Passa ai contenuti principali

Biancomangiare al sesamo con tè verde matcha

Dopo un periodo di latitanza, torno con un dolce davvero speciale.
Premessa: mi pesa moltissimo il fatto di avere poco tempo a disposizione da dedicare ai fornelli; d'altra parte, è un periodo molto pieno, con mille cose da incastrare e portare a compimento. Tutte le mie energie, vengono assorbite dal lavoro, dal tempo che non posso non dedicare al fitness e agli amici e, per concludere, dal mio progetto di vita a due e la mia nuova casa, che vedo gradualmente prendere forma. A breve, le mie ricette prenderanno corpo in una nuova meravigliosa cucina e la cornice cambierà un po': dovrò prendere confidenza con un nuovo piano cottura, un nuovo forno e dovrò fare l'abitudine ad una nuova disposizione delle cose. Ora come ora, per fare quello che più mi piace, mi divido tra la casa dei miei e la casa di mio "marito", trasportando ogni volta il mio kit da masterchef e i vari ingredienti da una casa all'altra. Il che, in confidenza, è anche un tantino scomodo, oltre che snervante.
Ma veniamo a questo dolce al cucchiaio, che parla un po' d'Oriente e che ha un gusto tutto particolare. Protagonista indiscusso il sesamo (o meglio, la tahina), che conferisce a questo semifreddo un sapore assolutamente inedito, non c'è altra descrizione. E, da non dimenticare il matcha, una varietà di tè verde giapponese, molto pregiato, che viene normalmente utilizzato nella tipica cerimonia del tè. Qui viene utilizzato per la rifinitura del dolce e spolverizzato come fosse zucchero a velo.
Lo assaggio, in tutta la sua cremosità, chiudo gli occhi per un istante e mi vedo trasportata alle pendici del monte Fuji o per le vie della città dei templi, circondata dai sakura nel periodo di loro massima fioritura (Hanami).
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprendete i vostri ospiti!
 
PS: Itadakimasu! :-D

La Lista degli Ingredienti
(per 8 biancomangiare mignon)

Per il semifreddo
150ml di crema di latte
300ml di latte intero
25gr di tahina
80gr di zucchero semolato extra-fine
2gr di agar-agar

Per la guarnizione
Tè matcha, q.b.

Come procedere

In una casseruola raccogliete la panna, il latte intero, lo zucchero semolato e la tahina.
Continuate a rimestare perchè lo zucchero e la crema di sesamo si sciolgano quanto più possibile. Portate ad ebollizione ed aggiungete l'agar-agar, mescolando velocemente.
Filtrate e versate il composto in uno stampo (il mio, uno stampo per mini-muffin SF 022 ad 11 cavità di Silikomart). Ponete a rassodare nel congelatore per qualche ora.

I miei Suggerimenti

Questo dolce ben si presta ad essere preparato anche il giorno prima, per essere sformato all'ultimo minuto.
Una volta tolto dal congelatore e rimosso dallo stampo, basteranno alcuni minuti a temperatura ambiente perchè guadagni la giusta consistenza e cremosità.
Spolverizzate a piacere con tè matcha prima di servire.
 
Con questa ricetta partecipo al contest "Un piatto di tè?!" del blog "Semi di Vaniglia".
 

Commenti

  1. Risposte
    1. Ciao Memole, grazie per essere passata da me! Un bacione e a presto! :-D

      Elimina
  2. Di solito non distribuisco premi, ma questo me l'hanno appena segnato e mi sembrava perfetto per te ^_^
    http://3.bp.blogspot.com/-9EPxht6uvXY/UbmueU8ecEI/AAAAAAAAAtA/fjMQKR-uDK0/s214/premio-dellamicizia-blogger.jpg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che carina, Fra! Dovremmo fare più spesso delle cose insieme, io e te! Grazie mille per questo "Award", 'sto giro mi sento come si sentirebbero i famosi del cinema al Festival di Cannes! Grazie mille! <3

      Elimina
  3. Risposte
    1. Grazie, Floriana! Sono felice di poter partecipare al tuo contest! Incrocio le dita! A presto! :-D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…