Passa ai contenuti principali

Gazpacho piccante di spinaci baby, kiwi e zenzero

Si torna a fare un po' di cucina leggera ed ipocalorica, ma senza eccessi nella filosofia salutista.
Del resto, a meno che si abbiano delle patologie, per tenersi in linea e in salute basta solo qualche piccolo accorgimento e una dieta naturalmente variegata.
Visto che siamo in vena di confidenze, allora vi svelo che uno dei miei trucchetti per rimanere in forma è proprio quello di servire prima della portata principale un gazpacho o, più semplicemente, mangiare una bella insalata mista. Ma il gazpacho resta davvero una bella alternativa.
Ed oggi parliamo proprio di una di queste zuppe "raw", a crudo: ricche di vitamine e di fibre, che aiutano a placare gli appetiti e a dare senso di sazietà, se servite prima del pasto principale, a base di cereali o proteine.
Il gazpacho andaluso è una zuppa fredda tipica dell'entroterra spagnolo, dove si registrano temperature davvero molto torride: tant'è che questo piatto viene tipicamente servito con cubetti di ghiaccio, per trovare refrigerio.
Ma nulla vieta di servirlo appena fresco, anche di questa stagione, soprattutto se siete alla ricerca di equilibrio e leggerezza. Provate il mio gazpacho che unisce frutta, verdura e spezie in un mix davvero molto interessante.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Dedicato a Stefania, che mi ha fatto dono di questi splendidi cucchiai in bambù.

La lista degli Ingredienti
per 2 persone

150gr di spinaci baby
1 kiwi ben maturo
1 pollice di zenzero fresco
1 manciata di coriandolo fresco
peperoncino rosso fresco, a piacere
il succo di 1/2 arancia rossa di Sicilia

Come procedere

Radunate gli ingredienti a crudo nel bicchiere alto di un mixer e passate il tutto.

I miei Suggerimenti

Presentate il gazpacho in verrina, con una fettina di peperoncino, tagliata in senso diagonale.
Per chi segue una dieta ipocalorica, è l'ideale prima del pasto principale per placare gli appetiti e dare senso di sazietà.
In estate può essere servito accompagnandolo con qualche cubetto di ghiaccio: rinfrescante, ritemprante e rigenerante.

Commenti

  1. Favoloso!! Anche io servo sempre delle insalate come antipasto, e la prossima volta anche questa delizia!! Brava Lore!! Un bacione e buon we!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trovo sia un ottimo spunto, soprattutto per chi tiene alla linea e a mangiare in modo equilibrato.
      Un abbraccio
      Lore

      Elimina
  2. Davvero molto intrigante questo mix di sapori, da provare! Adoro iniziare il pasto con queste pietanze raw, fresche e scaccia-fame ^_^
    Buon we cara <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un tantino in ritardo ma... Spero tutto OK e spero che tu abbia passato dei fantastici fine settimana nel frattempo.
      Un abbraccio

      Elimina
  3. Amiamo i gazpacho!! D'estate poi sono un must della nostra cucina.. Buonissimi, sani e, come dici tu, ottimi da gustare come entrée prima del pasto principale!
    Bella la tua versione, ci piace!

    RispondiElimina
  4. Ciao, non avevo mai pensato di aprire i pasti con delle 'zuppe', ma mi hai dato un'ottima idea! Questa deve essere davvero particolare e sono curiosa di provarla visto che amo gli spinaci in tutti i modi!!
    Baci, Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere se l'hai provata e se ti è piaciuta.
      Un abbraccio
      Lore

      Elimina
  5. bellissima presentazione! ma anche la ricetta, ovviamente!!!
    amelie

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Insalata di farro alla catalana

Amo moltissimo il luogo in cui vivo, la mia bella Brianza, un crocevia tra gli "Sciur" della Milano bene, i "Laghée" della zona di Como/Lecco e i "Muntagnat" della Valtellina e delle valli bergamasche. E per quel che mi riguarda è importantissimo fare delle scelte di salvaguardia delle realtà contadine del territorio, preservando in tal modo anche un pezzetto del nostro ambiente: è per questo motivo che, per l'acquisto delle materie prime (in particolare per alcune categorie di prodotto), preferisco rivolgermi alle piccole realtà rurali della zona (cascine, mulini), piuttosto che alla grande distribuzione. Una scelta per l'ambiente, per il territorio, per le tradizioni locali, che è anche garanzia di genuinità e alta qualità dei prodotti. Ed è bello poi vedere come, a partire da ingredienti semplici, sia possibile creare dei piatti tutt'altro che frugali. E' il caso di questa insalata di farro: fresca, deliziosa, un vero concentrato di sa…

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!