Passa ai contenuti principali

Lasagnetta veggie di pane carasau, con ricotta vaccina, cavolo nero e zucca caramellata

Ad ogni weekend mi accorgo d'arrivarci veramente satura e bisognosa di dedicarmi a quello che mi fa star bene.
Durante la settimana, in questo periodo, è un gran susseguirsi di vellutate, zuppe ed acquecotte e, nei giorni festivi, capita non di rado di doversi dedicare alla cucina degli avanzi.
Perché in questa casa si fa il possibile per non buttare via nulla e per dimostrare come - dalla cucina di quel che resta - sia possibile dare corpo e sostanza a piatti assolutamente nobili. Da mettere in tavola - perché no - anche il giorno di Natale o Santo Stefano.
E allora dò un'occhiata al frigo, dove ancora ho un mazzetto di cavolo nero, che utilizzo spessissimo per zuppe, passati di verdura o per sfiziose bruschette piccanti, alla toscana. Come Veronesi docet, le verdure a foglia verde sono anti-tumorali e non mancano mai nella mia dieta.
E ho ancora della zucca, quel che resta di un meraviglioso fuoriporta langhigiano.
E ho delle nocciole Piemonte IGP, solo una manciata, rimaste dalla preparazione della torta gluten-free, presentata qualche capitolo fa.
Ed infine, ho dato uno sguardo alla dispensa, da cui ho tratto i restanti ingredienti che, combinati, hanno dato vita a questa lasagnetta vegetariana.
Un piatto completo ed appagante nel gusto: con la dolcezza della zucca, amplificata dal miele di castagno; l'accento minerale del cavolo nero e quello piccante del piment d'Espelette; la cremosità della ricotta vaccina e la nota croccante/tostata della nocciola.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Ed è subito Natale...

La lista degli Ingredienti
per 2 persone

Per la lasagnetta
3 fogli di pane Carasau
200gr di zucca mantovana bio
100gr di cavolo nero
250gr di ricotta vaccina freschissima
1 manciata di nocciole Piemonte IGP
grana d'oro Vacche Rosse, q.b.
2 cucchiaini di miele di castagno
1 scalogno banana
2 spicchi d'aglio rosso di Sulmona
olio EVO, q.b.
timo q.b.
piment d'Espelette, q.b.
fleur de sel aromatizzato alle erbe provenzali, q.b.

Per il brodo vegetale
acqua, q.b.
una patata
una carota
uno scalogno banana
un bouquet garni (il mio compsto da alloro, salvia e timo)
pepe nero in grani, q.b.
fleur de sel, q.b.

Per la guarnizione
una manciata di nocciole Piemonte IGP
salvia, a piacere

Come procedere

Preparate il brodo vegetale, portando ad ebollizione l'acqua con le verdure, le spezie e le erbe aromatiche.
In una teglia, bagnate i fogli di pane carasau con un poco di brodo, lasciateli riposare un paio di minuti in modo che diventino morbidi e flessibili. Ricavate da essi 6 dischi, aiutandovi con un coppapasta diametro 10.
Sbollentate il cavolo nero per 5' in acqua bollente e leggermente salata. Lasciate raffreddare.
Preparate la crema, unendo nel mixer la ricotta, 2/3 del cavolo nero, il piment d'Espelette, una manciata di nocciole Piemonte IGP ed un pizzico di fleur de sel aromatizzato alle erbe provenzali. Tenete da parte.
Tagliate la zucca a cubetti. In un saltapasta, fate soffriggere lo scalogno finemente tritato e uno spicchio d'aglio in camicia con un filo d'olio EVO, aggiungete la dadolata di zucca e portate a cottura, sfumando di tanto in tanto con il brodo vegetale a disposizione. Insaporite con timo e peperoncino piccante (il mio piment d'Espelette) e aggiustate di sale. A cottura quasi ultimata, aggiungete due cucchiaini di miele di castagno, amalgamate bene e lasciate caramellare per qualche minuto ancora. Lasciate raffreddare e tenete da parte.
Foderate una placca con carta forno, ungete la base e i coppapasta con un filo d'olio EVO e cominciate a stratificare gli ingredienti: pane carasau, crema di ricotta, cavolo nero, zucca caramellata, grana d'oro Vacche Rosse e così via, fino a comporre tre strati.
Guarnite l'ultimo strato con nocciole grossolanamente frantumate al coltello.
Passate in forno ventilato, già caldo, a 180°, per una ventina di minuti. Considerate anche un paio di minuti per la funzione grill.

I miei Suggerimenti

Sformate le lasagnette al carasau con l'aiuto di un coltello a lama piatta. Decorate con foglioline novelle di salvia officinalis ed un giro d'olio EVO a crudo.

Commenti

  1. Bellissime!!! Ottimi tutti gli ingredienti, brava Lore, poi sfondi una porta aperta con la cucina del riciclo, anche da me non si butta mai davvero nulla!! Brava!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, tesoro. Allora viaggiamo sulla stessa lunghezza d'onda: niente a buttare!
      Un mega abbraccio

      Elimina
  2. tu sei sempre più brava e che mix di sapori... complimenti veramente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice che ti sia piaciuta l'idea! Un forte abbraccio e tanti auguri

      Elimina
  3. Approvo la tua scelta di non gettare gli avanzi e di regalargli nuova forma e vita :-) Questa lasagnetta è la fine del mondo...vado a controllare se ho anch'io la fortuna di trovare questi preziosi ingredienti in casa :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il pane carasau per me è un must have: adoro la Sardegna.
      Non è semplice dare forme appetibili a qualche foglia verde d'avanzo o a qualche mela sgonfia, ma da me esigo il massimo... ;-)

      Elimina
  4. Tanti auguri di buon Natale Lore!! Un bacio grande!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!