Passa ai contenuti principali

Di ispirazione greco-romana. Sono i mei mini-strudel di pasta phyllo, con ripieno di ciauscolo e patate

Prendersi una settimana sabbatica dalla vita frenetica di tutti i giorni? Ancora non s'ha da fare.
Dovrò aspettare ancora 7 lunghissimi giorni, prima d'aver scritto t'amo sulla sabbia.
Bisognerà stringere i denti ed attendere fiduciosi anche se, a questo punto, la stanchezza si sta davvero facendo sentire: tutti i giorni e a tutte le ore. Pertanto, un ringraziamento va a chi mi dà il sostegno necessario a raggiungere la meta e i miei obiettivi: un doveroso grazie va a mammà per le iniezioni di grinta ed un ringraziamento speciale va a Stefano, che con me divide le gioie e le sventure di questa vita.
Cerchiamo allora di trattarci bene a tavola, proponendo cibi sfiziosi ma di veloce e facile esecuzione.
Per rimanere in tema con la mia - ormai prossima - vacanza ellenica, oggi vi propongo un piatto d'ispirazione greco-romana.
Dalla Grecia vi porto la pasta phyllo, molto utilizzata nella nella preparazione dei rustici (come Sarikopitakia e Tiropotakia) e una mia particolarissima versione dello tzatziki: una salsina con yogurt greco e cetriolo, ma reso ancor più rinfrescante dall'utilizzo della mela verde, del lime, del basilico e della menta piperita. Questi ultimi due ingredienti, a km 0, direttamente dal mio orticello.
Dal Sacro Romano Impero, vi porto invece il ripieno dei miei mini-strudel: con patate, ciauscolo, timo e abbondante pepe.
Il ciauscolo, altrimenti detto spalmarello, è un insaccato, tipico della regione Marche: una pasta di salame, morbida e spalmabile, molto saporita. Buonissimo in purezza; a mio avviso, il meglio di se lo dà in cottura.
Come l'ho avuto? Le Marche non stanno proprio dietro casa, ma dovete sarpere che i miei adorati suoceri sono camperisti nel sangue e con il loro potente mezzo hanno girato l'Italia e l'Europa in lungo e in largo. Ogni anno, la regione Marche rappresenta per loro una tappa quasi obbligata e, su mia indicazione, di ritorno da un viaggio mi hanno portato come souvenir gastronomico questa bontà.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

La lista degli Ingredienti
per 5 mini-strudel

Per i mini-strudel
5 fogli di pasta phyllo
1 patata
ciauscolo, 3 fette dello spessore di 1cm
timo, q.b.
pepe nero, a piacere
sale, q.b.
olio EVO, q.b.

Per la salsa simil-tzatziki
170gr di yougurt greco 0% grassi
1/2 cetriolo
1/2 mela verde (Granny Smith)
8 foglie di basilico
8 foglie di menta
olio EVO, q.b.
fleur de sel, q.b.
pepe nero, a piacere

Come procedere

Suggerirei di cominciare con la preparazione della salsa.
Lavate e tagliate la mela, grattuggiatela e cospargetela con qualche goccia di succo di lime in modo che non annerisca. Grattuggiate anche il cetriolo, privato della sua buccia.
Nel bicchiere di un mixer raccogliete lo yogurt greco, un filo d'olio, il fleur de sel, il pepe nero, le foglie di menta e basilico e passate il tutto. Alla crema ottenuta, andate ad aggiungere la mela e il cetriolo grattuggiati, dello zeste di lime e lasciate riposare in fresco fino al momento di servire.
Ora occupatevi della preparazione dei mini-strudel. Sbucciate una patata, tagliatela a cubetti regolari e sbollentatela per una decina di minuti in acqua leggermente salata. Scolatela e passate la patata sotto un getto d'acqua fredda per arrestarne la cottura. Preparate il ripieno, unendo alla patata il ciauscolo tagliato anch'esso a cubetti, aggiungete il timo e regolate di pepe.
Ora passate alla realizzazione dei mini-strudel: farcite il lato corto di un foglio di pasta phyllo con il ripieno, per tutta la sua lunghezza. Avvolgete i lembi del lato lungo sul ripieno e cominciate ad arrotolare il vostro strudel. Per garantire che lo strudel rimanga ben sigillato, ungete leggermente con olio EVO l'ultimo lembo di pasta del lato corto, percorrendone tutta la lunghezza.
Cuocete in forno preriscaldato, a 180° per 20'. Considerate 1' di grill perché la superficie del vostro mini-strudel risulti ben dorata.

I miei Suggerimenti

Servite i mini-strudel accompagnandoli alla salsa simil-tzatziki, che avrà un piacevole effetto sciacqua-bocca dalla sapidità del ripieno.
Accompagnate questa pietanza ad un vino tipico della regione Marche, che è il mio rosso favorito in senso assoluto: il Lacrima di Morro d'Alba (riserva), cantina Mancinelli. Si abbina perfettamente ai salumi locali; è gradevole, mediamente corposo e dal gusto asciutto.

Con questa ricetta partecipo al contest titolato "Buffet" di Il gatto ghiotto.
In collaborazione con Terre Ducali.

Commenti

  1. Ma che bel post! Dai mini strudel con pasta phyllo alla tua saporitissima salsa pseudo tzatziki, tutto ben spiegato chiaramente. Per il vino a me piace molto il Rosso Conero, anch'esso marchigiano.
    Buone prossime vacanze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andrea, mi segno il nome di questo vino, che non conosco. Vedremo se riuscirà a surclassare il mio amato Lacrima di Morro.
      Un abbraccio
      Lore

      Elimina
  2. Sfiziosi, ma devo farti i complimenti per la presentazione davvero molto molto carina :)
    Un bacio e buon fine settimana (sperando che si smorzi l'afa)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Daniela! Sei sempre tanto gentile e carina!
      Un bacione
      Lore

      Elimina
  3. Appetitosissimi!!! Buona domenuca cara. Qui fa bruttissimo, quindi si cucina! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diamoci dentro, approfittando di questa pioggia che giunge quasi provvidenziale!
      Un abbraccio
      Lore

      Elimina
  4. Deliziosi!! Il ciauscolo lo conosco bene!! E' troppo buono!! Un abbraccio!! Beata te, io devo aspettare la metà di Agosto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongustaia ed esperta conoscitrice del cibus! Adoro! :-D

      Elimina
  5. Croccanti e saporiti! Direi perfetti!

    RispondiElimina
  6. Se questi mini-strudel ci portano in bocca la Grecia le Marche, ben vengano abbiamo voglia di vacanze e di viaggi, che non ci bastano mai!
    Mi sa che la settimana sta quasi volando via e tra poco ti porterà in vacanza...divertiti :-)
    Baciuzzi Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le migliori ispirazioni sono quelle che arrivano dai paesi dell'estero, che mescolate alle nostre tradizioni secolari danno origine a qualcosa di unico: il fusion.
      Un abbraccio
      Lore

      Elimina
  7. Ma sono splendidi Lore, Grecia la mia amata... chissà quando potrò andarci... dai che il tempo vola.... un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io chissà quando ci tornerò. Progettando una nuova fuga ellenica, non posso più vivere senza tzatziki! :-D
      Un bacione
      Lore

      Elimina
  8. che bontà! bellissimi e di sicuro buoni da morire...poi così croccanti! mi segno la ricetta ;) un salutone da Tenerife

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da Tenerife! Encantada! Segnatela, non amo essere autocelebrativa ma questa ricetta è davvero qualcosa di molto ben riuscito! Un bacione :-D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…