Passa ai contenuti principali

L'insolito gazpacho al melone, peperone giallo al forno ed agrumi, aromatizzato al pepe di Cayenna e servito con feta

Che questi siano davvero gli ultimi scampoli d'estate? Allora approfittiamone per realizzare le ultime ricette ispirate dal sole, dal mare, dalle temperature torride, dai paesi caldi e dalle spiagge incontaminate... Prima di passare a tutt'altro genere di portate e di proposte culinarie: zuppe calde e fumanti, vellutate, comfort food, cibi ricchi e speziati.
La proposta di oggi è un gazpacho, una zuppa fredda realizzata con verdure perlopiù a crudo, che trova origine e pare sia molto apprezzata nelle regioni muy calienti della Spagna, che vedono nell'Andalusia il proprio fulcro.
Una zuppa tanto fredda, da venire spesso servita con cubetti di ghiaccio. L'ideale per trovare refrigerio nelle giornate in cui le temperature raggiungono picchi poco tollerabili.
La versione che vi presento oggi è un po' insolita, dal gusto un po' particolare ma davvero eccellente: il melone e il peperone giallo portano rispettivamente freschezza e dolcezza; l'arancio e il limone una nota agra; il pepe di Cayenna una punta piacevolmente piccante. Vellutata, aromatica, ben bilanciata.
Lo spunto mi arriva da una ricetta pubblicata sul blog di una deliziosa collega d'Oltralpe. Il suo nome è Lucie e il blog in questione è "Little Miss Parsle Y", di cui trovate il link qui sopra: se masticate l'inglese e un po' di francese, non mancate di visitarlo!
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

La lista degli Ingredienti
per 2 persone
1 melone
1 peperone giallo
1 arancio
1 limone
feta, qualche cubetto
pepe di Cayenna, a piacere
pepe nero, a piacere
sale rosa dell'Himalaya, q.b.
olio EVO, q.b.
Come procedere

Cominciate con la preparazione del peperone, i cui tempi di cottura e raffreddamento prima dell'utilizzo saranno i più lunghi. Preriscaldate il forno a 225°, foderate la leccarda con carta forno e lasciate cuocere il peperone per 30'/40', girandolo di tanto in tanto per garantire una cottura omogenea. Sarà pronto quando la buccia risulterà completamente abbrustolita.
Prelevatelo e lasciatelo riposare in un sacchetto in plastica per una decina di minuti prima di procedere alla rimozione della buccia, dei semi e del filetto bianco interno.
Nel frattempo occupatevi del melone. Scavatelo fino ad ottenere due calottine integre e perfettamente ripulite, che potrete utilizzare per servire il gazpacho.
Spremete un arancio ed un limone e filtratene il succo.
In un bicchiere molto alto raccogliete tutti gli ingredienti e passateli al mixer: la polpa del melone, il peperone giallo, il succo d'arancia e di limone filtrato, un filo d'olio, aggiustate di sale e aromatizzate col peperoncino sminuzzato.
Prima di servire, lasciate riposare il gazpacho in frigorifero per almeno una mezzora.
I miei Suggerimenti

Servite la zuppa ben fredda nelle calottine che avrete ricavato dal melone, levando la polpa del frutto.
Arricchite la zuppa con qualche dadino di feta, che con la sua nota sapida andrà a contrastare con l'agro-dolce del gazpacho, un giro d'olio EVO ed abbondante pepe nero macinato fresco.
 
