lunedì 9 giugno 2014

Gelo d'anguria ed infusione di speranza

In collaborazione con GreenGate
Questa food blogger non è solo una che in cucina ne fa di cotte e di crude. Questa food blogger è anche una persona estremamente sensibile e riflessiva. E' una persona capace di ricondurre ogni cosa, persino quella che ha nel piatto, ad un momento particolare o ad una persona specifica: che sia per similitudine o per contrasto.
Questo dolce, così delicato e sofisticato al tempo stesso, mi rimanda ed è dedicato a due persone meravigliose, che fanno parte della mia vita e che stanno vivendo un momento particolarmente difficile. Loro sono mamma e figlia: la mamma è una donna bella, forte e determinata; la figlia è un bocciolo di rosa, eterea e fragile. 
In tutti questi mesi sono stata loro vicina come ho potuto, per l'affetto nutrito verso questa famiglia splendida e assolutamente non convenzionale; comprendendo il loro bisogno di avere un sostegno da parte di persone in cui avere piena fiducia: una rarità di questi tempi, come un quadrifoglio in un campo di gramigna.
Confesso di essermelo chiesta tante, davvero tante volte: perché affidare sempre a persone tanto belle un fardello così pesante? Un'ingustizia. Poi ho capito che altri, per debolezza o incapacità di reagire, si sarebbero arresi molto prima. Invece loro hanno fatto e ancora continuano a fare tutto il possibile, senza battere ciglio, con l'accanimento di chi ama una persona al di là di ogni cosa. Umanamente un esempio e un modello da seguire, per tutti.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

La lista degli Ingredienti
per 2 porzioni

Per il gelo di anguria
300ml di succo di anguria filtrato
3 cucchiaini di stevia (oppure 10gr di zucchero)
27gr di amido di mais (maizena)
1/2 bacca di vaniglia Bourbon
1 stecca di cannella
olio di mandorle dolci puro al 100%. q.b.

Per la guarnizione
granella di pistacchio di Bronte, q.b.
cioccolato fondente, q.b. (il mio, chocolight Venchi)
cannella, a piacere

Come procedere

Ripulite l'anguria dai semi e ricavate almeno 300ml di succo filtrato. In una pentola andate ad unire il succo dell'anguria all'amido di mais debitamente setacciato, mescolando in modo che non si formino grumi. Unite la stevia, la stecca di cannella e il contenuto di 1/2 bacca di vaniglia Bourbon e cuocete a fuoco dolce, rimestando sempre, fino a che il composto non si sarà addensato.
Ungete gli stampi che avete scelto con dell'olio di mandorle dolci (assicuratevi che sia puro al 100%, spremuto a freddo e, pertanto, adatto ad uso alimentare), rimuovete la stecca di cannella, versate il composto e lasciate intiepidire a temperatura ambiente.
Fate rassodare il gelo in frigorifero per il tempo necessario ad assumere la stessa consistenza di un budino (almeno 3/4 ore).

I miei Suggerimenti

Questo è un dolce molto furbo perchè può essere preparato in anticipo, il giorno prima, anche con la garanzia di un migliore risultato una volta sformato.
Sformate il gelo di anguria (altrimenti conosciuto in Sicilia come "gelo di mellone"), e servitelo cospargendolo di cannella, cioccolato fondente grattuggiato e granella di pistacchio di Bronte.
 

15 commenti:

  1. Tanto semplice quanto meraviglioso e buonissimo!! Brava!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Punto sulla semplicità perché chiunque - anche il più negato - possa prendere curiosità e tentarci! :-D

      Elimina
  2. E' tanto che voglio provare a fare il famoso gelo d'anguria e questo post capita proprio nel momento giusto! Belle le foto e la forma del gelo, brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' giunto il momento per te di provare! Non vedo l'ora di vedere il gelo del GattoPasticcione! Baci
      Lore

      Elimina
  3. Toccata dalle tue parole cara... ma il tuo dessert freschissimo fa sperare, con il sio colore allegro e la sua freschezza. Un abbraccio, Erika

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Erika, grazie per essere passata e speriamo sia di buon auspicio! Quantomeno porta allegria, hai completamente ragione! :-D

      Elimina
  4. Perché sei cosi speciale?
    Questo gelo... lo mangerei subito, è talmente bello!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gioia santa! Grazie mille per il tuo assiduo essere presente! Un bacione, Lore

      Elimina
  5. Un dolcetto light, è proprio quello che ci voleva

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A tutta leggerezza! Non sono una fan del dolce ma questi dolci al cucchiaio, leggeri, freschi e deliziosi sono irresistibili! Baci
      Lore

      Elimina
  6. Sei molto sensibile! Questa ricetta e' da sballo! Adatta a giornate calde, comunque anche tutte le altre sono strepitose! Complimenti!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, come sempre!
      Un abbraccio, Annalisa!
      Lore

      Elimina
  7. Complimenti sia per la storia raccontata con molta delicatezza sia per il dolce altrettanto delicato e fresco. Anch 'io sono molto sensibile ed ogni ricetta vive di anima e mi piace raccontarla imprigionandola in un dolce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bellina! Adoro gli animi sensibili e le persone capaci di esprimersi come lo sei tu!
      Un bacione
      Lore

      Elimina
  8. Ma che bel dolce! lo proverò in questi giorni...
    Buona giornata
    Doriana

    RispondiElimina