sabato 4 giugno 2016

Tagliatelle al velluto di datterino e peperone giallo arrostito, paté di capperi, panure croccante e fiori di borragine

Aspettando Lui.
Al grido "Estrogeni, non mi avrete!", nel tentativo di mantenere la tua leggendaria compostezza e aplomb, cercando di apparire "cupa e torbida" come prima della gravidanza. E rendersi conto invece che questo Esserino che cresce dentro di te, si nutre da te e vive per te sta avendo la meglio, ti soverchia, ti schiaccia, ti rende una persona diversa.
E ti colma di energia, quella che neppure sai di avere, dove riversare, come impiegare.
E ti colma di dolcezza, ad ogni suo più piccolo ed impalpabile movimento dentro quella pancia, quella che ti ha accompagnata per nove mesi di croce e delizia, ma che già sai quanto ti mancherà dopo che Lui avrà visto la luce.
E ti colma di un rinnovato senso creativo, ti dona una nuova verve, delle nuove motivazioni e tutto trova un nuovo significato ed una nuova collocazione nella vastità di questo mondo.
Oggi parto così, d'impulso e di petto, per arrivare a presentarvi un piatto che m'inorgoglisce perché penso che Lui - questo piccolo Esserino che cresce dentro me - sia stato ispiratore e partecipe nella sua realizzazione.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

 
La lista degli Ingredienti
per 2 persone

4 nidi di tagliatelle La Pasta di Camerino
350gr di pomodori datterini gialli (conserva + succo)
1 peperone giallo
soia da cucina, q.b.
piment d'Espelette, q.b.
1 spicchio d'aglio rosso di Sulmona
2 foglie di basilico
olio EVO del Garda, q.b.
zucchero di canna integrale aromatizzato alla vaniglia, 1/2 cucchiaino
sale grosso, q.b.
fleur de sel, q.b.

Per la guarnizione
paté di capperi Campisi
pangrattato, q.b.
fiori di borragine, a piacere

Come procedere

Lavate il peperone, adagiatelo su una teglia foderata con carta forno ed arrostitelo in forno ventilato, a 250°, per una mezzora. Abbiate cura di rigirarlo ogni 10' in modo che sia perfettamente arrostito su tutti i lati. Trasferite il peperone in un sacchetto plastificato, a chiusura ermetica, e lasciate riposare per una decina di minuti prima di passare allo step successivo, in modo che la procedura di rimozione della buccia arrostita risulti semplificata. Rimuovete anche il peduncolo, i semi ed eventuali filamenti interni e lasciate raffreddare.
Sulla stessa teglia, foderata con carta forno, diponete una generosa manciata di pangrattato e conditelo con un filo d'olio EVO. Lasciatelo dorare in forno ventilato, a 180°, per una ventina di minuti.
In una padella, fate scaldare un filo d'olio con uno spicchio d'aglio in infusione. Rimuovete l'aglio e aggiungete i datterini gialli ed il loro succo, portate lentamente a cottura. Aggiustate di sale, correggete eventualmente l'acidità del pomodorino con lo zucchero di canna ed aromatizzate con il peperoncino. Rimuovete dai fuochi ed aggiugete le foglioline di basilico in infusione, a dare profumo alla salsa ristretta.
Nell'alto bicchiere di un mixer, raccogliete il peperone arrostito, la salsa ristretta di datterino giallo ed un filo di soia da cucina. Passate il tutto al mixer e trasferite in padella, dove farete tirare la salsa a fuoco moderato. Aggiungete qualche cucchiaio di acqua di cottura delle tagliatelle, se la vellutata risultasse fin troppo densa.
Nel frattempo avrete portato ad ebollizione l'acqua per la cottura della pasta, l'avrete salata ed avrete lessato le tagliatelle per 6' circa.
Allungate il paté di capperi con qualche cucchiaino d'acqua di cottura, per renderlo più cremoso.
Condite le tagliatelle con la vellutata di datterino e peperone giallo arrostito.

I miei Suggerimenti

Sul fondo e sui bordi del vostro piatto spennellate il paté di capperi Campisi. Versate sul fondo un generoso mestolo di vellutata di datterino e peperone giallo arrostito e impiattate a nido le vostre tagliatelle. Cospargete con il pangrattato dorato e guarnite con i fiori di borragine.
 
Aspettando Lui...

10 commenti:

  1. L'impiattamento è un'opera d'arte! E mi piace molto la combinazione di sapori. Ah, dimenticavo, auguri per il bimbo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sonia, grazie per questa valanga di complimentucci! :-)

      Elimina
  2. Sono già sul tuo blog e ha già un seguace di più
    Passare e seguire il mio blog in cui si dice (partecipazione su questo sito) clicca qui: Spero che la vostra visita http://mibonitolugar.blogspot.com.es/, un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie per l'add. Contenta se vorrai continuare a seguirmi. :-*

      Elimina
  3. Che bellissima esperienza stai vivendo..spero di poterla vivere in prima persona molto presto :-)
    Continua a farti ispirare da Lui che a quanto pare sa come conquistare il palato :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' qualcosa che, per come sono partita e per l'esperienza che ho avuto fino a questo punto del percorso, non posso che augurare a te e a tutte le donne... <3

      Elimina
  4. Intanto complimenti per questo piatto: è bellissimo, originalissimo, allegrissimo! Mi piace! Poi, complimenti per quel bel pancino....io ho due maschietti...tieni pronta!!! ce ne saranno delle belle!!! :-) :-) :-)
    Un caro abbraccio ad entrambi!
    unospicchiodimelone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che carina che sei, Irene. Non vedo l'ora di scoprire quel che mi aspetta... Anche io penso che ce ne saranno proprio delle belle!

      Elimina
  5. Mi piace pensare che tu abbia preparato questa magnificenza per me, che ormai da un po' conosci come "Pasta Addicted" :)
    Questo primo piatto è di sublime bellezza e bontà. Un capolavoro di gusto e presentazione. Grazie, Loredana.
    Mille baci. Ti penso.
    MG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E guarda che non ci vai lontana, mia cara Mary... Pensato per te, che sei pastara nel sangue, e per tutti coloro che lo siano... Ma ai tuoi livelli di eccellenza! <3

      Elimina