Passa ai contenuti principali

Torta al caffè, variegata al fondente, al profumo di cannella e fava tonka . Senza latte, senza burro, senza uova.

Non sono mai stata così brava come ora nell'alternare ricette dolci a ricette salate. Oggi decido di privilegiare il dolce, ma la ricetta che segue non è tanto dedicata alla colazione dei più piccoli, quanto a quella dei grandi.
Tra gli ingredienti annoverati, abbiamo il caffè. Per il quale - almeno dal mio punto di vista - è amour fou, uso, sovente abuso.
Nei periodi più difficili, frenetici, debilitanti, quelli in cui non è più auspicabile pensare di andare avanti per sola inerzia e necessariamente bisogna trovare qualcosa per farsi forza, per me il caffè è esattamente quel qualcosa. Con il rischio però - come dicevo - di esagerare nell'abuso di caffeina, fino ad arrivare a quelle fatidiche sei tazze di caffè al giorno, che sono davvero un po' troppe.
Qualche settimana fa ho deciso di rimettermi in carreggiata da questo punto di vista, riducendo drammaticamente il numero di tazze di caffè nella mia giornata lavorativa tipo. Concedendomi però, di tanto in tanto, il piacere di un dolce da colazione, che ne racchiudesse tutto l'aroma e l'effetto corroborante: più che una necessità per far partire la giornata con il piede giusto.
Questo dolce è dedicato a chi visceralmente ama il caffè, ma è pensato anche per coloro che soffrono di intolleranze: è realizzato infatti senza l'impiego di latte, senza burro e senza uova, ma posso garantirvi che è egualmente buono.

La lista degli Ingredienti
per una teglia diametro 12 cm

Per la torta
180 ml di caffè lungo
120 gr di zucchero muscovado
90 gr di farina "00"
90 gr di farina di riso
30 ml di olio di semi di girasole
1/2 bustina di lievito per dolci
fava tonka, a piacere
cannella, a piacere
un pizzico di fleur de sel

Per la guarnizione
crema di nocciole fondente homemade

Come procedere

Raccogliete gli ingredienti secchi in una ciotola piuttosto capiente: le farine passate due volte al setaccio, il lievito, lo zucchero, la presa di sale. Profumate a piacere con cannella e fava tonka.
Preparate il caffè lungo, versate l'olio di semi e miscelate bene i liquidi.
A questo punto, unite tutti gli ingredienti, versando il composto liquido poco alla volta e mescolate a lungo fino ad ottenere un impasto liscio e senza grumi.
Versate l'impasto del dolce in una tortiera oliata ed infarinata, riempitela per 3/4 ed utilizzate la crema fondente di nocciole come topping, creando un motivo a spirale.
Preriscaldate il forno ad una temperatura di 170° e cuocete la torta per 30 minuti circa in forno statico. Se necessario, fate la prova dello stuzzicadenti per la verifica della cottura.
Lasciate raffreddare completamente il dolce su una gratella prima di servire.

I miei Suggerimenti

Con il composto - che certamente avanzerà utilizzando una teglia di diametro così ridotto - potrete realizzare almeno un altro paio di tortine da cuocere in ramequin, ben oliate ed infarinate.
Servite a colazione, per godere appieno dell'effetto corroborante del caffè.






Commenti

  1. Anch'io sono una grande amante del chicco tostato ^_* questa torta sono certa che mi farebbe alzare dal letto la mattina già col sorriso ^_*

    RispondiElimina
  2. Come iniziare la giornata con un sorriso ^_^
    Fantastica!
    Buona settimana

    RispondiElimina
  3. le torte che piacciono a me! bellissimo mix di ingredienti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite, in effetti sì: insieme stanno benissimo.

      Elimina
  4. good post 😊 would you like to follow each other? if the answer is yes, please follow me on my blog & i'll follow you back. https://camdandusler.blogspot.com

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…