Passa ai contenuti principali

Crema di zucchine e finocchio, porro e cipolla, con crostini al parmigiano e aceto balsamico

Si sa, questi sono i mesi più freddi dell'anno: mesi in cui, anche chi è meno cagionevole di salute succede cada ammalato, vittima dei mali di stagione.
Il mio concetto di cura preventiva e, nel caso, di terapia d'urto, si traduce in generi di estremo conforto: c'è qualcosa di più corroborante di una calda minestra, di una zuppa fumante, di una densa vellutata di verdura?
Che poi basta poco per dare un raffinato tocco calligrafico ad un piatto così: il colore pieno delle verdure, qualche sfizioso crostino, semi tostati, un filo d'olio buono sarebbero già sufficienti a dare un tocco femminile e lezioso, anche al piatto più semplice e rustico.
La proposta di oggi è una vellutata di verdura, una coccola calda e cremosa, resa ancora più sfiziosa dalla nota croccante del crostino di pane al parmigiano e dai semi di zucca tostati al forno.
La dolcezza di fondo degli ortaggi viene perfettamente bilanciata dalla punta di acidità dell'aceto balsamico e del pomodorino semi-secco.
Per riassumere, avete capito bene, questa è la mia soluzione alla cura degli stati influenzali (come anche al tedio dei lunghi e freddi mesi invernali): copertina, colore pieno ed esercizi di bellezza.

La lista degli Ingredienti
per 3 persone

tre fette di pane tipo pugliese o Altamura
due zucchine
un porro
una cipolla dorata
un finocchio
uno spicchio d'aglio
parmigiano reggiano 36 mesi, q.b.
brodo vegetale, q.b.
fleur de sel aromatizzato alla rosa, q.b.
pepe nero, q.b.
olio EVO, q.b.

Per la guarnizione
crostini di pane al parmigiano, a piacere
semi di zucca tostati, a piacere
pomodorini semi secchi, a piacere
aceto balsamico di Modena, a piacere

Come procedere

Lavate e spuntate e tagliate le zucchine a cubetti, sbucciate la cipolla ed il porro, pulite il finocchio e affettate il tutto finemente.
In una casseruola, fate soffriggere il porro e la cipolla con un filo d'olio. Aggiungete il finocchio e le zucchine, lasciate rosolare bene per qualche minuto, poi versate il brodo fino a ricoprire le verdure.
Lasciate cuocere finché le verdure saranno morbide, aggiungete il parmigiano, dopodiché riduce in crema con l'aiuto di un frullatore ad immersione.
Se necessario, aggiungete qualche cucchiaio di brodo vegetale per raggiungere la consistenza desiderata.
Nel frattempo, tagliate a cubetti le fette di pane casereccio. In una padella, fate soffriggere uno spicchio d'aglio in infusione con abbondante olio EVO, aggiungete il pane e rosolatelo bene. Prima di spegnere i fuochi, spolverate con il parmigiano reggiano, aggiustate di sale e pepe.

I miei Suggerimenti

Servite in una ciotola qualche mestolo di vellutata ben calda. Completate con i crostini al parmigiano, i semi di zucca che avrete precedentemente tostato, qualche pomodorino semi-secco ed un filo d'aceto balsamico.





Commenti

  1. E' perfetta per questa sera: ho proprio tutto nel frigo. Grazie della dritta!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!

Skopelos. Di giada, smeraldo ed avventurina

Colpisce per questa vegetazione, fiera e rigogliosa, dove si alternano alte pinete e secolari uliveti; con questi lampi accecanti di giada, smeraldo ed avventurina. Arrivando dall'antica via, quella del mare, ci si trova dritto in fronte lo spettacolo della Chora, con un grappolo di case bianche, in tipico stile macedone. Geometrie e perfetto bilanciamento, simmetrie e verticalità: in altre parole, un senso di ordine. Non per nulla, Skopelos town è considerato in assoluto il villaggio più bello dell'arcipelago delle Sporadi. Un luogo di cui innamorarsi profondamente, in cui trovare la propria dimensione, in cui alfine sentirsi a casa: questa è Skopelos.