Passa ai contenuti principali

Delizie dall'orto. Gemista: peperoni papaccella con ripieno patriottico

Prosegue il nostro tour virtuale tra i piatti tipici della Grecia e quelli che prendono ispirazione da quanto ho avuto modo di assaggiare a Karpathos, la splendida isola del Dodecaneso della quale vi ho ampiamente parlato nel post precedente.
Oggi si parla di "Gemista", ovvero di verdure ripiene alla greca. Tipicamente, si tratta di verdure al forno, con una farcitura di riso bianco, riccamente speziato.
Ma ai miei peperoni papaccella ho voluto dare una nuova veste, ancor più folkloristica, estiva e colorata, che volesse vedere esaltati i sapori di casa nostra, quelli che fanno parte del nostro patrimonio culturale e genetico.
Nasce così questo piatto con un'anima karpathiana e tanta sostanza tutta italiana, con un delizioso ripieno patriottico. Ecco a voi quel che ho combinato con qualche fetta di crudo (rigorosamente Parma), una zucchina novella, un formaggino fresco di latte vaccino, un pizzico di zafferano e degli anelletti alla siciliana, di cui avevo una quantità troppo esigua per pensare di utilizzarli in maniera differente.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!


La lista degli Ingredienti
per 4 peperoni ripieni

50gr di anelletti alla siciliana
1 zucchina novella
40gr di formaggino fresco di latte vaccino
30gr di crudo (il mio, Parma)
zafferano in stimmi, q.b. (o una bustina di zafferano)
olio EVO, q.b.
sale nero di Cipro, q.b.
sale grosso da cucina, q.b.
pepe nero, q.b.
timo, q.b.

Come procedere

Lavate i peperoni papaccella, tagliate la calotta superiore in sezione orizzontale e rimuovete i semi. Salate i peperoni all'interno della cavità e cuoceteli in forno preriscaldato a 180°, in modalità ventilato, per 15'. Ponete a raffreddare una volta cotti, in modo che risultino maneggiabili quando passerete alla fase della farcitura.
Lavate una zucchina novella, tagliatela a rondelle e fatela rosolare con un filo d'olio EVO finché sarà ben croccante. Salate leggermente e pepate a piacere. Prima di togliere dai fuochi, aggiungete il crudo a listarelle e il timo e fate insaporire.
Portate a bollore l'acqua della pasta, salatela, coloratela ed aromatizzatela con lo zafferano. Buttate gli anelletti e portateli a cottura, badando di scolarli molto al dente (basteranno 12').
Lasciate insaporire gli anelletti con il condimento preparato e date loro viscosità con qualche cucchiaio d'acqua di cottura. Completate il ripieno con formaggino fresco a fiocchetti.
A questo punto, farcite le verdure con il ripieno preparato e passatele in forno a 180°, per altri 15', con la stessa modalità.

I miei Suggerimenti

Servite caldo oppure tiepido, come antipasto - in greco "Mezedes" - o come primo piatto.

Commenti

  1. Che buoni Lore!! La verdura ripiena con il riso mi piace un sacco e questa versione mi stuzzica tantissimo!! Mitica!! Un bacioneeee!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. II classico riso è ottimo ma perché non ricercare qualcosa di diverso?
      Un bacio

      Elimina
  2. Ma che buoni i tuoi peperoni ripieni...! :) Sono veramente molto invitanti, complimenti. A presto!

    www.latavolaallegra.it

    RispondiElimina
  3. Ma quanto mi piacciono questi peperoni....bravissima :)
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evviva! Il tuo commento positivo mi giunge molto caro!
      Un abbraccio

      Elimina
  4. che delizie cara! Qui il maltemp sta facendo disastri nell'orto... uff... a parte le zucchine, tutto il resto sta patendo parecchio... un bacione e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accidenti, che peccato! Recupera quel che puoi e sbizzarrisciti!
      Un bacione :-D

      Elimina
  5. Che bontà che deve essere e poi mi piace molto anche la presentazione, molto curata e attenta, bravissima!!!!
    Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono una precisa e un'esteta, una cosa semplice ma curata nella presentazione fa sempre una bellissima figura! Un bacione

      Elimina
  6. Brava Lore, sei un'artista... Le tue ricette sono tutte sane e molto gustose, un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cerco di trovare un equilibrio tra i miei due più grandi amori!
      Un bacio

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!