Passa ai contenuti principali

Panna cotta al cocco su cialda al chocolight e riso soffiato, chocaviar e cocco rapè

Quella che vi propongo questa sera, è la prima delle ricette che andrò a realizzare in collaborazione con Venchi.
Mi è sembrato che fosse giusto preparare un dolce d'effetto, ma alla portata di chiunque: così è nata l'idea di proporvi questo grande classico, presentato in una versione originale, fresca ed estiva.
Golosa da morire, questa panna cotta al cocco è speciale perchè accompagnata da una cialdina realizzata con riso soffiato e chocolight Venchi e guarnita con chocaviar Venchi e cocco rapé.
Una vera goduria, soddisferà appieno la vostra voglia di qualcosa di buono e fresco. Semplice, veloce da realizzare (tempi di rassodamento a parte) ed irresistibile. Potete anche prepararla con un giorno d'anticipo, per poi sformarla e decorarla all'ultimo istante.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

La lista degli Ingredienti
per 3 porzioni

Per la panna cotta
200ml di crema di latte
150ml di latte di cocco
60gr di zucchero a velo vanigliato
4gr di gelatina alimentare

Per ogni cialda
25gr di chocolight Venchi
3 cucchiai di riso soffiato

Per la guarnizione
chocaviar, q.b.
cocco rapé, q.b.

Come procedere

Lasciate idratare la gelatina alimentare in acqua fredda per una decina di minuti.
In una casseruola raccogliete la panna, il latte di cocco e lo zucchero a velo setacciato. Scaldate il composto, perché lo zucchero a velo si sciolga completamente, senza portare a bollore.
A fuoco spento, aggiungete la colla di pesce ammollata. Verificate che la gelatina sia completamente sciolta, filtrate il composto e versatelo negli stampi (io ho utilizzato degli stampi a fiore, con doppia apertura, preventivamente unti con olio di mandorle).
Riponete gli stampi in frigorifero e lasciate riposare per alcune ore (mi sentirei di suggerire almeno 5/6 ore).
Ora occupatevi delle cialde di accompagnamento. Fate sciogliere il cioccolato a bagnomaria e incorporatevi il riso soffiato. Procuratevi un vassoio, foderatelo con della carta forno e con l'aiuto di un coppapasta create le vostre cialdine. Sformatele immediatamente e lasciate che il cioccolato si rapprenda in frigorifero per almeno un paio d'ore.

I miei Suggerimenti

Utilizzate le cialdine come base per il vostro dessert. Sformate la panna cotta e decorate a piacere con microsfere di chocaviar e cocco rapé.
Se avete bisogno di qualche suggerimento sulle tecniche per sformare perfettamente i vostri dolci al cucchiaio, vi rimando a questo post: http://angolodelleghiottonerie.blogspot.it/2013/05/panna-cotta-al-limone-con-salsa-true.html


Con questa ricetta partecipo al contest Dolci al cucchiaio de La cucina delle streghe.

Commenti

  1. Risposte
    1. Ciao Memole, pubblico solo le ricette perfettamente riuscite... Molto buona, dà dipendenza. Se la provi, fammi sapere come ti è venuta! Baci, a presto! :-D

      Elimina
  2. favolosa la tua panna cotta, mi unisco ai tuoi lettori!
    www.dolcementeinventando.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ale! Grazie mille per esserti unita! Adesso, subito, immediatamente passo da te! Non perdiamoci di vista! Un abbraccio e a prestissimo! ;-D

      Elimina
  3. Bellissimo e buono! Mi piace tantissimo il cocco, poi abbinato al cioccolato deve essere una vera delizia :) Complimenti!
    Grazie mille per avermi regalato un angolino nel tuo post :)

    Un bacio
    Letizia

    RispondiElimina
  4. Grazie tesoro! Direi un angolino più che meritato!
    Un bacio e a prestissimo! :-D

    Loredana

    RispondiElimina
  5. Cocco e cioccolato è sempre un must!
    Bellissima la tua panna cotta!
    L'abbiamo aggiunta al nostro contest (prossimamente la pubblicheremo anche sulla nostra pagina fb)
    Grazie di aver partecipato e a presto,
    Silvia e Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao ragazzi, grazie infinite per questa bella opportunità. Il vostro contest mi ha intrigata fin da subito, peccato poter partecipare con una sola ricetta! :-D
      Baci e a presto con il verdetto! :-D
      Lore

      Elimina
    2. Eh lo so Lore, allo scorso contest abbiamo deciso che si potesse partecipare con 3 ricette ciascuno, alla fine abbiamo avuto 126 ricette partecipanti...un lavoro! eheh :)
      Magari il prossimo contest...chissà!
      A presto,
      Silvia

      Elimina
  6. ciao, bella ricetta, ma vorrei chiederti una cosa, per crema di latte si intende la panna da cucina vero? come mai usi quella al posto della panna fresca? è una questione di gusti o preferisci una panna meno grassa???------ comunque complimentissimi, credo che te la copierò questa ricettina !!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Per crema di latte intendo esattamente la panna fresca, non la panna da cucina. Nello spirito di condivisione di ciò che è bello e di ciò che è buono, sono felicissima che tu voglia replicare questa mia ricetta. Sono onorata! Se ti va, mandami una foto della ricetta così come riprodotta da te, la pubblicherò più che volentieri sulla mia pagina fb! Buon weekend!
      Lore

      Elimina
  7. WOW!!!
    Complimenti!
    Mi sono unita ai tuoi seguaci! :-)
    Ciao ciao!
    P.S. se vuoi passare a trovarmi, sono qui http://coeurdepaindepices.blogspot.it/

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…