Passa ai contenuti principali

Piccole bontà di ispirazione naturalistica. Savarin alla ricotta di bufala, con paprika dolce, confettura di pomodori gialli, granella di pistacchio e lavandula officinalis

Vi scrivo stanca ma rilassata, dopo quel che è stato un bellissimo weekend di full immersion nello sport e nella natura. Una Domenica ciclistica - da 50km nelle gambe - conclusasi in bellezza con uno stacco ed una volata finale su una bella pendenza. Un vero toccasana per il corpo e per la testa.
Trovare un punto di fusione tra l'essere una sportiva e una food blogger è possibile: da questa bella gita fuoriporta, con una breve sosta ad un antico mulino,  sono riuscita a rientrare alla base con un favoloso miele al tiglio, perfettamente cristallizzato, dal gusto leggermente balsamico.
Permeata come sono dalla gioia e dalla positivtà infuse da questo meraviglioso fine settimana, non posso che lasciarvi una ricetta di ispirazione naturalistica, che ho realizzato utilizzando il mio nuovo stampo 6 porzioni Pavoni, creato ad hoc per la realizzazione dei savarin.
Come con pochi e semplici ingredienti, con pochi e semplici gesti, sia possibile realizzare qualcosa di buonissimo e di molto scenografico: alla base la morbidezza del pane per tramezzini, appena tostato e l'avvolgenza della ricotta di bufala al forno; con la nota speziata della paprika, quella agrodolce della confettura di pomodori gialli e quella croccante della granella di pistacchio di Bronte. Il coup de théatre: i fiori eduli, di lavandula officinalis, con il loro delicato profumo ed i loro splendido color pervinca.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

La lista degli Ingredienti
per 3 porzioni

Per i savarin
200gr di ricotta di bufala
2 cucchiaini di paprika dolce
pane per tramezzini, 3 fette
fleur de sel aromatizzato alle erbe di Provenza, q.b.
confettura di pomodoro giallo Antica Costa
olio EVO, q.b.

Per la guarnizione
granella di pistacchio, q.b.
fiori eduli di lavanda officinalis, q.b.

Come procedere

In una ciotola, setacciate la ricotta di bufala ed aromatizzatela con la paprika dolce e il fleur de sel alle erbe di Provenza.
Se siete al primo utilizzo, ungete leggermente lo stampo per savarin e versate la ricotta nelle cavità, fino all'orlo. Pareggiate e rimuovete il formaggio cremoso in eccesso.
Preriscaldate il forno fino a raggiungere la temperatura di 200° e cuocete i savarin in modalità ventilato, per una ventina di minuti. Una volta cotti, lasciate raffreddare su una gratella.
Nel frattempo, preparate la base dei vostri savarin, intagliando con un coppapasta diametro 6cm delle fette di pane per tramezzini, che farete leggeremente tostare su una piastra rovente, pochi istanti per ciascun lato.
Sformate i vostri savarin e deponeteli ciascuno su una base di pane tostato. Riempite la cavità tipica dei savarin con della confettura di pomodoro giallo che, con la sua nota agrodolce, ben contrasta la burrosità della ricotta di bufala.

I miei Suggerimenti

Completate la presentazione di questi deliziosi antipasti con dei fiori eduli di lavanda officinalis e della granella di pistacchio di Bronte.

Commenti

  1. Sono favolosi!! Brava!! E questi me li segno io!! Troppo scenografici e davvero interessanti negli accostamenti!! Davvero brava!! E complimenti per i 50 km in bici, a piedi non mi ferma nessuno ma in bici sono un chiodo piantato!!!
    Un bacioneeee!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Donne sportive si trovano anche in cucina! Tutto ciò è fenomenale! :-*

      Elimina
  2. Semplicemente spettacolari e genuini!
    Marilena di giardiniepasticcini

    RispondiElimina
  3. Davvero originale! Ho trovato il tuo delizioso blog attraverso la pagina FB di Pavoni e ora non ti mollo più: mi sono unita ai tuoi lettori fissi, così da non perdermi le tue prossime realizzazioni! Intanto grazie per questa invitantissima proposta e buon fine settimana!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…