Passa ai contenuti principali

Radiant fusion. Radiant orchid ramen con patata viola, cavolo cappuccio e cipolla rossa di Tropea

Amo ogni forma d'arte e d'espressione.
Amo il colore e il mio guardaroba è rigorosamente catalogato per colori e tipologie di tessuto.
A modo mio, amo anche la moda, in un caleidoscopio mix di stili e perversioni.
Subisco implacabilmente il fascino del vintage, di ciò che viene usurato dal tempo e che, pertanto, ha una storia da raccontare. Adoro i classici intramontabili: perle e chicche senza tempo. E nello stesso modo, apprezzo quei pezzi che abbiano un'allure moderna, con quel fascino dettato e scritto dai concetti di minimalismo, geometria e pulizia delle forme.
E con la moda spesso è così che va: quando gli entusiasmi smontano, allora io mi avvicino e prendo in considerazione la cosa.
Così, con il classico ritardo che mi contraddistingue, mi sono perdutamente innamorata di questo colore, che non mi vedrei mai indosso, ma che vedo benissimo come protagonista dei miei miei piatti. Da qui nasce l'idea di un piatto fusion, declinato nelle gentili nuances del pervinca e del lillà, con un nettissimo rimando al pantone più in voga del 2014: il "Radiant Orchid". Per chi non lo sapesse o a chi dovesse interessare, il "Marsala" - sì, come l'omonimo vino dolce e liquoroso - è il colore dell'anno.
Effettivamente, la prima volta che ho assaggiato il ramen è stato lo scorso anno: il locale forse più famoso di Milano, dove poter degustare questi noodles in brodo, è Casa Ramen. Si tratta di un locale molto piccolo, dove vengono servite queste tazze fumanti di noodles in brodo, con carne, uova e verdura, secondo i propri gusti.
Sarò molto onesta: io, personalmente, non mi sono strappata i capelli mangiandolo, più che per una questione di digeribilità, che per il gusto. Infatti, il brodo nel quale i noodles vengono tuffati è davvero molto sapido e corposo.
Ma l'idea di fondo resta molto buona e io ne ho preso ispirazione per prepararne una versione casalinga, saporita ma digeribile, 100% vegetariana e con un tocco fashion-orientale ma con prodotti ortofrutticoli di casa.
E fu così che, dopo le tanto blasonate 50 sfumature di grigio, vennero le mie 50 sfumature di viola.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!


La lista degli Ingredienti
per 2 persone

Per il ramen
80gr di tagliatelle cinesi
1 patata viola di medie dimensioni
1 cipollotto rosso di Tropea
un pollice di cavolo cappuccio viola
peperoncino rosso piccante fresco, a piacere
brodo, 2 tazze

Per il brodo
acqua, q.b.
1 patata
1 carota
1 cipollotto rosso di Tropea
1 pollice di ginger fresco
peperoncino rosso piccante fresco, a piacere
salsa di soia a ridotto contenuto di sodio, 6 cucchiai
fleur de sel, q.b.

Come procedere

Lavate, sbucciate e lessate la patata viola per una ventina di minuti o fino che sarà ben morbida. Sbucciate il cipollotto e tagliatelo non troppo sottile, in senso diagonale, a crudo. Affettate finemente il cavolo cappuccio viola, possibilmente con una mandolina. Tenete il tutto da parte.
Preparate il brodo portando ad ebollizione l'acqua con le verdure e le spezie in lista. Filtratelo e insaporitelo con la salsa di soia e, se davvero necessario, con un pizzico di sale. Tuffate le tagliatelle cinesi o noodles a piacere, che avranno cottura brevissima: non più di 2 o 3 minuti.

I miei Suggerimenti

Impiattate nelle tipiche ciotole orientali e divertitevi con le bacchette alla mano. Servite i ramen con abbondante brodo, guarnendo con le verdure in viola preparate in precedenza e qualche rondellina di peperoncino rosso piccante.
Servite caldo - altrimenti i noodles rischiano di scuocere - con una fresca birra giapponese, come l'Asahi.

Commenti

  1. Che bella questa tua ricetta del ramen, confesso di non averlo mai assaggiato in nessun ristorante ma questo tuo sembra buonissimo! C'è pure la cipolla di Tropea che mi fa gola e qua in casa adoriamo tutti! :)

    un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cipolla rossa di Tropea in casa mia non manca mai.
      Dà una inedita dolcezza ad ogni piatto. A crudo, soffritta, caramellata, stufata: sempre divina è.
      Un abbraccio

      Elimina
  2. Ma brava Lore!! Anche io classifico tutto per colore nel mio gardaroba, ma è facilissimo, è praticamente tutto nero!!
    Meraviglioso questo piatto, sia nei colori che nel sapore!!
    Un bacione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se è tutto nero, allora viene facile!
      Ti ringrazio per esserci sempre, cara Silvia.
      Un bacione
      Lore

      Elimina
  3. Io sono esattamente come te, vivo la moda in modo molto personale e con largo ritardo :-P
    Splendidi i colori della tua ricetta e divina interpretazione light ^_^
    Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro, siamo entrambe per il leggero, nei limiti del possibile. Ma senza mai ovviare al gusto, che resta una prerogativa.
      Un abbraccio

      Elimina
  4. Ciao! Non sono mai stata in quel locale e vista la tua opinione non credo che ci andrò, in compenso mangio degli udon in brodo spettacolari nel mio piccolo giapponese preferito, mmmm...
    L'unica nota negativa è la temperatura lavica con cui vengono serviti!
    La tua versione vegetariana è molto interessante e colorata, da provare!
    Un bacio.

    RispondiElimina
  5. Ciao! Non sono mai stata in quel locale e vista la tua opinione non credo che ci andrò, in compenso mangio degli udon in brodo spettacolari nel mio piccolo giapponese preferito, mmmm...
    L'unica nota negativa è la temperatura lavica con cui vengono serviti!
    La tua versione vegetariana è molto interessante e colorata, da provare!
    Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova a dargli una chance, magari tu ti troverai meglio di quanto io non mi sia trovata: del resto tutto è soggettivo.
      Anche io adoro gli udon, ma preferisco la versione yaki, alla piastra.
      Un abbraccio

      Elimina
  6. Ci sono dei colori molto molto belli :) Sicuramente anche il gusto sarà eccezionale.
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il gusto e il profumo sono molto particolari... Per veri amanti del genere... E per chi ha il coraggio di osare! :-)

      Elimina
  7. Che bel mix di sapori e colori... tutta salute in un delizioso piatto, complimenti!!!!

    RispondiElimina
  8. Che tripudio di colori!!! Questa ricetta mi ispira tantissimo,non ho mai provato i noodles e tu mi hai scatenato una gran voglia...come sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice di essere riuscita a risvegliare in te questa voglia di Sol Levante... Buttati Sonia, è facile e, ti garantisco, dà tanta soddisfazione... <3

      Elimina
  9. Questi ramen devono essere buonissimi, e che colori! Li mangio spesso e li ho fatti in mille modi ma così non li ho mai provati. Complimenti per le foto del tuo blog, sono davvero belle, un bacio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!