Passa ai contenuti principali

Polpette di pollo al profumo di limone con salsa alla cipolla, curry e fava tonka

Come forse qualcuno di voi sa, in questa casa nell'ultimo anno si sono impastate polpette a non finire, sempre per andare incontro ai gusti e alle esigenze di piccolo gourmet.
Lo svezzamento di Riccardo è stato un percorso a tratti complesso, non sempre lineare e, tante volte, queste piccole invitanti "croquette" di carne, di legumi, di verdura sono state di preziosissimo aiuto nel facilitarmi il compito. 
Sono diventata maestra nell'inventare e reinventare proposte sempre nuove, golose, sfiziose, irresistibili e oggi ve le propongo così: con macinato di pollo, profumate da scorzetta di limone e rosmarino, insaporite con cipollotto fresco e parmigiano.
Per la gioia dei bambini e soprattutto di chi bimbo non lo è più, le ho servite con una salsa avvolgente dai sapori inusuali, come perfetto accompagnamento per questi sfizi croccanti fuori e dalla consistenza morbida dentro.
Per la salsa ho scelto la dolcezza dei petali di cipolla e del latte di cocco, esaltati dal profumo di mandorla caratteristico della fava tonka e dalla nota calda e speziata della curcuma e del curry. Un curry morbido, non troppo violento al palato.
E la fava tonka: il mio nuovo mai più senza.
Servite le polpette ben calde o appena tipide, come appetizer oppure come antipasto gustoso e conviviale, da mangiare rigorosamente con le mani.

La lista degli Ingredienti
per 20 polpette

Per le polpette
un petto di pollo macinato
50 gr di parmigiano reggiano, stagionato oltre 30 mesi
un uovo bio di media grandezza
2 cipollotti freschi
la scorzetta ed il succo di mezzo limone non trattato
pangrattato, q.b.
rosmarino, q.b.
misticanza di fiori, q.b.
fior di sale, q.b.
pepe nero, q.b.
olio EVO, q.b.

Per la salsa
1 cipolla bianca
2 cucchiai di latte di cocco
mezzo cucchiaino di curry "mild"
fior di sale, q.b.
curcuma, a piacere
fava di tonka, a piacere

Per la guarnizione
petali di fiordaliso, a piacere

Come procedere

Preparate la panatura delle vostre polpette versando ad occhio il pangrattato, del parmigiano reggiano (20 gr) e aggiustate di sale pepe.
Raccogliete i restanti ingredienti in una ciotola abbastanza capiente: il macinato di pollo, l'uovo, il cipollotto a rondelle, il parmigiano reggiano (30 gr), la scorzetta di limone, il rosmarino tagliato finemente, la misticanza di fiori. Aggiustate di sale e pepe e cominciate ad impastare.
Se l'impasto risultasse troppo morbido, aggiungete del pangrattato, regolandovi fino a raggiungere la giusta consistenza.
Realizzate delle polpettine della grandezza di una noce, ripassatele nella panure che avrete preparato.
Foderate una teglia con carta forno, disponete le polpette ben distanziate. Conditele con un filo d'olio, sale, altra scorzetta di limone, disponete qualche ago di rosmarino qua e là e cuocetele in forno preriscaldato, ventilato, a 180° per 30 minuti. A metà cottura, giratele ed irroratele con il succo di mezzo limone.
Nel frattempo, lessate una cipolla bianca finché non sarà ben morbida.
Nel bicchiere di un mixer raccogliete i petali di cipolla, 2 cucchiai di latte di cocco, la curcuma, la fava tonka grattugiata, un pizzico di sale. Versate in una padella dove avrete tostato il curry, mescolate bene e fate tirare la salsa fino a che abbia raggiunto una consistenza densa a sufficienza.

I miei Suggerimenti

Disponete le polpette in un piatto da portata, servitele accompagnate dalla salsa e guarnite con petali eduli di fiordaliso.




Commenti

  1. Mi sa che presto dovrò iniziare anch'io a polpettare qualunque cosa :-P intanto prendo appunti da te ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente ci siamo passate tutte... O quasi! Tu segna, che poi tornano buoni questi spunti!

      Elimina
  2. Buonissime queste polpette, buona serata MichelaenCuisine

    RispondiElimina
  3. Le polpette devono essere squisite, ma la salsa è molto intrigante ^_^
    Bravissima!
    Buona settimana

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!

Skopelos. Di giada, smeraldo ed avventurina

Colpisce per questa vegetazione, fiera e rigogliosa, dove si alternano alte pinete e secolari uliveti; con questi lampi accecanti di giada, smeraldo ed avventurina. Arrivando dall'antica via, quella del mare, ci si trova dritto in fronte lo spettacolo della Chora, con un grappolo di case bianche, in tipico stile macedone. Geometrie e perfetto bilanciamento, simmetrie e verticalità: in altre parole, un senso di ordine. Non per nulla, Skopelos town è considerato in assoluto il villaggio più bello dell'arcipelago delle Sporadi. Un luogo di cui innamorarsi profondamente, in cui trovare la propria dimensione, in cui alfine sentirsi a casa: questa è Skopelos.