Passa ai contenuti principali

Torta al cacao, al profumo d'arancia. Senza burro, senza lattosio

Mani. Mani sciupate dal tempo. Mani che hanno lavorato tanto e ne portano i segni. Mani che da dire hanno tanto.
Vorrei aprire questo post con un ringraziamento speciale alla persona che ha dato le sue splendide mani in prestito al mio obiettivo. A mia madre, scivolata dentro casa mia per darmi l'aiuto che solo una madre può dare e che arriva a dare, anche quando non è espressamente richiesto.
Qualche scatto non previsto, inatteso, con quelle mani a fare da protagonista, in un tiepido Sabato pomeriggio di Febbraio.
Una dolce non troppo dolce, per rendere speciale un giorno come un altro. Una torta realizzata in tempo da record, senza l'ausilio delle fruste elettriche: con una semplice forchetta e tanto olio di gomito.
Una torta di una semplicità imbarazzante e di gusto molto classico: ho sempre creduto nell'indissolubilità del matrimonio tra cacao ed agrumi.
Con la particolarità d'essere a prova di intolleranze: senza burro e senza lattosio.

La lista degli Ingredienti
per una teglia diametro 12 cm

Per la torta
60 gr di farina "00"
35 gr di zucchero di cocco
25 ml di olio di semi di girasole
15gr di polvere di cacao crudo bio
un uovo bio di media grandezza
un cucchiaio di latte senza lattosio
1/2 cucchiaino di lievito per dolci
scorzetta d'arancia, a piacere
un pizzico di fleur de sel

Per la guarnizione
1/2 arancia a fettine

Come procedere

Raccogliete gli ingredienti secchi in una ciotola piuttosto capiente: la farina "00" passata due volte al setaccio, il cacao crudo, il lievito, la presa di sale. Profumate a piacere con scorzetta d'arancia.
Sbattete l'uovo con lo zucchero di cocco, versate l'olio di semi e il latte e miscelate bene il composto liquido.
A questo punto, unite tutti gli ingredienti, versando il composto liquido poco alla volta e mescolate a lungo fino ad ottenere un impasto liscio e senza grumi.
Versate il composto in una tortiera oliata ed infarinata, riempitela per 3/4 ed utilizzate delle fette di arancia come topping
Preriscaldate il forno ad una temperatura di 180° e cuocete la torta per 40 minuti circa in forno statico. Se necessario, fate la prova dello stecchino per la verifica della cottura.
Lasciate raffreddare completamente il dolce su una gratella prima di servire.

I miei Suggerimenti

Un dolce dal gusto classico, che vedrei bene accostato ad una fumante tazza di te.






Commenti

  1. Molto invitante, buona serata MichelaenCuisine

    RispondiElimina
  2. Le mamme <3
    Una torta deliziosa!
    Buon inizio di settimana

    RispondiElimina
  3. le mani della mamma che raccontano un vissuto..bellissimo scatto e torta perfetta anche per noi intolleranti!

    RispondiElimina
  4. Come si farebbe senza le mamme?? Grazie x questa ricetta e questa piccola dichiarazione d'amore <3

    RispondiElimina
  5. Che bello il racconto di questa foto, speciale come solo le mamme possono esserlo.
    Ricetta deliziosa.

    Felice weekend,
    Angelica

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cestini di pasta brisée con ricotta di bufala, porro e pancetta affumicata

Se vi dovesse venire la voglia di preparare un antipastino sfizioso, che non porti via troppo tempo nella preparazione, questo è l'ideale.
In generale, considero la pasta brisée e la sfoglia già pronte come una sorta di manna dal cielo, poiché ci permettono di fare efficienza risparmiando parecchio tempo, facendo comunque un gran figurone.
La freschezza della ricotta, la croccantezza e il sapore leggermente affumicato dei "coriandoli" di pancetta soffritti e la dolcezza del porro rosolato in padella faranno il resto.
Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi stessi e sorprenderete anche i vostri ospiti!

Brandade de morue: baccalà alla provenzale

Chi mi conosce sa di questa mia fissazione per la Provenza: una fissazione che ha del patologico. Adoro i luoghi della Provenza, lo stile shabby-chic provenzale, la cucina di Provenza, semplice ma odorosa e raffinata. Per voi oggi indosso i panni de la Marianne, simbolo di Francia, proponendovi un piatto per nulla difficoltoso: una di quelle preparazioni che si fanno da se, con un minimo sforzo per una massima resa. In Francia lo chiamano "Brandade de Morue", ma non è che il parente prossimo del "Brandacujun", tipico del ponente ligure. Questa la prefiguro come una proposta adatta ad un antipasto rustico o per un aperisfizio assolutamente informale tra amici, dove spalmare crostoni di pane brascato con salsine di ogni sorta e diversa provenienza e dove mangiare rigorosamente con le mani. Di nuovo, per palati che prediligono gusti decisi e piatti di sostanza. Ora vi lascio alla ricetta: stupite voi e stessi e soprenderete anche i vostri ospiti!

Skopelos. Di giada, smeraldo ed avventurina

Colpisce per questa vegetazione, fiera e rigogliosa, dove si alternano alte pinete e secolari uliveti; con questi lampi accecanti di giada, smeraldo ed avventurina. Arrivando dall'antica via, quella del mare, ci si trova dritto in fronte lo spettacolo della Chora, con un grappolo di case bianche, in tipico stile macedone. Geometrie e perfetto bilanciamento, simmetrie e verticalità: in altre parole, un senso di ordine. Non per nulla, Skopelos town è considerato in assoluto il villaggio più bello dell'arcipelago delle Sporadi. Un luogo di cui innamorarsi profondamente, in cui trovare la propria dimensione, in cui alfine sentirsi a casa: questa è Skopelos.