Passa ai contenuti principali

Muffin salati con buche de chèvre, cipolla rossa di Tropea caramellata e semi di papavero

Si prosegue con la messa a punto della zona living e gardening estiva alla "Magione delle Anfrostole".
Nella mia terrazza sono arrivate le prime erbe aromatiche ed officinali, di cui avrò cura come ne avrei di un figlio e che mi saranno utilissime nella realizzazione di piatti un po' speciali e intensamente profumati.
Io ed il mio pollice con tendenza green diamo il benvenuto all'erba cipollina e al timo limoncino, alla borragine e all'elicriso liquirizia.
E naturalmente piovono lanterne, a ricreare ambientazioni che siano shabby e romantiche, a creare un clima disteso e rilassato e a fare da splendida cornice ai miei piatti.
A cominciare da questi deliziosi muffin salati che ho preparato per la gioia della mia famiglia il giorno di Pasqua.
Tra gli ingredienti chiave prescelti, il buche de chèvre, un formaggio caprino tipicamente francese, per il quale io stravedo e che tradizionalmente viene servito nella famosa salade au chèvre chaud.
Si prosegue con la golosissima cipolla rossa di Tropea caramellata con zucchero di canna integrale ed aceto balsamico tradizionale di Modena, per concludere con una spolverata di semi di papavero.
Per grandi e piccoli appetiti: la richiesta della doppia razione è assolutamente garantita.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

La lista degli Ingredienti
per 6 muffin per grandi appetiti e 8 mini-muffin per piccoli appetiti

250gr di farina manitoba
150gr di buche de chèvre
1 cipolla rossa di Tropea
semi di papavero, q.b.
100ml di latte
100ml di olio EVO
2 uova bio di media grandezza
12gr di lievito istantaneo
aceto balsamico tradizionale di Modena, q.b.
2 cucchiaini di zucchero di canna integrale
2 gr di fleur de sel aromatizzato alle erbe provenzali
pepe nero, a piacere

Come procedere

Partite con la preparazione della cipolla caramellata che necessiterà di un po' di tempo per il raffreddamento, prima di essere utilizzata. Sbucciate la cipolla, lavatela ed affettatela al velo. Fatela sudare a fuoco dolce in una padella con un filo d'olio EVO e, quando comincerà a prendere colore, cospargetela con lo zucchero di canna e sfumate con l'aceto balsamico tradizionale di Modena. Aggiustate di sale e pepe e levate dai fuochi.
In una ciotola piuttosto capiente e dai bordi alti, raccogliete la farina manitoba, il lievito, il fleur de sel aromatizzato e il pepe, lo chevre a dadini e la cipolla caramellata. In un'altra ciotola, lavorate gli ingredienti liquidi: sbattete le uova con il latte e l'olio EVO.
A questo punto, unite gli ingredienti liquidi a quelli secchi, cercando di amalgamarli lavoradoli il meno possibile.
Io ho utilizzato degli stampi in silicone della Silikomart per muffin e mini-muffin, quindi non si è reso necessario utilizzare dei pirottini di carta. Riempite ogni cavità dello stampo per i 2/3, cospargete con i semi di papavero la sommità di ciascun bocconcino e cuocete in forno preriscaldato, a 180° per 35'.

I miei Suggerimenti

Servite questi sfiziosissimi muffin tiepidi o freddi. Sono l'ideale per un pic-nic, una gita fuoriporta, una scampagnata o da servire come antipasto durante una grigliata all'aperto.
 

Con questa ricetta sono arrivata tra le tre ricette finaliste al contest di Cheese loves Pepper.

Con questa ricetta partecipo al contest "I formaggi" di Letizia de "Il Risotto Perfetto".

Commenti

  1. Chissà che buoni questi muffin! Adoriamo i muffin salati:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente molto buoni, tra i muffin salati meglio riusciti in senso assoluto! :-D

      Elimina
  2. Brava Lore!! Davvero favolosi!! Sai che io non amo i formaggi ma quando ho ospiti preparo sempre qualcosa che sia a base di formaggoi, piacciono a tutti!!! Questi mi sa che me li tengo buoni per il prossimo evento, ho giusto quel formaggio di capra che ho portato al marito dalla mia trasferta (assieme ad altri che ammorbano il frigo), metà per lui e metà per questi muffins!!
    Grazieeee!! Un bacione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente i formaggi rendono l'atmosfera del frigo particolarmente tossica e insalubre! :-D Però sono tanto golosi e in genere piacciono proprio a tutti! :-D

      Elimina
  3. Per una come me muffin dipendente questi sono una visione :)
    Bravissima e complimenti anche per le lanterne che sono molto carine!
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Daniela! Anche i tuoi piatti sono sempre delle visioni! :-D
      Buon weekend, cara!
      Un bacione
      Lore

      Elimina
  4. Ciao! Siamo appena arrivate nel tuo blog e siamo nuove lettrici fisse! Se ti va di ricambiare ci trovi qui: www.sevacolazione.blogspot.it
    V

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vi raggiungo immediatamente e chiedo venia per la risposta che si è fatta attendere! Mille baci!
      Lore

      Elimina
  5. che siano dolci o salati a me i muffin conquistano sempre!! ;) buonissimi, e sono sicura che uno tira l'altro!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vale, ti assicuro che è così! Uno tira l'altro e ovviamente sempre una garanzia!
      Mille baci :-*

      Elimina
  6. che bei muffins e chissà che buoniiii!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per il commento, Vale! Sempre assa gradito! :-*

      Elimina
  7. E come si fa a resistere tra tanta bellezza e bontà!
    L'iscrizione è d'obbligo..felice in un tuo ricambio!
    Grazie e abbraccio prefestivo!
    http://rockmusicspace.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sono subito da te! :-* Grazie per essere passata di qua! :-*

      Elimina
  8. Risposte
    1. Vedi che le anticipazioni su istagram valgono pur a qualcosa??? :-D
      Mille baci, cara!
      Lore

      Elimina
  9. Questi sono spettacolari! Anche la forma, cosi' belli rustici da pappare in un secondo! brava e complimenti per la varieta' delle tue piantine! un abbraccio e a presto!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…