martedì 15 luglio 2014

Spanakopita. From Karpathos with love

In collaborazione con GreenGate
Sentirsi una cosa sola con il mondo, un unico cuore pulsante.
Questa la parte migliore della mia vacanza a Karpathos, questa la parte migliore di ogni vacanza: la comunicazione, l'integrazione con la gente del luogo; conoscere e farsi conoscere; amare e farsi amare; dare fiducia per avere fiducia.
E poi mettere in moto tutti i sensi, anche quelli un po' sopiti dacché siamo abituati a vivere una realtà che conosciamo come le nostre tasche: osservare, toccare, sentire, assaporare, apprezzare.
Questo è l'entusiasmo che viene dal vivere una nuova esperienza,  una di quelle che - sai per certo - mai potrai dimenticare: occhi di brace ardente, adrenalina in purezza ed un che di sfarfallante nello stomaco, come al primo appuntamento con l'uomo dei tuoi sogni.
Assaporare. Nella settimana trascorsa in questa splendida isola, ho completamente abbandonato le abitudini proprie del nostro Belpaese, il concetto di primo e secondo piatto, per fare un tour dentro al tour: un viaggio tra i sapori tipici della Grecia e, in particolare, alla scoperta della cucina tipica karpathiana.
La spanakopita è una deliziosa torta salata che, di primo acchito, potrebbe ricordare l'erbazzone, un piatto che abitualmente possiamo trovare nella zona del reggiano. Croccante con pasta phyllo e con un morbido ripieno, costituita da spinaci e formaggio feta: l'ho trovata davvero eccezionale nella sua essenzialità.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

La lista degli Ingredienti
per 4 persone

Per la spanakopita
20 fogli di pasta phyllo
500gr di spinaci
2 scalogni
1 uovo bio di media grandezza
200gr di formaggio feta
1 lime (solo la scorzetta)
noce moscata, q.b.
coriandolo, q.b.
pepe nero, a piacere
olio EVO, q.b.
sale nero di Cipro, q.b.

Per la guarnizione
semi di sesamo, q.b.
origano, q.b.

Come procedere

Mondate e lavate gli spinaci.
In una padella, fate soffriggere lo scalogno tagliato al velo con un filo d'olio EVO, aggiungete gli spinaci e lasciateli appassire per una decina di minuti. Salate e pepate, insaporite con il coriandolo e la noce moscata. Levate dai fuochi e lasciate raffreddare prima di passare alla fase successiva.
In una ciotola piuttosto capiente raccogliete gli spinaci cotti, la feta sbriciolata e un uovo sbattuto, con sale ed un pizzico di pepe. Profumate il ripieno con lo zeste di un lime.
Foderate una pirofila quadrata con la metà dei fogli di pasta phyllo a vostra disposizione, accomodandoli in modo tale da accogliere il ripieno. Versate la farcia, livellatela e ricopritela con i restanti fogli di pasta a vostra disposizione, facendo in modo che non sbordi. 
Spennellate la superficie della spanakopita con poco olio EVO.
Preriscaldate il forno a 180° e cuocete in forno statico per 1 ora, finché la superficie risulterà dorata.

I miei Suggerimenti

Lasciate che la spanakopita intiepidisca prima di pozionarla: risulterà buona da mangiare sia appena tiepida, che fredda.
Guarnite la vostra torta salata con semi di sesamo e qualche fogliolina d'origano prima di portarla in tavola.
Servite con un vino bianco e resinoso, come la Retsìna, tipico della Grecia tutta. Questo vino veniva consumato anche nella Grecia Antica, quando già veniva aromatizzato mediante l'aggiunta di mosto di resina di pino d'Aleppo.
Con questa ricetta partecipo al contest "La via dei sapori" di Luglio, di Serena e Arianna.

