Passa ai contenuti principali

L'insolita insalata greca con feta, anguria, rossa di Tropea e olive Kalamata

E alla fine è arrivato anche "Ade", portando con se caldo torrido e temperature infernali.
La nota positiva in tutto ciò - per me che amo vestirmi a strati, i rami spogli e i cristalli di galaverna - è il fatto di potermi sbizzarrire, proponendo ogni giorno insalate leggere, fresche, originali, magari dolci e un po' salate.
E' il caso di questa deliziosa insalata, ribattezzata come "L'insolita insalata greca", proprio perchè mi ricorda i profumi e i sapori delle Cicladi. La mia proposta vede però il cetriolo egregiamente sostituito dall'anguria, fresca ma dolce e con effetto "sciacqua-bocca" dal sapore intensamente sapido tipico delle olive greche.
Tutta da provare questa insalata, semplice e veloce da realizzare, una rinfrescante e piacevole idea da proporre sulle vostre tavole estive.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!
 
PS: Questa sera andrò ad una grande festa evolutiva, un raduno di bella gente: a S.Siro suona Lorenzo Cherubini, Jovanotti, il Jova. Qualcuna di voi è presente? :-D

La lista degli Ingredienti
per 2 persone
 
150gr di formaggio feta
1/2 anguria baby (500gr circa)
1 cipolla rossa di Tropea
olive Kalamata, q.b.
origano, q.b.
fleur de sel alle olive Kalamata
pepe, q.b.
olio EVO, q.b.
 
Come procedere

Riducete a cubetti la feta, affettate molto sottilmente la rossa di Tropea e raccogliete gli ingredienti in una ciotola piuttosto capiente. Aggiungete le olive Kalamata, l'origano essicato, un pizzico di fleur de sel alle olive nere e condite con un filo d'olio. Se piace, aggiungete anche del pepe macinato fresco.
Lasciate riposare per una mezzora in frigorifero, in modo che l'insalata prenda sapore.
Dalla vostra anguria ricavate delle palline di polpa aiutandovi con uno scavino e conservatela in frigorifero fino al momento di servire.

I miei Suggerimenti

Servite ben freddo. Per impiattare in maniera ordinata e piacevole, aiutandovi con un coppapasta che riempirete con la vostra insalata. Lungo il perimetro del coppapasta andate a posizionare le polpa d'anguria e, a questo punto, sformate. Decorate a piacere con fleur de sel alle olive Kalamata.
 
Con questa ricetta partecipo al "Feta contest" del blog The Kitchen Nook di Francesca.
 
Con questa ricetta ho ricevuto il premio speciale per la migliore insalata, assegnatomi da Francesca del blog The Kitchen Nook.
 
Con questa ricetta partecipo al contest Dolce&Salato di Giochi di Zucchero e A tutto pepe.
A seguire i link ad entrambi i post dedicati:

Commenti

  1. Risposte
    1. Grazie Memole! Testala anche tu e fammi sapere com'è! ;-D

      Elimina
  2. che buona! mi incuriosisce soprattutto il contrasto tra il dolce dell'anguria e il salato del resto degli ingredienti.
    un abbraccio Linda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Linda, grazie per essere passata di qua! Il contrasto è molto efficace, il risultato apprezzabile. Se la provi, fammi sapere cosa ne pensi! Un grosso abbraccio :-D

      Elimina
  3. Buona e fresca questa insalata!

    Un bacio
    Letizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Leti, è sempre un piacere leggerti e sapere cosa pensi delle mie proposte! Passo da te, per vedere cosa mi proponi di nuovo e di irresistibile! Un mega abbraccio
      Loredana

      Elimina
  4. Mi piace un sacco un sacco sai questa tua insalata? Tra l'altro c'è in giro un contest sulla feta, perchè non partecipi? Eccolo, l'ho trovato: http://thekitchennook.blogspot.it/2013/06/feta-contest-una-gara-per-voi.html
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roby, grazie infinite per la segnalazione! Sono contenta che anche questa ricetta abbia trovato il tuo favore! Felicità! A prestissimo! Un mega abbraccio

      Elimina
  5. Buonaaaa! Metti il banner sotto e a lato nel blog ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…