Passa ai contenuti principali

Luxury salad in verrina. Lenticchie Beluga, anguria, feta e germogli

L'atteggiamento è quello tipico vacanziero, di chi ha già la testa da un'altra parte: pensando a pediluvi salini, bagni di sole e ali di gabbiano. In capo a meno di una settimana sarò sdraiata su quella battigia dove si schiantano le onde dell'Egeo, cullata dal canto delle sirene e baciata da un sole infuocato e traditore (ricordate Icaro?). Assaggi di una vita, a tratti dolce come i frutti di questa stagione meravigliosa.
Prima di partire, vi lascio con qualche ricetta veloce per rinfrescarvi in caso di clima torrido - in mia momentanea assenza - ed allietare le vostre serate estive.
Nella proposta di oggi, potete ritrovare tutto il lusso del Beluga nella sua versione veg, tutta la dolcezza delle prime angurie baby, un tocco di sapidità con la feta ed un tocco immancabilmente piccante con i germogli di ravanello. Questo è tempo di insalate creative.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!


La lista degli Ingredienti
per 2 persone

80gr di lenticchie Beluga
80gr di feta
3 fette di anguria baby
germogli di ravanello, a piacere
olio EVO, q.b.
fleur de sel, q.b.

Per la guarnizione
germogli di ravanello, q.b.

Come procedere

Le lenticchie Beluga non necessitano di ammollo preventivo. Lasciatele bollire per una mezzora e ricordate di aggiustare di sale solo a fine cottura, perché si mantengano ben morbide (questa semplice regola è da applicarsi in generale alla cottura dei legumi). Vi consiglio comunque di cuocerle la sera prima ed interrompere la cottura sotto un getto di acqua corrente, fredda.
Da una fetta regolare di anguria baby alta 1,5 cm, ricavate due dischi di polpa che faranno da base alla vostra verrina d'insalata. Riducete a dadini regolari le restanti fette d'anguria e raccoglietele in una ciotola con le lenticchie Beluga, ben fredde.
Aggiungete germogli di ravanello, a piacere, e della feta sbriciolata. Condite con filo d'olio EVO ed una bella presa di sale. Mescolate delicatamente e lasciate insaporire in frigorifero.

I miei Suggerimenti

Presentate l'insalata in maniera scenografica. Alla base avrete i dischi di polpa d'anguria, l'insalata e una guarnizione data dai germogli di ravanello.
Servite ben freddo, accompagnando ad un prosecco gelido.

Commenti

  1. Davvero super!! Brava Lore, la vglio provare!! Un bacione e beata te che tra non molto sarai spiaggiata in un paradiso!! A prestoooo!!

    RispondiElimina
  2. Che bella l'attesa delle vacanze, la voglia di staccare e volare verso lidi caldi e assolati :-)
    Attendo le tue proposte fresche e nel frattempo mi godo questa strepitosa verrina :-)
    A presto cara <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In arrivo tante fresche e gustose novità culinarie... :-*

      Elimina
  3. Oggi non da me non fa molto caldo, ma accetto ugualmente volentieri questa coppetta :)
    Un bacio e salutami il mare ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daniela, come mi hai chiesto gli ho portato i tuoi ossequi. Ricambia, in maniera non troppo cerimoniosa. ;-)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!