22 commenti:

  1. Questa mi piace tantissimo, anche se c'è la feta, in Grecia me ne sono mangiata un bel po'....la Grecia, ho fatto vedere a mio marito una delle spiagge di Karpathos e gli ho detto che io l'anno prossimo vado lì in vacanza!! Brava, facci assaggiare tanti piatti tipici e con le tue geniali divagazioni!! Un bacio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho una sfilza di cose da proporvi , che neanche immagini... Alcune fedeli alla tradizione, altre di anima greca ma con una notevole rivisitazione... L'anno prossimo vacci perché merita e magari ci si vede là! :-D

      Elimina
  2. conosco questa ricetta e mi piace tantissimo; adoro la Grecia e la sua cucina ! Mi sono aggiunta ai tuoi followers, se ti fa piacere passa a trovarmi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara! Sono felicissima di conoscere qualcuno di nuovo! Dammi un attimo e sono subito da te! Baci e a presto
      Lore

      Elimina
  3. Lore, mi piace leggerti, trasmetti gioia di vivere! Amo la Grecia, me ne sono innamorata quattro anni fa, luoghi unici e persone meravigliose... come il tuo piatto!
    Donna unica, complimenti!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, gioia! E' proprio come hai detto tu, luoghi unici e persone meravigliose. Documenterò a breve (ci vuole un po' perché sono una di quelle per cui il tempo non è mai abbastanza).
      Un mega abbraccio
      Lore

      Elimina
  4. Voglia di tornare presto a Grecia, di far vedere la bella Karpathos a mie figlie. Brava! La ricetta, stupenda.
    Marta Olass

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite, Marta! I tuoi figli ti saranno per sempre grati dell'esperienza! Un bacione
      Lore

      Elimina
  5. Non conosco la Grecia purtroppo, ma questo piatto mi incuriosisce molto, lo proverò al più presto!
    Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi assolutamente! E' semplice e tanto buono! Sono sicura resterai piacevolmente sorpresa! Un bacio
      Lore

      Elimina
  6. deve essere buonissimo...non l'ho mai provata ma deve essere ottima!
    un bellissimo viaggio!
    buona giornata simona:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provala, Simona! E' davvero semplice e buonissima nella sua essenzialità!
      Baci
      Lore

      Elimina
  7. con una ricetta così perché non partecipi al contest itinerante di Serena del blog Svizi&vizi, visto che questo mese si son fermate in Grecia?Ti inserisco il link, vuoi?
    http://sfizievizi.blogspot.com/2014/05/la-via-dei-sapori-ii-tappa-hola-amigos.html
    Ciao.....e comunque ottima ricetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per la segnalazione, io ho davvero pochissimo tempo da dedicare a queste cose e sovente capita di perdere delle belle opportunità come questa! Grazie, sei stata davvero gentilissima!
      Un abbraccio
      Lore

      Elimina
  8. Che bella questa ricetta, deve essere davvero gustosa :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  9. molto particolare questa ricetta...ma lo sai che finalmente ho trovato la pasta phyllo al supermercato??? un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grandissima Giorgia! Adesso ti puoi davvero sbizzarrire!
      Un abbraccio a te e fagiolino
      Lore

      Elimina
  10. Ciao bellissima ricetta e ottima presentazione che centra pienamente il tema della nostra rubrica. Le tue parole mi riportano indietro ai miei viaggi nei quali l'elemento più importante è sempre stato l'incontro con la gente del posto. Mi fa tanto piacere che vale ti abbia segnalato la raccolta. Ti lascio il link di Arianna http://www.architectoftaste.com/2014/07/la-via-dei-sapori-grecia.html e ti auguro buona serata. serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Viaggiamo e lo facciamo sulla stessa lunghezza d'onda. Piacere di conoscerti ed onorata di partecipare al tuo contest.
      Bacioni
      Lore

      Elimina
  11. Che belle le tue parole, hai ragione, se non abbandoniamo le nostre abitudini, anche alimentari, non possiamo goderci il viaggio.
    Grazie della ricetta e di averla condivisa nel nostro contest.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come si può entrare nel vivo di una vacanza senza abbandonare le proprie abitudini e cancellare la propria identità italiana per una settimana appena? Grazie a voi per avermi permesso di dare il mio contributo, sono orgogliosa e onorata di partecipare al vostro contest!

      Elimina