Passa ai contenuti principali

Mini-cake al limone e fava tonka, con composta di mela e cannella


Eccomi qui, con una nuova ricetta dedicata a tutti coloro che hanno una naturale ed irresistibile propensione per il dolce.
Che, a dirla tutta, non è il caso mio: la mia creatività in cucina trova infatti la sua massima espressione nella creazione di antipasti, primi e secondi piatti che, impropriamente, definirei "Cum grano salis". Nelle mie proposte salate adoro presentare abbinamenti inconsueti, magari volti alla valorizzazione di prodotti locali o specialità regionali, ma non posso certo ignorare le esigenze di uno scricciolo di due anni e mezzo d'età, che adora i dolci fatti in casa.
Ma ora, ditemi, conoscete la fava tonka? Si tratta una bacca dal profumo inebriante, meno dolce rispetto alla vaniglia, che potrebbe invece risultare stucchevole. Un profumo molto più complesso, fragrante, persistente.
Caleidoscopica nell’aroma e nel sapore, con un'anima dolce ed egualmente speziata. Le sue caratteristiche fanno sì che la si possa distinguere nettamente rispetto ad altre spezie. Eppure - virtuosa - ha la capacità di esaltarle al meglio.
E, cosa molto importante, trova una perfetta declinazione sia nelle ricette dolci, che salate.
Vi lascio dunque la ricetta di questo dolce profumato, da servire per la gioia di grandi e piccini.

La lista degli Ingredienti
per una teglia diametro 12 cm

Per la torta
105 gr di farina tipo 00
105 gr di zucchero muscovado
70 gr di burro
1 uovo di media grandezza bio
il succo e la scorzetta di un limone non trattato
mezzo cucchiaino di lievito per dolci

Per la composta
una mela "Golden"
un cucchiaio di zucchero  muscovado
acqua, q.b.
cannella, a piacere
fava tonka, a piacere

Come procedere

Fate sciogliere il burro a bagnomaria, unite lo zucchero muscovado e, a seguire, incorporate l'uovo.
Setacciate la farina ed il lievito e aggiungeteli al composto, a poco a poco, mescolando. Profumate l'impasto con la scorzetta, il succo di limone e la fava tonka.
Lavate e sbucciate la mela, tagliatela a tocchetti e cuocetela in una padella, con un filo d'acqua ed un cucchiaio di zucchero muscovado, finché non sarà ben morbida. Profumate con abbondante cannella, levate dai fuochi e passate al mixer, fino ad ottenere una fine composta di mela.
Versate in una teglia imburrata ed infarinata, versate l'impasto del dolce ed utilizzate la composta come topping.
Preriscaldate il forno ad una temperatura di 170° e cuocete la torta per 35/40 minuti circa in forno statico.
Lasciate raffreddare completamente il dolce su una gratella prima di servire.

I miei Suggerimenti

Con il composto - che certamente avanzerà utilizzando una teglia di diametro così ridotto - potrete realizzare una mug-cake, da cuocere a 170°, per un tempo ridotto di almeno 10'.
Servite guarnendo con altra scorzetta oppure delle fette di limone caramellato.



Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!

Skopelos. Di giada, smeraldo ed avventurina

Colpisce per questa vegetazione, fiera e rigogliosa, dove si alternano alte pinete e secolari uliveti; con questi lampi accecanti di giada, smeraldo ed avventurina. Arrivando dall'antica via, quella del mare, ci si trova dritto in fronte lo spettacolo della Chora, con un grappolo di case bianche, in tipico stile macedone. Geometrie e perfetto bilanciamento, simmetrie e verticalità: in altre parole, un senso di ordine. Non per nulla, Skopelos town è considerato in assoluto il villaggio più bello dell'arcipelago delle Sporadi. Un luogo di cui innamorarsi profondamente, in cui trovare la propria dimensione, in cui alfine sentirsi a casa: questa è Skopelos.