martedì 30 settembre 2014

Equinozio d'autunno e Tiramisù. E' il mio Tiramisù con sottobosco dolce-croccante di fichi secchi, scaglie di mandorla e Porto

L'Angolo delle Ghiottonerie, una ne pensa e cento ne fa.
Si parte dunque con questa nuova rubrica, pur sempre attinente al tema cibus, ma con una vena intimista. Una rubrica che parli un po' di me e di chi mi circonda; che mi aiuti a scavare un po' nel profondo; che racconti da dove arrivano le mie ispirazioni e il mio know-how.
Si parte dunque dalle origini, dal mio personalissimo big-bang, da chi mi ha mi ha fatto il dono della vita e che, necessariamente, deve aver trasmesso parte di quel patrimonio cromosomico, che ha portato a sbocciare in me la passione per i fornelli e la mania per l'estetica, l'armonia e le belle geometrie: chiamatela semplicemente genetica.
Per raccontare un po' di me e un po' di lei, la mia mamma, voglio pubblicare qui la lettera che le ho scritto nel giorno del suo compleanno:
"Per una mamma che ha avuto un'unica priorità nella vita: il bene dei suoi figli e di suo marito.
Non so se ce ne siano tante che, come te, abbiamo fatto dello spirito di sacrificio la propria firma, tanto da mortificarsi e privarsi di qualsiasi cosa, pur di accontentarci sempre.
E anche oggi, so che avrai da dire per questo piccolo dono. E so anche che non c'è cosa che ti possa ripagare di quello che hai fatto tu per noi, in tutti questi anni: con il tuo aiuto, il tuo supporto, il tuo dare per non avere mai nulla in cambio, il tuo sostituirti a noi nei momenti di bisogno, per ripagarti anche solo della tua presenza costante.
Forse ciascuno lo pensa della propria mamma ma oggi conta quello che penso io della mia. E io penso che, in ogni sempre e in ogni dove, non ci sia mai stata mamma più mamma di te.
E mi piacerebbe vederti un po' più padrona della tua vita e che pensassi un po' a te, vederti andare una volta in più dal parrucchiere, vederti una volta uscire a cena, vederti comprare una cosa che ti faccia felice e non sia sempre la più economica, vederti uscire per una gita la Domenica.
Tanti auguri di Buon Compleanno per i tuoi 68 anni".
Questa è la ricetta del Tiramisù, come viene fatto a casa mia, così come la mia mamma lo fa. E, credetemi, quando si parla di ricette di famiglia, non c'è Montersino che tenga.
Alla ricetta originale ho dato semplicemente quel tocco (autunnale) in più, per rendere omaggio a quella meravigliosa stagione in cui il sottobosco si fa croccante e altresì colorato: con i fichi secchi, una dolcissima tentazione, fatti rinvenire con una spruzzata di Porto - un vino liquoroso ed aromatico - e le mandorle a scaglie, a dare quella nota croccante come le foglie d'autunno.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!


La lista degli Ingredienti
per un ring dia. 10cm ed una piccola pirofila ovale

350gr di mascarpone freschissimo
200gr di savoiardi (i miei, savoiardi di Fonni)
2 uova bio freschissime
3 cucchiai di zucchero semolato extra-fine, aromatizzato alla vaniglia Bourbon
un pizzico di fleur de sel
caffè, una moka da 6
Porto, q.b.
8 fichi secchi
Mandorle a scaglie, q.b.
cacao amaro, q.b.
caviale di cioccolato, q.b. (il mio Venchi)

Come procedere

Tagliate in quarti i fichi secchi, spruzzateli appena con il Porto - meglio invecchiato - in modo che si reidratino e lasciateli marinare per una mezzora in frigorifero.
Preparate il caffè con la moka e, per comodità, lasciatelo raffreddare in una fondina, dove andrete ad intingere i savoiardi.
Procuratevi due ciotole pittosto capienti e separate gli albumi dai tuorli.
Sbattete i tuorli con tre cucchiai di zucchero aromatizzato alla vaniglia, fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Setacciate il mascarpone e aggiungetelo al composto di uova e zucchero.
Montate a neve le chiare d'uovo con un pizzico di fleur de del e, con accortezza, aggiungete gli albumi al composto di uova e mascarpone, mescolando delicatamente dall'alto verso il basso.
Ora potete assemblare il vostro tiramisù, stratificando i diversi ingredienti: i savoiardi generosamente imbevuti di caffè, la crema tiramisù, il cacao ed il caviale al cioccolato e, per concludere, i fichi secchi rinvenuti nel Porto e le scaglie di mandorla. Due strati cos composti saranno sufficienti.
Lasciate riposare il dolce in frigorifero, fino al momento di servire.

I miei Suggerimenti

Le dosi qui sopra riportate sono sufficienti per almeno 8 persone.
Se utilizzate un ring, abbiate cura di foderarlo con della carta forno per agevolarvi al momento di sformare il tiramisù.
La vaniglia Bourbon ed i fichi secchi non fanno che amplificare la sensazione di dolcezza, pertanto non esagerate con le dosi di zucchero ed utilizzate del cacao rigorosamente amaro a contrasto.
Servite a fine pasto - meglio se light - con un bicchierino di Porto invecchiato, liquoroso ed aromatico, che notoriamente ben si sposa con i dolci a base d'uovo e la frutta secca.

Con questa ricetta partecipo al contest "Ricette d'Autunno".

12 commenti:

  1. Semplicemente bellissima, questa lettera esprime tutto l' amore per una mamma con la M maiuscola! E tu sei una figlia fantastica!
    Meravigliosamente delizioso...un tiramisù da 10 e lode! Bravissima !
    Complimenti alla tua mamma, che ha saputo trasmetterti tutto il suo sapere!
    Un abbraccio Laura:-):-):-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura, sei stata veramente molto carina a lasciare un commento così bellino! Un bacione
      Lore

      Elimina
  2. Che dolce che sei... <3 bravissima cara, a presto

    RispondiElimina
  3. Non solo mi hai fatta emozionare, mi hai proprio commossa, l'amore per la tua mamma è splendido... e il tuo tiramisù è divino quanto voi... Sei speciale, un abbraccio Lore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vita è più bella quando non si ha timore dei sentimenti. E io alla mia mamma voglio un sacco di bene e per me non è una vergogna ma un orgoglio dirlo a tutti! Un bacione
      Lore

      Elimina
  4. Bravissima Lore!!! Dolce e dinamica!! Tua mamma sarà davvero orgogliosa di te!! E del tuo tiramisù!! Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E me lo auguro! Se così non fosse, dovrei legarmela al dito. ;-)

      Elimina
  5. Bello e commovente, penso che la tua mamma sia stata felice di poter leggere questo biglietto.
    Il tuo tiramisù è divino :)
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, tesoro. Lo è stata molto e mi sono commossa un filino anche io mentre o leggeva.
      Un bacione
      Lore

      Elimina
  6. Non potevi raccontare meglio di te e di lei se non attraverso queste parole..l'amore c'è ed è sincero proprio come questo dolce..irresistibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci vogliono amore, passione e sincerità anche in cucina. Un bacio
      Lore

      Elimina