Passa ai contenuti principali

Sfogliatine salate con mela Annurca, pecorino toscano e bacon croccante

In collaborazione con GreenGate
Dalla mela avvelenata, quella delle fiabe, passando dalla mela del peccato originale, per arrivare alla proverbiale massima "Una mela al giorno, toglie il medico di torno".
Così è la mela, questa conosciuta, anche fin troppo bene: ho recentemente riscoperto questo frutto, che ho sempre trovato un po' noioso, cominciando a guardarlo con occhi diversi. Gli occhi di chi vorrebbe sperimentare nuovi accostamenti, per dare alla mela una nuova veste, drappeggiata in maniera sartoriale.
Nascono così queste sfogliatine salate, che possono risolvere in maniera intelligente un buffet o un aperitivo tra amici. Ancora una volta un frutto in abbinamento ad un formaggio dalla pasta grassa e saporita e ad un salume particolarmente sapido. Calde e fragranti, deliziose e croccanti: semplicemente irresistibili.
Su WoMomS potrete trovare anche la corrispettiva versione per coloro che amano il dolce: una nuova ricetta firmata L'Angolo delle Ghiottonerie.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!


La lista degli Ingredienti
per 12 sfogliatine salate

1 confezione di pasta sfoglia rettangolare
4 mele varietà Annurca campana
150gr di pecorino toscano (fresco)
2 fette di bacon tagliate spesse
pepe nero, a piacere

Come procedere

Stendete la sfoglia e ricavate 12 rettangoli di pasta, aiutandovi con un coltello o un tagliapasta per ottenere dei profili ondulati. Punzecchiatela con i rebbi di una forchetta.
Lavate le mele e affettatele sottilmente, in senso longitudinale. Disponete le fettine di mela sui rettangoli di pasta ricavati dalla sfoglia.
Tagliate il bacon a fiammifero, rendetelo croccante in padella, facendolo rosolare, senza aggiungere olio, né burro. Scolate su carta assorbente per rendere i fiammiferi di bacon croccanti e ben asciutti.
Tagliate a dadini il pecorino toscano.
Cospargete le sfogliatine con i restanti ingredienti e completate con abbondante pepe nero macinato fresco.
Passate le sfogliatine in forno ventilato, preriscaldato, a 180° per 10/12 minuti o fino a perfetta sfogliatura/doratura.

I miei Suggerimenti

Servite queste sfogliatine ancora tiepide come aperitivo o antipasto, accompagnandole a un calice di prosecco.
Per renderle gradite a chi è vegetariano, eliminate il bacon ma sostituitelo con un ingrediente atto a mantenere la nota croccante: via libera a nocciole Piemonte IGP, noci e anacardi.

Su WoMomS oggi si parla di mele con una nuova ricetta firmata L'Angolo delle Ghiottonerie. Sono le mie sfogliatine dolci di mela Annurca, con marmellata d'arancia e lavandula officinalis: una semplice proposta per risolvere con agilità la merenda di grandi e piccini.

Commenti

  1. ma sono carinissime. Magnifica sia la versione salata che quella dolce :)
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, cara! Buona notte e un forte abbraccio! :-D

      Elimina
  2. Meravigliose Lore!! Bravissima!! E sono bellissime! La mela annurca non l'ho mai trovata, peccato!!
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cercala ancora perché è da provare. Buon inizio settimana!
      Lore

      Elimina
  3. Davvero belle oltre che buone. Sembrano quasi ricamate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amo le trine e pizzi, tutto ciò che è di classe e ha un'aura vintage.
      Un abbraccio
      Lore

      Elimina
  4. Caspita che buone!!! Io non mangio carne ma proverò sicuramente a riprodurre qusto piatto apportando qualche modifica :-) Complimenti per la ricetta e il blog, mi sono iscritta ai lettori fissi :-) Se ti va passa a trovarmi.
    Buona serata e a presto
    Federica :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un piacere che tu sia qui, nonostante tu abbia abbracciato una filosofia più rigorosa. Io non sono 100% carnivora ma ogni tanto, per qualche piatto speciale, non rinuncio alla carne... Del resto, tutto può essere customizzato secondo le proprie esigenze! Un bacio

      Elimina
  5. No, ma io mi ero davvero persa questa prelibatezza?????? Per fortuna Instagram mi ha destato ^_^ Grande tesoro, hai messo insieme sapori pazzeschi. Sono sfiziosissime!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie 1000! Meno male che sei approdata anche tu alla piattaforma IG! Una vulcanica come lo sei tu mancava proprio! :-*

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!