Passa ai contenuti principali

Tagliatelle cinesi con datterino giallo, 'nduja, zenzero e vaniglia

L'esotismo è qualcosa che mi affascina moltissimo: la mia attenzione non può che venire inesorabilmente calamitata dal magnetismo di tutto ciò che arriva da paesi lontani.
D'altro canto, parlando di cibo, l'idea di fondere in un'unico piatto elementi esotici ed altri tipici della nostra cultura è assolutamente da me, creando in questo modo un mix di sapori nuovi ed inaspettatamente piacevoli.
Nascono così queste tagliatelline cinesi, legate indissolubilmente ad un sugo tipicamente italiano, tipicamente del Sud: 'nduja e pomodorini.
Non paga, ho voluto mitigare la nota piccante della 'nduja e correggere l'acidità del pomodoro, facendo un insolito e quanto mai azzardato uso della vaniglia Bourbon.
E vengono infine questi aromi caratterizzanti, tipicamente usati nei paesi orientali: lo zenzero ed il coriandolo fresco, per un tocco di verde - che non guasta mai - ed una nota fresca e balsamica di fondo.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!


La lista degli Ingredienti
per 2 persone

Per i noodles
120gr di tagliatelle cinesi
200gr di datterini gialli
1/2 fettina di 'nduja
1/2 bacca di vaniglia (il contenuto)
fleur de sel, q.b.
olio EVO, q.b.

Per il brodo
acqua, q.b.
un pollice di zenzero fresco
1/2 bacca di vaniglia (il baccello)

Per la guarnizione
coriandolo fresco, a piacere
peperoncino rosso piccante fresco, a piacere

Come procedere

Preparate ora il condimento delle vostre tagliatelline cinesi. In un saltapasta, fate rosolare la 'nduja tagliata al coltello con un filo d'olio. Aggiungete i pomodori datterini gialli e lasciate cuocere per una decina di minuti. Poco prima di smorzare i fuochi, aggiungete il contenuto della bacca di vaniglia Bourbon e aggiustate di sale. Tenete in caldo.
Profumate l'acqua di cottura dei noodles con zenzero, mezza bacca di vaniglia privata del proprio prezioso contenuto ed insaporite con una presa di fior di sale.
Raggiunto il punto d'ebollizione, cuocete le tagliatelline per un paio di minuti. Trasferitele nel saltapasta con il condimento e completate la cottura per i restanti 2', allungando con qualche cucchiaio di acqua aromatizzata per risottare i noodles e renderli ben viscosi.

I miei Suggerimenti

Servite bollente, meglio se in ciotoline in stile orientale, con un trito di coriandolo fresco. Se desiderate, guarnite con una rondella di peperoncino rosso piccante.
Da mangiare rigorosamente con le bacchette.

Commenti

  1. E no...con le bacchette no! Non sono capace, mi incespico. Mangio con le mani piuttosto :)
    Un bacione grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daniela, qui bisogna recuperare... Corso intensivo perchè saper mangiare con le bacchette è super appagante. Avanti! :-D

      Elimina
  2. I tuoi piatti sono sempre tanto invitanti e ghiotti.... ottime queste tagliatelle, bravissima!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo qui per ingolosirci a vicenda! Un abbraccio
      Lore

      Elimina
  3. Che abbinamenti particolari, sapori intensi, ispirazione zen....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un piatto ayurvedico, olistico, metafisico. ;-)
      Un abbraccio anche a te.
      Lore

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!