Passa ai contenuti principali

Coppette variegate allo yogurt bianco e fragole, mandorle e menta

In collaborazione con GreenGate
Al giorno d'oggi, spesso sentiamo parlare di musicoterapia, danzaterapia, terapia del gioco, terapia del sorriso. E nessuno può negare che anche la cucina abbia un che di terapeutico.
Impastare aiuta a dare sfogo a rabbia e nervosismo.
Sbucciare legumi - come fave, piselli, fagioli - accresce la pazienza in maniera esponenziale.
Affettare le verdure aiuta a mantenere ed incanalare la concentrazione.
Aprire il frigo e trovarlo semi-vuoto aiuta a stimolare la capacità d'improvvisazione.
Cucinare a quattro-mani è un po' come fare team-building, crea sintonia tra le parti e sprona a prefiggersi degli obiettivi da raggiungere insieme.
Sedersi a tavola e mangiare in compagnia favorisce il dialogo e la condivisione.
La cucina è un toccasana per la mia anima, lenisce come un balsamo ogni ferita e m'aiuta a rimettermi in piedi ad ogni caduta.
E oggi sono qui per presentarvi un dolce al cucchiaio molto semplice, forse banale, improvvisato con quanto avevo nel frigorifero. Davvero nulla di trascendentale ma pur qualcosa di sano e naturalmente di buono, preparato con quei pochi ingredienti che facilmente possiamo reperire o trovare già a disposizione nelle nostre dispense: dello yogurt bianco, delle fragole fresche, delle mandorle, del miele, della marmellata di fragole - la mia rigorosamente homemade - e della menta, raccolta per l'occasione dal mio orticello in terrazza.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

La lista degli Ingredienti
per 2 persone
yogurt bianco, q.b. (il mio, senza zuccheri aggiunti))
una manciata di fragole fresche
una manciata di mandorle intere spellate
marmellata di fragole, q.b.
miele d'acacia, q.b.
menta, q.b.
Come procedere

Lavate le fragole e tagliatele a fettine.
Procuratevi delle verrine e cominciate a stratificare gli ingredienti: 2 cucchiai rasi di yogurt bianco, 1 cucchiaio di marmellata di fragole, mandorle, fragole fresche e un cucchiaino di miele.
E poi di nuovo: 2 cucchiai di yogurt bianco, 1 cucchiaio di marmellata di fragole, mandorle, fragole fresche e un cucchiaino di miele a lucidare il tutto. Guarnite con un ciuffetto di menta.

I miei Suggerimenti

Per avere un dolce sempre diverso, aguzzate l'ingegno, stimolate la fantasia e il vostro buon gusto, sostituendo le fragole con altra frutta fresca, le mandorle con altra frutta secca, la marmellata di fragole con marmellata di frutta varia, il miele d'acacia con miele di castagno, di corbezzolo, di tiglio e via dicendo.

Commenti

  1. Un cucchiaioooooo....caspita che bicchiere!!!!!!
    Un bacio grande :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo periodo sono in fissa con i bicchierini golosi... Ma quanta soddisfazione! :-D

      Elimina
  2. Adoro l'abbinamento fragole mandorle... delle coppette super golose!!!!

    RispondiElimina
  3. come mi piacciono i bicchierini colorati!
    amelie

    RispondiElimina
  4. Mai banale tesoro, davvero. Un baciotto!

    RispondiElimina
  5. Direi che oggi più che mai siamo in sintonia con i sapori :-)
    Ottimo e bellissimo dessert, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Totale sintonia... Grazie 1000 per essere passata di qua.
      Un abbraccio
      Lore

      Elimina
  6. Condivido tutto.. A parte la parte della cucina a quattro mani.. Quando io e dolce metà cuciniamo insieme è sempre un "dovresti fare..." e finiamo per spingerci e lanciarci farina e simili! ;)
    In compenso un dolce così ci metterebbe perfettamente d'accordo! :D
    Splendido e dai gusti semplici!
    Bravissima! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no... Su cercate di andare d'accordo e co-operare ad un fine comune. Sedersi insieme a tavola poi sarà ancor più bello.
      Un abbraccio sporco di farina

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…