martedì 13 agosto 2013

Risotto con pesto di spinaci novelli e nocciola Piemonte IGP, mantecato ai "Formagitt" di Montevecchia stagionati

Come ormai saprete, porto sempre alto il vessillo della Brianza e delle terre lariane e mi piace moltissimo portare sulla mia tavola i prodotti tipici di queste zone, sconosciute ai più ma che indubbiamente meritano particolare accenno. Oggi vi parlo del prodotto che meglio rappresenta il parco regionale di Montevecchia e della Valle del Curone: se fate un salto da queste parti, non andatevene senza aver assaggiato i "Formagitt", una vera specialità. Si tratta di formaggini di latte vaccino o caprino, che vantano una lunga tradizione e non poche attestazioni di qualità, come l'inserimento nell'atlante dei prodotti tipici dei parchi italiani redatto da Slow Food, Legambiente e Federparchi.
Li potrete assaggiare freschi, riconoscibili dalla pasta, candida, di un bianco lancinante; dall'aroma delicato e piacevolmente acidulo e dal sapore latteo; ma la versione stagionata merita particolare lode, con sapori ed aromi ben più complessi, strutturati e di carattere.
E, assecondando il mio estro, ho deciso di inserire un pezzo di Brianza in questo risotto, per renderlo ancora più ricco, cremoso e profumato.
La freschezza del pesto agli spinaci novelli, con un retrogusto leggermente tostato della nocciola Piemonte IGP e la nota croccante delle stesse, tagliate al coltello, completano questo buon piatto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

La lista degli Ingredienti
per 2 persone

Per il pesto
50gr di spinaci novelli in foglia
nocciole del Piemonte IGP, 2 cucchiai
60gr di Bella Lodi classico, con crosta nera
pepe rosa, a piacere
1/2 bicchiere di olio EVO
sale rosa dell'Himalaya, q.b.

Per il risotto
160gr di riso varietà Vialone nano
1 cipollotto
pesto, 2 cucchiai rasi
brodo vegetale, q.b.
vino bianco secco, q.b.
sale rosa dell'Himalaya, q.b.
olio EVO, q.b.
burro, una noce

Per la mantecatura
1 formaggino di Montevecchia stagionato

Per la finitura
nocciole del Piemonte IGP frantumate al coltello, q.b.
pepe rosa in bacche, q.b.

Come procedere

Preparate del brodo vegetale con una costa di sedano, una carota e una cipolla, insaporite con del sale rosa dell'Himalaya e qualche bacca di pepe rosa e tenete in caldo.
Ora occupatevi della preparazione del pesto. Lavate accuratamente gli spinaci novelli e tamponateli. Raccogliete gli spinaci ed i restanti ingredienti sopra elencati in un bicchiere alto e passate al mixer. Conservate in frigorifero fino al momento dell'utilizzo.
In una casseruola, fate soffriggere il cipollotto finemente tritato con una noce di burro ed un filo d'olio EVO. Una volta appassito il cipollotto, aggiungete il Vialone nano, fatelo tostare, sfumate con il vino bianco e lasciate che l'alcool evapori.
Aggiungete il brodo, poco alla volta, continuando a rimestare e aggiustate di sale.
A 4' dal termine della cottura, aggiungete il caprino stagionato a pezzetti e lasciate che fonda.
Ad 1' dal termine della cottura, aggiungete 2 cucchiai di pesto di spinaci novelli e nocciole Piemonte IGP.
A fiamma spenta, lasciate riposare il vostro risotto per un minuto con il coperchio prima di servire.
Tempo di cottura per avere un risotto al dente: 18'.

I miei Suggerimenti

Impiattate aiutandovi con un coppapasta, cospargendo il risotto con nocciole del Piemonte IGP frantumate al coltello e, a piacere, decorate il piatto con delle bacche di pepe rosa.
Ed ora qualche foto scattata nel parco regionale di Montevecchia e della Valle del Curone. Come è difficile non innamorarsi di questi luoghi incantati...
"Quella delle terrazze di Montevecchia è tra le più belle posizioni della Brianza: uno spalto altissimo, un balcone che si erge, fuori dalle nebbie, e si affaccia dritto a sud; nelle giornate di vento si vede dalla Cisa al Monte Rosa." - cit. Mario Soldati.

15 commenti:

  1. in questo post sei riuscita a trasmettermi tutto l'amore che hai per le tue terre e ho imparato qualcosa in più della nostra Italia. Non conoscevo le terre lariane e non immaginavo che la Brianza avesse tali bellezze e bontà da offrire, ma questa è ignoranza mia :)che posti magnifici! ho visto altre immagini in internet e per chi come me ama la fotografia c'è da perdersi! la ricetta è fantastica hai grande inventiva complimenti :D continua a postare piatti ispirati alla tua tradizione non dobbiamo perdere questo patrimonio. ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' bello sapere che ancora ci sono persone così... Dominate dalla voglia di conoscere, che si lasciano incantare dalla bellezza della natura, che sanno cogliere gli stimoli... Grazie Fragolina, penso che questa sequenza di parole sia tra le più belle, emozionanti e rincuoranti ricevute fino a questo momento. Davvero, grazie di cuore. :-D
      Un abbraccio
      Lore

      Elimina
  2. Yummi che buono! Evviva la nostra Brianza :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evviva la Brianza, evviva! Leti, non conoscevo quel posticino che mi hai segnalato! Grazie per la preziosissima indicazione! :-D

      Elimina
  3. I tuoi primi piatti sono sempre spettacolari, complimenti!
    Un bacio
    Letizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Leti, faccio del mio meglio per proporvi qualcosa di speciale! Grazie mille per il sostegno! Mi sprona ad andare avanti! Un basin
      Lore

      Elimina
  4. Non potevi concludere il post in modo migliore, ho letto il libro di Soldati e tutto l'amore che trasmette nei suoi racconti, come te, in questo post! Complimenti per tutto! A presto, Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Michela, accanita lettrice! Come sempre, grazie per queste parole meravigliose che hai speso per me... L'intento è proprio questo, trasmettere amore... Che sia amore per la cucina o amore per le radici, per il luogo in cui vivi... Quel che conta è che la cosa si pecepisca e sia quasi palpabile. Un abbraccio, buona giornata e a prestissimo con una nuova ricetta.
      Lore

      Elimina
  5. Ciao e grazie per la tua visita! sono venuta a curiosare e mi sono innamorata del tuo blog..bravissima!
    Da oggi ti seguo anch'io con gioia..non mi perderò + nemmeno una ghiottonerie :-P
    A presto
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande, zia! ;-) La prossima ghiottoneria arriverà a brevissimo, non te la perdere... Spero di ritrovarti presto! Un abbraccio
      Lore

      Elimina
  6. complimenti per il post e per l'appetitoso risotto grazie per la tua visita a presto

    RispondiElimina
  7. Fantastico abbinamento e una mise en place d'effetto!!
    Ho sentito il bisogno di condividerlo sulla mia pagina fb!!
    Le cose belle e i loro autori vanno fatti conoscere!!
    A presto ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo carina e troppo gentile questa ragazza... Anche a detta del mio fidanzato! Grazie per tutto il supporto che ho avuto da te, nonostante ti abbia appena conosciuta! Vado subito a cercare anche la tua pagina facebook! Un abbraccio e teniamoci in contatto! Baci
      Lore

      Elimina
  8. Passo volentierissimo a trovarti, per seguirti e imparare qualcosa di nuovo da te ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aria, grazie! Abbiamo tutte da imparare, ogni giorno è una scoperta!
      A presto :-D
      Lore

      Elimina