Passa ai contenuti principali

Sogno di una notte di Mezz'Autunno. Lasagna bianca con radicchio di Chioggia, porcini e taleggio

Lo dico sempre e non mi stancherò mai di ripeterlo: mi piace cucinare per le persone del cuore e per coloro che animano la mia vita. Questa, a mio modesto avviso, è la cosa più bella della cucina: il cibo avvicina le persone, le raduna tutte attorno ad una tavola, così da creare dei piacevoli momenti di condivisione e raccoglimento, confidenza, empatia.
Il tempo per se è sempre poco a disposizione ed impone di essere selettivi: mi aggrappo con tutte le forze all'idea di far fruttare il tempo libero, tanto risicato, per fare quel che mi piace davvero e stare con chi mi piace davvero. Ossia quelle persone che hanno un dono: quello di non essere avide, ma prodighe nei sentimenti.
Questa volta a cena abbiamo Gigi, un caro amico - nonché esimio collega di Stefano - e Annalisa, sua moglie, che aspetta un bebè. Due ragazzi simpaticissimi, che è stato davvero un piacere avere ospiti nella nostra casa. Per loro ho pensato ad una cena a tema e la scelta è ricaduta sulle meraviglie offerte dalla mezza stagione.
Madrigale d'Autunno: il tema. A metà tra poesia, sogno e realtà.
Tra le varie portate, il primo piatto ha suscitato grandi proseliti: una lasagna ricca, cremosa e consistente con besciamella e taleggio; con la nota vegetale e leggermente amarognola del radicchio e, inconfondibile, il profumo dei porcini.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Dedicata alla mamma di Annalisa, che ora conto tra le mie più accanite sostenitrici.

La lista degli Ingredienti
per 6 persone

Per le lasagne
10 fogli di pasta fresca
1 cespo di radicchio rosso di Chioggia
50gr di funghi porcini secchi
200gr di taleggio
80gr di grana d'oro Vacche Rosse grattugiato
fleur de sel, q.b.
timo, q.b.
olio EVO, q.b.
salsa besciamella (ricetta base), vedi dosi sotto

Per la besciamella (ricetta base)
60gr di burro di buona qualità
600ml di latte intero
5 cucchiai di farina tipo 00
noce moscata, a piacere
2 prese di fleur de se

Come procedere

Prima di tutto, occupatevi del radicchio: sfogliatelo, lavatelo, tagliatelo finemente e fatelo appassire in padella con un filo d'olio e un pizzico di sale. Fate raffreddare e tenete da parte.
Nel frattempo, preparate i porcini (io ho usato degli ottimi porcini secchi di Borno). Lasciate rinvenire i porcini in acqua tiepida per 15' e cuoceteli in una padella ben calda con olio, uno spicchio d'aglio in camicia e timo. Salateli a fine cottura e sfumateli di tanto in tanto con l'acqua in cui li avrete fatti deidratare, filtrata più volte con un colino a maglie fitte e garza sterile e portata al punto d'ebollizione. Tenete da parte.
Grattugiate il formaggio grana d'oro Vacche Rosse e tenetelo da parte.
Preparate ora la besciamella facendo sciogliere il burro in un pentolino, aggiungete la noce moscata a piacere, due prese di sale e 5 cucchiai di farina setacciata, mescolando fino ad avere una crema liscia ed omogenea. Aggiungete il latte intero a filo, continuando a mescolare con una frusta per non avere grumi. Tenete mosso fino ad ebollizione e togliete dal fuoco non appena la salsa avrà raggiunto la densità desiderata.
Spennellate il fondo e i lati della vostra teglia (la mia quadrata) con un po' di besciamella e cominciate a comporre gli strati della vostra lasagna (2 fogli di pasta fresca per ogni strato).
Stratificate gli ingredienti in quest'ordine: pasta fresca, besciamella, petali di taleggio, radicchio, porcini e Vacche Rosse. E così via, fino ad esaurimento degli ingredienti.
Cuocete in forno ventilato, preriscaldato, a 180° per 20'.

I miei Suggerimenti

Si tratta di un piatto particolarmente ricco e con un certo costo, visto il numero degli ingredienti di peso utilizzati. Il mio consiglio è quello di riservarlo ad una occasione speciale, in cui stappare anche una bottiglia speciale, un vino di struttura come uno Sforzato di Valtellina, perfetto in accompagnamento ai piatti di sostanza tipici di questa stagione.

Commenti

  1. Hai proprio ragione. ..uno degli aspetti più belli drl cibo è di riunire le persone, quelle più care. Questa lasagna è una delle mie preferite con provola affumicata. La tua versione è davvero ricca e gustosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A ciascuno il suo! Ottima anche la tua versione! Un bacio

      Elimina
  2. Oggi più che mai siamo in sintonia..ho scritto + o meno le stesse riflessioni sul cibo e la convivialità :-)
    Bellissima la tua lasagna, golosa e di stagione..insomma davvero perfetta x accogliere degli ospiti così speciali ^_^
    Complimenti e felice we <3

    RispondiElimina
  3. Ottima Lore!! Ogni ingrediente è perfetto!! Io non amo il taleggio e non amo nessun formaggio ma li ho assaggiati quasi tutti e questo abbinamento va alla grande!! Bravissima!!
    Un bacione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so ma puoi sempre adattarla alle tue esigenze e ai tuoi gusti! ;-)
      Baci

      Elimina
  4. Hai ragione: cucinare per chi si ama è una grande gioia :)
    Questa lasagna così speciale e gustosa, mi fa venire la voglia di farla per sentire i profumi di cui è ricca.
    Un bacio

    RispondiElimina
  5. Tu sei veramente brava, non mi stancherò mai di dirtelo!
    Complimenti Lore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie 1000! Meno male che qualcuno me lo dice ogni tanto! Qui abbiamo bisogno di calore e affetto. ;-)

      Elimina
  6. Queste lasagne sono spettacolari! Complimentissimi!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…