Con questa ricetta partecipo al contest Dolce&Salato di Giochi di Zucchero e A tutto pepe.
A seguire i link ad entrambi i post dedicati:

Commenti

  1. mannaggia mai mangiato il gazpacho è tempo che lo provi!! ^_^ che bello mangiare direttamente dal melone ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' giunto il tempo, Fragolina. Anche io la trovo un'idea geniale quella di servire in ciotole tutte naturali... ;-)
      Un bacione, cara
      Lore

      Elimina
  2. Bellissima e buonissima versione!
    Tanti tanti baci :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Leti, mille baci a te! :-D
      Grazie di tutto! :-*
      Lore

      Elimina
  3. Che idea meravigliosa! Adoro peperoni, melone e feta, la provo e me la mangio tutta io visto che sono l'unica in casa che apprezza il melone...
    Intanto ti regalo un premio, vieni a prenderlo quando vuoi:
    http://ildeborino-busybee.blogspot.it/2013/08/un-altro-graditissimo-premio-100-blog.html
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Debora, grazie mille! Sono entusiasta per il premio ricevuto e felice che tu abbia pensato a me! :-D
      Falla per te, per te sola, non negarti un piacere perché qualcun'altro non gradisce qualcosa che tu potresti apprezzare molto.
      Io me ne sono innamorata, fammi sapere tu cosa ne pensi.
      Un bacione
      Lore

      Elimina
  4. Spero veramente che l'estate non sia alla fine..anzi non ci voglio nemmeno pensare..o mi viene il magone..
    Buonissima la tua ricetta..mi piacciono da matti questi insolito abbinamenti! Bellissima anche la presentazione, complimenti
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Consu, non dirlo a me che sono ancora in ferie! D'altra parte in questi ultimi anni, il bel tempo si protratto anche per tutto Settembre, primi di Ottobre e ci ha regalato giornate tiepide e piacevoli. Vedrai che sarà così anche quest'anno e andremo avanti a granite e ghiaccioli fino a Novembre!
      Ciao bellezza, sono contenta che l'abbinamento ti abbia intrigata un pochito! :-D
      Un bacione
      Lore

      Elimina
  5. Mmmm..molto interessante,brava!!!
    Baci cara :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daiana! Grazie per essere tornata da queste parti! Mille baci e a presto!
      Lore

      Elimina
  6. Non ho parole.. è davvero una coppa di sole ed è squisita! Che meraviglia, grazie per questa stupenda ricetta e un bacione forte forte! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bella immagine! Una coppa di sole! Mi piace un sacco! Grazie Ely, sei sempre molto dolce! Un bacione e a prestissimo
      Lore

      Elimina
  7. Wow, che idea fantastica!
    Sono Elena di incucinadicorsa.blogspot.it! È un piacere visitare il tuo blog e ricambiare la tua apprezzatissima visita! Mi unisco con piacere ai tuoi lettori! Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena, ti ringrazio per aver lasciato questo graditissimo pensiero... :-D
      Torna presto a trovarmi, io farò sicuramente lo stesso!
      Un bacione,
      Lore

      Elimina
  8. Idea originalissima!!!! E che magnifica presentazione e quante vitamine!!! Bello e utile alla dieta!Fantasy Jewellery

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una ricetta multivitamica... Capita la volta in cui non badiamo al conto delle calorie, ai grassi e agli zuccheri, ma poi è bene tornare ligi alla dieta, con tanta verdura e tanta frutta... In primis per la salute! :-D
      D'altra parte non è detto che un piatto salutare non possa essere anche estremamente buono!
      Bacioni Sere!
      A presto
      Lore

      Elimina
  9. :) Bonjour de France!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bonjour Lucie, I am back after a short journey in Côte d'Azur et Provence... France is beautiful! I love the country were you live and love your interesting blog, which is full of good recipes! Thank you for your comment here! Let's get in touch!
      Hugs from Italy!
      Ciao
      Lore

      Elimina
  10. ricetta splendida e particolare! presentata divinamente!a presto baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Annalisa! Fammi sapere se la testi, curiosa di sapere anche il tuo parere!
      Mille baci
      Lore

      Elimina
  11. L'estate deve durare ancora un pò, prima vorrei assaggiare questa ricetta piena di ingredienti e unioni buone... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca, allora devi proprio correre perchè a fine Settembre i meloni scarseggiano e non sono proprio dolci e gustosi come in piena stagione... Fammi sapere che cosa ne pensi ppena riesci a riprodurre questo insolito gazpacho! :-D
      Buona Domenica!
      Un bacio
      Lore

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…