Passa ai contenuti principali

Riso Venere in forma con salmone affumicato, finocchio al velo e carpaccio d'arancia marinata al balsamico


Vi scrivo proprio oggi che è stato il primo giorno di rientro in ufficio anche se, di fatto, non ho ancora stabilito quando questo post sarà condiviso.
Lo faccio così: d'impeto, sull'onda dell'entusiasmo. Perché questi scatti hanno suscitato la curiosità di molti ed in molti mi hanno chiesto di averne la ricetta.
E sono qui che è ormai notte fonda, sono qui nonostante la stanchezza dovuta ad innumerevoli notti insonni, ad un lavoro impegnativo, ad una gestione complessa del ménage familiare. Una stanchezza che non mi abbandona mai, che - tanto per rimanere in tema - è letteralmente diventata una compagna di merende.
La mia parte razionale dice che dovrei concedermi un sonno ristoratore, invece sono qui e scrivo.
Scrivo con la consapevolezza dei tanti arretrati, scrivo con la voglia di dare un contributo mio personale, scrivo combattuta tra la volontà di condividere il più possibile e la promessa che ho fatto a me stessa di rallentare e di prendere ogni cosa con la dovuta calma.
Le feste saranno anche un capitolo chiuso ma io resto qui, circondata da luci e addobbi, ancora per un po'. E vi racconto dei piatti che hanno reso speciali questi giorni di festa appena trascorsi, rivelandosi essere un'ottima soluzione per incontrare i buoni propositi di leggerezza, che tipicamente seguono questo lungo periodo di brindisi e dissolutezza a tavola.
La mia è giusto una proposta di quel tipo: che vince perché gustosa e, nel contempo, leggera.


La lista degli Ingredienti
per 2 persone

120 gr di riso Venere
4 fettine di salmone affumicato
un'arancia non trattata
un finocchio
olio EVO del Garda, q.b.
aceto balsamico, q.b.
fleur de sel aromatizzato alla rosa, q.b.

Per la guarnizione
pepe rosa, q.b.

Come procedere

Tagliate l'arancia a fettine sottili come un carpaccio. Disponete le fettine su un piatto e conditele con aceto balsamico, lasciandole marinare in frigorifero per una mezzora almeno
Lavate e tagliate il finocchio al velo, conditelo leggermente con un filo d'olio e fior di sale aromatizzato alla rosa.
Portate l'acqua a bollore, salatela leggermente, lessate il Riso Venere per una ventina di minuti o per il tempo necessario, indicato sulla confezione. Scolatelo e conditelo con olio EVO.
Con l'aiuto di un coppapasta stratificate gli ingredienti partendo dal riso, proseguendo con il finocchio al velo, il carpaccio d'arancia ed infine, adagiate le fettine di salmone.

I miei Suggerimenti

Completate la guarnizione con del pepe rosa, frantumandolo con le mani in modo che sprigioni il suo profumo, resinoso, così particolare.



Commenti

  1. Come ti capisco.. in quanto a stanchezza, così tanta da non farmi neanche dormire (paradossale ma vero) non mi pronuncio. Sono le tre e mezza di notte e passo di qui, a gustare con gli occhi questa elegantissima ricetta che pare un sogno ad occhi aperti! <3 Ti auguro pace, serenità e dolcezza come non mai.. e grazie di questa proposta così elegante e gustosa!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ely, ti ringrazio infinitamente per questo augurio che solo tu avresti potuto esplicitare in maniera tanto poetica. Non vedo l'ora di leggere di nuovo, di te e del tuo bosco incantato. Un abbraccio <3

      Elimina
  2. La leggerezza è una virtù che spesso ci manca... è bello ritrovarla almeno in un piatto affascinante come questo! Grazie e buon weekend

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Cecilia, grazie a te per questa graditissima visita. <3

      Elimina
  3. Avevo in testa qualcosa di simile per il cenone. Avessi visto prima la tua proposta, l'avrei replicata sicuramente. La terrò presente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi raccomando, Franca. Se la provi, fammi sapere cosa ne pensi. <3

      Elimina
  4. Adoro il riso Venere e questa composizione mi ha conquistata.
    Bello, profumato, colorato e molto chic ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo adoro anche io, con quel profumo inconfondibile che sa di nocciole tostate, di pane appena sfornato, di buono, di casa. <3

      Elimina
  5. Ciao carissima...bentornata! Egoisticamente ti dico che hai fatto bene a condividere, così anche se le feste son passate questo tuo piatto voglio provarlo perché in fondo oggi giorno è un occasione speciale è un dono dobbiamo celebrarlo degnamente. Ti auguro di trovare un po' di tempo per te...di rallentare un po' così da essere sempre più carica per nuove ricette gourmet! Ti abbraccio forte buon 2019 bello come ti meriti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carmen cara, che piacere leggerti e ritrovarti qui sulla mia umile pagina. Non ho ritrovato il tempo per farlo, quello manca sempre, ma ho ritrovato la motivazione, la motivazione forte. Buon 2019 a te, amica mia. <3

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!