Passa ai contenuti principali

Tagliata di tonno in crosta di sesamo con tabbouleh tiepido di grano khorasan

 
Perchè in una giornata così bella come quella di Domenica, forse una delle prime vere giornate di primavera, il sole deve entrare nelle nostre case, arrivare fin sulle nostre tavole ed essere portato nei nostri piatti. Se penso al sole, subito mi viene naturale associarlo al giallo vibrante e all'inconfondibile aroma dello zafferano. Così nasce l'idea di questo piatto, dal sapore un po' etnico.
Un'ottima idea per un secondo piatto di pesce, qui presentato nella veste di piatto unico poichè accompagnato da un cous cous di Kamut, arricchito con delle verdure (il porro e la zucchina) e con un sapore reso intenso dall'utilizzo zafferano: davvero un piatto completo e bilanciato dal punto di vista nutrizionale.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

La lista degli Ingredienti
(per 2 persone) 
 
Per il tabbouleh tiepido di grano khorasan
100gr di cous cous di Kamut
2 zucchine
1 porro
brodo vegetale (nel mio caso, brodo di bio-dado)
zafferano, una bustina
aglio, uno spicchio
olio EVO
sale, q.b.
pepe, q.b. 
 
Per la tagliata di tonno in crosta di sesamo
1 filetto di tonno pinne gialle
semi di sesamo, q.b.
sale, q.b. 
 
Come procedere
 
Partite anzitutto con la preparazione del tabbouleh.
Per preparare il cous cous potete regolarvi in base alle indicazioni che troverete sulla confezione. Di solito la proporzione è di ½ litro di brodo per 500gr di cous cous.
Preparate il brodo vegetale, stemperandovi una bustina di zafferano, versate il cous cous, fate cuocere per pochi minuti. Allontanate la pentola dai fuochi, ricopritela con un canovaccio e lasciate che il cous cous assorba completamente il brodo preparato.
Nel frattempo avrete preparato le verdure, facendole semplicemente saltare in padella con un filo d’olio e uno spicchio d’aglio (privato dell’anima); aggiustate di sale e pepe. Le verdure saranno pronte quando saranno ben dorate, pur mantenendo una certa consistenza.
A questo punto, sgranate il cous cous, conditelo con dell’olio EVO e aggiungete le verdure.
Ora potete occuparvi del filetto di tonno, che verrà semplicemente panato con dei semi di sesamo su ambo le parti e avrà cottura brevissima (circa 1’ per lato, il modo che si mantenga rosato all’interno). Abbiate solo l’accortezza di cuocerlo - senza oli, né grassi aggiunti -solo una volta che la padella antiaderente sia ben calda. Aggiustate di sale, secondo i vostri gusti. 
 
I miei Suggerimenti 
 
Impiattate il tabbouleh aiutandovi con un coppapasta e decorate con prezzemolo fresco e zafferano in stimmi.
Tagliate il filetto di tonno a fettine spesse circa 1cm e presentatelo accostandolo al tabbouleh.
A parte ho servito una salsina molto fresca preparata mescolando a dello yogurt greco, dell’erba cipollina, sale e pepe.
Un piatto del genere va immancabilmente gustato con un calice di bianco. A mio avviso, un profumato e persistente Vermentino Sardo si sposerebbe molto bene con lo zafferano utilizzato in questa ricetta.
 
 
 Con questa ricetta partecipo al contest "Happiness is homemade" del blog di Roberta "The dreaming seed".

Commenti

  1. Ma che piatto gustoso bravissima stupenda anche la composizione felicissima di essermi unita alle tue follower da oggi ti seguiro' con piacere,un bacione;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che tu sia la benvenuta, cara Ombretta! Alla prossima ricetta! Baci, Loredana

      Elimina
  2. Un piatto fatto con grande raffinatezza..
    Bella la presentazione, belle anche le foto.
    Grazie mille per il commento .
    Inco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inco, grazie mille per questo bellissimo pensiero... Per me è molto incoraggiante e sprona a fare anche meglio! Buona giornata in questo Mercoledì di Primavera!
      Loredana

      Elimina
  3. ciao carissima;) come vedi ho ricamviato subito la visita:) ti seguo con molto piacere..a presto:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela! Grazie mille e a presto con nuove golose ricette! :-)

      Elimina
  4. Quel tonnooooooo! Grazie per la ricetta.. ha tutto quel che mi piace!
    Un abbraccio :)

    pensierinviaggioo.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manuela! Grazie a te per avermi lasciato questo gradito commento! Mi aggiungo ai tuoi lettori, anche io amo viaggiare e amerei farlo molto di più di quanto ora sia possibile! I paesaggi suggestivi, il fascino delle culture e perchè no... Il lato gastronomico e godereccio di ogni viaggio! Non ti perdo di vista! A presto! Loredana

      Elimina
  5. Ciao Loredana, innanzitutto complimenti per questa bella ricetta, colorata e gustosa, che inserisco immediatamente nel contest tra le ricette dal mare.
    Volevo però segnalarti che mi hai mandato due volte questo stesso link, anche per quella dall'orto, e quindi chiederti di mandarmi il link giusto all'altra tua ricetta in gara!
    Grazie mille, a presto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberta, pardon! Spesso ho la testa tra le nuvole! Ti ho lasciato di nuovo un commento al post del contest, questa volta mi auguro di averci messo il link giusto! ;-) Complimenti per il contest e soprattutto per il tuo splendido blog! A presto! Un abbraccio! :-D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!