Passa ai contenuti principali

Di sfoglia e visioni bucoliche. E' la mia torta rustica con cotto arrosto, tomino piemontese e broccoletti

Maggio, con le sue giornate tiepide, risveglia in ciascuno di noi quella voglia di girovagare e stare quanto più possibile all'aria aperta.
Che sia per un pic-nic en plein air, che sia per un pranzo al sacco in occasione di una gita fuoriporta: potete sostituire il solito panino cotto e formaggio con una sfogliata, una torta rustica, qualcosa di appetitoso ed allettante.
Quando l'organizzazione dell'uscita e dell'itinerario rubano del tempo ma si desidera che la proposta gastronomica per il pranzo sia più che dignitosa, allora gli habitué delle Domeniche sul prato e gli itineranti delle brevi tratte dovranno davvero lanciarsi su di una proposta come questa.
Una proposta gustosa, semplice e veloce da preparare, anche con netto anticipo. Conquista con un gioco di sapori e consistenze: croccante è il guscio di pasta sfoglia; morbido e saporito è il prosciutto cotto arrosto. Abbiamo poi la parte vegetale, immancabile per fare il pieno di fibre e il lato godereccio maximo, dato dalla fondue di tomino piemontese: così filante, fondente, delizioso.
Con il pepe ed il coriandolo, che completano il campionario di profumi legati a questo piatto, melius abundare.
Quando stare in cucina è come trovarsi in un olfattorio: circondati dal profumo di buono.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!


La Lista degli Ingredienti
per 4 persone

1 confezione di pasta sfoglia pronta all'uso
1 cavolo broccolo di media grandezza
1 etto e 1/2 di prosciutto cotto arrosto
2 tomini piemontesi
coriandolo essicato, a piacere
pepe nero, a piacere
sale nero di Cipro, q.b.

Come procedere

Anzitutto, occupatevi della pulizia dei broccoletti, lavando accuratamente e dividendo l'ortaggio in cimette, che sbollenterete per una decina di minuti in acqua leggermente salata.
Scolate e lasciate raffreddare la verdura, prima di passare alla fase successiva.
Srotolate la sfoglia, foderateci una tortiera dai bordi bassi ed ondulati, bucherellate la base con i rebbi di una forchetta.
Create una base con le fette di cotto arrosto che avete a disposizione, distribuite le cimette di broccolo e i tomini ridotti a cubetti.
Completate con il sale nero di Cipro, che esalta il sapore delle verdure e profumate con abbondante coriandolo e pepe nero.
Cuocete in forno preriscaldato a 230° per 20/25 minuti.

I miei Suggerimenti

Lasciate raffreddare la sfogliata prima di porzionarla.
Sarà ottima sia servita tiepida, che fredda: l'ideale per un pic-nic en plein air e una proposta furba per un packed lunch in occasione di una gita fuoriporta, in sostituzione al solito panino.

Con questa ricetta partecipo al contest "Come ti piace farlo. Il pic nic" del blog Kitchen Pinching.

Su WoMomS potete trovare una nuova ricetta firmata L'Angolo delle Ghiottonerie: si tratta della mia "Sfojata" con stracchino, broccolo, guanciale croccante e nocciola Piemonte IGP.
Una ricetta facile, veloce ma ricercata, nella quale si ha un arpeggio perfettamente arrangiato ed armonico tra gli ingredienti, di gustose e variegate note sovrapposte: la Croccante della nocciola e del guanciale, la Cremosa dello stracchino e la Vegetale del broccolo. WoMomS vi aspetta per scoprire la ricetta

Commenti

  1. Squisita e bellissima!! Io quando vado a camminare in montagna le faccio spesso le torte salate, rimangono morbide, invece il panino col freddo diventa di legno!! Brava, sapori davvero ben miscelati!!
    Un bacioneeee!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, tesoro. Hai poprio centrato l'intento. L'ideale per una gita in montagna, come anche da mangiare in riva al mare.
      Un fortissimo abbraccio.
      Lore

      Elimina
  2. Fantastica! Io poi sono una divoratrice di torte salate, sempre alla ricerca di farciture diverse.....bravissima :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Resta sintonizzata, Daniela cara. Ho idee da vendere per te che sei sempre alla ricerca di nuovi accostamenti!
      Un bacione
      Lore

      Elimina
  3. Bellissima, si mangia con gli occhi! Amo le torte salate e amo il cavolo in ogni sua qualità, perciò, ti rubo la ricetta. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E fai gran bene a rubarla, Ross. E' per questo che le ricette vengono pubblicate. Nello spirito di condivisione, che implica anche la realizzazione da parte di qualcun'altro. Se la realizzi, magari mandami una foto: mi piacerebbe pubblicarla sulla pagina facebook! :-D
      Un bacione
      Lore

      Elimina
  4. Splendida e gustosa, solo tu potevi creare questa meraviglia!
    Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, gioia! Se sempre gentilissima con me!
      Un bacione
      Lore

      Elimina
  5. Che delizia! Bravissima, hai abbinato degli ingredienti che insieme fanno il botto! Gnam!! Buon week end! Erika

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Erika, buon fine settimana anche a te! Ti ringrazio tantissimo per questi complimenti, detto da te che sei fantastica in cucina fa ancora più piacere.
      Un bacione
      Lore

      Elimina
  6. Che voglia di pic-nic, mi hai messo con questa buonissima torta salata! Adoro le torte salate in tutte le salse...ma con il tomino piemontese sai... che io e lui non ci conosciamo?!?! Mi hai incuriosito brava!!! :-)
    Baciuzzi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carmen, una imperdonabile lacuna. Soprattutto perché ti assicuro che a livello gustativo non conoscere il tomino piemontese è una grande perdita. Rovinosa direi!
      Un bacione
      Lore

      Elimina
  7. e' buonissima, facile e leggera! me la segno :)
    se vuoi ci possiamo aggiungere per seguirci.. ti lascio il mio link

    http://thatisammore.blogspot.it/

    ciao!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Grace, un attimo e sono subito da te!
      Un bacione
      Lore

      Elimina
  8. Ciao! le torte salate sono perfette per andare in giro,comode, buone e goduriose come questa :), grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E di che? E' un piacere condividere con cuoche appassionate e anche alle prime armi! :-D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…