Passa ai contenuti principali

Cuor di frolla: sono i miei biscottini speziati "beneauguranti" con glassa agli agrumi

E' giunto il tempo di fare biscotti.
Ed è giunto il tempo di sperimentare un po', adoperando diversi tipi di farine per ottenere degli impasti ora rustici e croccanti, ora burrosi e scioglievoli.
Ispirandomi liberamente alla ricetta dei biscotti al limone glassati della dolcissima Sonia de "La casa delle briciole", ho voluto realizzare questi cuoricini speziati utilizzando la farina di riso al 50% e quella 00 nella stessa percentuale.
Adoro utilizzare la farina di riso di cui amo l'impalpabilità nel conferire una leggerezza unica agli impasti, ma con riserva: essendo una farina debole, deve essere sempre associata ad una farina di forza per ottenere un impasto della giusta consistenza, non troppo morbido e facilmente lavorabile.
Nascono così questi deliziosi e fragranti gioielli di pasticceria mignon, che ho voluto aromatizzare con un tocco di zenzero, cardamomo e scorza d'agrumi.
Anche per quel che riguarda la guarnizione, ho preferito utilizzare una glassa agli agrumi ad una più semplice glassa all'acqua.
Tocca dire addio ad un anno che è stato ricco, ricchissimo di cose buone e belle, sperando che il 2015 lo sia altrettanto. Voi che non mancate dal farmi sentire il vostro affetto, a voi che siete persone speciali, un augurio di cuore per un Felice Anno Nuovo.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

La lista degli Ingredienti

Per i biscotti
150gr di farina 00
150gr di farina di riso
100gr di zucchero a velo vanigliato
150gr di burro di buona qualità
1 uovo bio
1 cucchiaino di lievito vanigliato per dolci
1 pizzico di fleur de sel
la scorza di un limone non trattato
la scorza di un'arancia non trattata
cardamomo, a piacere
zenzero essicato, a piacere

Per la glassa agli agrumi
100gr di zucchero a velo vanigliato
8 cucchiai di succo (mix d'arancia e limone)

Per la guarnizione
zuccherini color perla, a piacere

Come procedere

Setacciate finemente le farine ed il lievito.
In una ciotola piuttosto capiente cominciate a lavorare il burro a tocchetti con lo zucchero a velo, l'uovo e le farine setacciate. Profumate il composto con le spezie (il cardamomo pestato e lo zenzero grattuggiato) e la scorza di agrumi.
Impastate a dovere fino ad ottenere un panetto che avvolgerete nella pellicola alimentare e lascerete riposare in frigorifero per una mezzora almeno.
A questo punto, potete decidere se stendere la frolla su un piano infarinato e tagliare la pasta con un classico tagliabiscotti. Oppure, potete utilizzare in maniera creativa degli stampi in silicone per cioccolatini o per mini-savarin, da riempire con la frolla, come ho fatto io.
Cuocete in forno statico, preriscaldato a 180° per 15' circa, controllando la cottura a vista.
Sfornate e lasciate raffreddare i vostri biscottini su una gratella, se tagliati in maniera classica. Oppure lasciate che s'intiepidiscano nello stampo in silicone, se avete scelto l'opzione creativa.
Nel frattempo, preparate la glassa agli agrumi. Aggiungete il succo di limone ed arancia allo zucchero a velo, tanto quanto ne basta per ottenere una giusta consistenza (né troppo densa, né troppo liquida): io ho utilizzato circa 8 cucchiai di succo d'agrumi.

I miei Suggerimenti

Una volta raffreddati i biscotti, potete procedere con la glassatura e la decorazione. Potete farlo al cucchiaio oppure con una sac-à-poche, per un lavoro di precisione. Completate con zuccherini a piacere.
Se non disponete di un taglia biscotti, né di uno stampo in silicone, non disperate. Trasferite l'impasto su un piano di lavoro e modellatelo ottenendo uno o più salsicciotti, che lascerete riposare in frigorifero per una mezzora almeno. Trascorso il tempo di riposo, tagliate l'impasto a fette spesse almeno 1 cm, schiacciatele leggermente per ottenere delle pastine da disporre ben distanziate su carta forno.

Trovate inoltre la versione mini-savarin di queste golose frolle ora su WoMomS.

Commenti

  1. Splendidi questi cuoricini freschi di agrumi e caldi di spezie!!
    Sono un bocconcino che ti porta alle stelle!! Un bacione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro... Alle stelle, così fragranti, ti ci portano davvero. <3

      Elimina
  2. Ciao arrivo da te tramite il blog di Silvia e cosa scopro ...che anche tu sei una bloggallina! Complimenti per le tue foto e le tue ricette, ora ti saluto e vado a sbirciare meglio! Mi sono iscritta tra i tuoi follower, se ti va passa da me per un caffè!
    a presto
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacere di conoscerti, Alice. Passo volentieri per un caffè, lo prendo senza zucchero. E sono subito da te.
      Un abbraccio e a presto
      Lore

      Elimina
  3. Bellissimi questi pasticcini!!!!
    Mi sono unita anch'io ai tuoi followers!!!
    Ciao ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberta, grazie per essere qui! Un bacione e a presto
      Lore

      Elimina
  4. I savarin sono splendidi anche da vedere. Lo stampo a cuoricini ce l'ho anch'io e a te ha regalato dei cuoricini romantici :)
    Questo impasto è sicuramente da provare, i biscottini saranno sicuramente friabili e immagino anche il loro profumo :)
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La frolla è risultata friabilissima e profumata, proprio come hai detto tu. Risultato stupefacente: gli stampi super carini hanno fatto il resto. :-D
      Un abbraccio
      Lore

      Elimina
  5. Mi piace tantissimo l'idea di fare i biscotti nello stampo dei cioccolatini..ne ho proprio uno a forma di cuore come il tuo :-) Interessantissimo anche l'uso della farina di riso, adoro le farine alternative ^_^
    Complimenti Lore e felice we <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io adoro sperimentare con le farine! A volte si creano certi inediti da leccarsi i baffi, così... Per gioco! Il bello della cucina.
      Un abbraccio
      Lore

      Elimina
  6. Sono davvero bellissimi e con quella glassa devono essere da uno tira l'altro!! Un abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, tesoro. Buon inizio, settimana!
      Un abbraccio

      Elimina
  7. Che bella idea che hai avuto, farli come dei cioccolatini, sono carinissimi e di sicuro buonissimi! Un abbraccio cara e buona serata!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…