E se la provi, fammi sapere se è piaciuta!

      Elimina
  4. sono rimasta affascinata da questa proposta...e me la segno!
    amelie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felicissima di sentire queste parole... Provala, è strepitosa! :-*

      Elimina
  5. Mi dispiace x il tuo periodo nero seppia :-( vedo però con piacere che in cucina la voglia di vitalità, colore e fantasia non manca :-)
    Una proposta strepitosa, tutta la scoprire, strato dopo strato :-)
    Complimenti e in bocca al lupo, che le cose migliorino quanto prima :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace pensare che tutti abbiamo dei periodi così e che mal comune significhi anche mezzo gaudio.
      E' un momento che passerà, sono positiva e continuo a vedere un'orizzonte a tinte pastello.
      Un abbraccio e grazie per essere passata.

      Elimina